a Scuola di Fisa
qr_code

Lo sviluppo del repertorio per fisarmonica nell’URSS e in Russia

Scritto da
/ / Scrivi un commento

ZolotarevLe musiche originali per fisarmonica, scritte da compositori russi, hanno avuto molto successo e le ritroviamo nei repertori degli studenti e degli artisti professionisti che si esibiscono sui palcoscenici di tutto il mondo. Le opere di Vladislav Zolotarev, Evgeny Derbenko, Vladimir Zubitsky, Albin Repnikov, Viatcheslav Tchernikov e Anatoly Kusyakov si possono ascoltare nel corso di ogni importante competizione internazionale.

Questo primo articolo della serie sui compositori russi è solo un breve escursus dello sviluppo del repertorio della fisarmonica in Unione Sovietica e Russia. La diffusione dell’armonica e della fisarmonica in Russia risale a più di 150 anni fa, ma nella prima parte del 20° secolo l’armonica, ancora, era solo uno strumento d’intrattenimento.

Dalla fine del 19° secolo alcuni musicisti cercarono di espandere il repertorio dell’armonica utilizzando brani di musica classica. Tra questi si distinsero una serie di ben noti armonicisti come Piotr Nevsky, Piotr Zhukov, Jakov e Sergey Orlansky – Titarenko. Tuttavia, il repertorio era dominato da melodie pensate per “gusti senza pretese”, non c’era una letteratura specifica per lo strumento.Repnikov

Nella seconda metà del 1920 la popolarità dell’armonica e della bayan in URSS assume una connotazione molto più rilevante. Alla fine di questo decennio vengono inaugurate le prime classi di fisarmonica nelle scuole secondarie e primarie musicali a Mosca, Leningrado (San Pietroburgo), Nizhny Novgorod e in altre città dell’Unione Sovietica e sono proprio i progressi relativi alla formazione professionale, soprattutto nella musica folk, che porteranno allo sviluppo attivo del repertorio.

Nel 1935 si verifica un evento molto importante: il 22 maggio, per la prima volta nella “Academic practice” si tiene il concerto del celebre fisarmonicista Pavel Gvozdev che propone un recital in due parti sul famoso palco – Hall of Chamber Music Society di Leningrado. Il programma del concerto comprende musiche di stampo classico abbastanza sofisticate e due anni dopo, in uno dei più prestigiosi palcoscenici dell’URSS – Sala della Filarmonica di Leningrado – esegue la prima opera (importante) scritta per fisarmonica – Concerto per fisarmonica e orchestra di Pheodosiy Rubtsov, poi ripreso anche da P. Gvozdev. Questo susseguirsi di eventi ha contribuito a cambiare l’opinione dei musicisti circa le possibilità artistiche ed espressive della bayan.

Nel 1930, grazie alle performances del talentuoso fisarmonicista e compositore Ivan Panitskiy notoriamente apprezzato in virtù della sua grande passione per la musica folk, lo strumento esplora ulteriori confini ed è grazie a lui che l’incarnazione della musica popolare dell’URSS arriva sui palcoscenici di tutto il mondo.

Viatcheslav SemionovAgli inizi degli anni ‘40 e ‘50 inizia un processo didattico/formativo incentrato sulla bayan. La grande diffusione dello strumento, sia nelle scuole che nelle sale da concerto, porta alla realizzazione dei primi lavori “originali” – Sonata h-moll (1944) e il Concerto per fisarmonica e orchestra sinfonica B-dur (1951), entrambi di Nikolay Tchaikin. Queste opere costituiscono la base del repertorio della formazione musicale superiore.

Un ruolo importante è quello svolto dall’insegnamento della musica folk nei licei dell’Unione Sovietica; nel 1948 viene inaugurato l’Istituto Statale Pedagogico Musicale da Gnesins’ (ora la Gnesin Academy di Musica in Russia) a Mosca.

Circa un decennio dopo, dal 1958, i fisarmonicisti sovietici cominciano a partecipare ai concorsi internazionali e a presentare alle grandi platee le opere frutto della genialità di alcuni bravissimi compositori. Brani originali per fisarmonica elaborati da Albin Repnikov “Capriccio – Concerto per bayan…”, il ben noto “Suite per bayan” scritto da uno dei più rispettati compositori della musica sinfonica, Alexander Kholminov , così come le nuove composizioni per bayan di Tchaikin, ad esempio Concerto Suite (1962).

Dal 1965 il repertorio si sviluppa ulteriolmente grazie alle opere del giovane compositore Vladislav Zolotarev ed è a questo punto che i musicisti russi scoprono le nuove possibilità della multi-timbrica fisarmonica a bassi sciolti; da questo momento in poi tutte le nuove composizioni hanno uno stile nuovo, inaspettato e rivoluzionario per la tradizionale bayan.

Tra i tanti autori russi, un altro musicista degno di nota, che con le sue intuizioni ha contribuito a cambiare la letteratura della fisarmonica, è Friedrich Lips.Gubaidulina Sofia

Dal 1970, quest’ultimo, assecondato da molti altri bravissimi colleghi, si prodiga per promuovere un nuovo repertorio. La nuova generazione di compositori, costituita oramai da veri e propri professionisti, porta in dote una concezione totalmente diversa dello strumento che fa breccia anche tra gli assidui frequentatori delle più importanti sale da concerto.

Grazie all’attività di Lips a Mosca, così come quella di altri eccezionali musicisti tra i quali Viatcheslav Semionov a Rostov – sul – Don e Oleg Sharov a Leningrado (San Pietroburgo), il repertorio fisarmonicistico si arricchisce grazie all’apporto di ulteriori bravissimi autori: Gennady Banshchikov, Anatoly Kusyakov, Kirill Volkov e Alexander Zhurbin.

Alla fine degli anni 70 anche Sofia Gubaidulina volge il suo sguardo verso la fisarmonica e compone per lo stesso Lips due brani divenuti poi celebri: “De Profundis” e “Et Expecto“. Sarà poi la volta di altri compositori come Sergei Berinsky, Edison Denisov che, utilizzando un linguaggio marcatamente contemporaneo, scriveranno musiche per fisarmonica in differenti stili. I compositori moderni, quelli più preparati e avanguardisti hanno dato la possibilità di sviluppare gli studi nella dodecafonia, nella tecnica seriale, nella musica aleatoria, inventando una nuova tavolozza timbrica e delle nuove sonorità e cluster.

L’inizio del rinnovamento della musica per fisarmonica in Russia e il primo passo verso uno stile contemporaneo, arriva con la pubblicazione della “Sonata N. 3” di Vladislav Zolotarev (1974); questo brano è diventato una delle composizioni più eseguite.

Nei prossimi articoli vorrei parlarvi degli autori contemporanei russi che hanno strutturato le loro opere proprio per bayan; nomi importanti dell’universo fisarmonicistico quali Sofia Gubaidulina, Sergey Berinsky, Viatcheslav Semionov, Efrem Podgaits e cercherò di fare una panoramica sullo stato attuale della fisarmonica e della letteratura moderna nel mio paese. Focalizzerò l’attenzione proprio su questi musicisti in quanto, a mio modo di vedere, rappresentano il fiore all’occhiello nelle diverse tendenze dell’arte fisarmonicistica e sono proprio loro che, con le loro opere, determinano il corso del repertorio di questo bellissimo strumento nel XXI secolo in Russia.

Yulia Amerikova

Autore: Yulia Amerikova

Yulia Amerikova ha scritto 3 articoli.

Questo post è disponibile anche in: Inglese



Gli appuntamenti

  • 17 luglio 2018Selezione Nazionale COUPE MONDIALE (CIA)
  • 24 settembre 201871° Coupe Mondiale (CIA)
  • 21 novembre 2018Strumenti&Musica Festival
AEC v1.0.4

News


In evidenza

He comprends riens dans la musique (quarta parte)

He comprends riens dans la musique (quarta parte)

Dopo il successo di L’oiseau de feu, quello di Petrouschka (1911). Nel nuovo lavoro di Igor Stravins[...]

Marc Berthomieux: la melodia come colonna portante

Marc Berthomieux: la melodia come colonna portante

Fisarmonicista di punta della scena francese e non solo, Marc Berthomieux è un musicista estremament[...]

Adamo Volpi (1911 - 1980) - seconda parte

Adamo Volpi (1911 - 1980) - seconda parte

Nel precedente articolo abbiamo visto che il primo pezzo per fisarmonica pubblicato da Adamo Volpi f[...]


Concorsi/Festival

Il Conservatorio di Cagliari indice il 1°concorso di composizione per bandoneón

Il Conservatorio di Cagliari indice il 1°concorso di composizione per bandoneón

Al via il primo concorso al mondo in composizione per bandoneón L’iniziativa nasce per emancipare l[...]

Sax Arts Festival 2018 - anteprima di prestigio con Pablo Ziegler

Sax Arts Festival 2018 - anteprima di prestigio con Pablo Ziegler

Il SaxArts Festival apre l'edizione 2018 con una anteprima prestigiosa di livello internazionale. Sa[...]

Ultimi giorni per iscriversi alle selezioni del folkcontest Etnie Musicali

Ultimi giorni per iscriversi alle selezioni del folkcontest Etnie Musicali

Ultimi giorni per inviare il materiale audio/video ed accedere alle selezioni del folkcontest Etnie [...]

CHIUDI
CLOSE