Popolare
qr_code

La nuova estetica della popular music nei 50 anni di Rolling Stones

Scritto da
/ / Scrivi un commento

GRRRPer celebrare i cinquant’anni di carriera, tra la fine del 2012 e l’inizio del 2013, i Rolling Stones hanno rimesso in moto una macchina organizzativa degna dei tempi migliori.

Hanno pubblicato “Grrr”, un greatest hits che è la summa delle composizioni dei Glimmer Twins (alias Jagger e Richards), contenente due inediti e, a seconda delle versioni, dalle cinquanta alle ottanta tracce, più vari bonus come, ad esempio, registrazioni da Ep in vinile;“Crossfire Hurricane”, il documentario che celebra la storia del gruppo; il dvd del Live in Chicago del 1981 con Muddy Waters e il libro “The Rolling Stones 50”, una biografia fotografica composta da molto materiale inedito (in Italia è uscito per Rizzoli). A Londra è stata inaugurata la mostra “Brown sugar on Main Street: unseen images of the Rolling Stones”. I due soli concerti – a Londra e New York – organizzati per il cinquantennale hanno registrato il tutto esaurito e hanno visto avvicendarsi sul palco molte star a celebrare la grande rock band inglese: da Springsteen a Clapton, da Lady Gaga ai Black Keys, da Wyman a Tylor (i due ex del gruppo).

La storia e la presenza sulle scene dei Rolling Stones ci spinge, in un certo senso, a ridefinire la categoria stessa di rock’n’roll e, in generale, di musica leggera (come la chiamiamo noi).

È il principio di una nuova rottura con una percezione ormai tradizionale e tradizionalizzata?

Se così fosse, vale forse la pena lasciarsi trasportare dall’idea. E provare a svilupparla in queste righe.

Oggi i Rolling Stones sono gli unici reduci del pionierismo rock degli anni Sessanta: attivi, in forma, pieni di voglia e ancora aderenti, nonostante cinquant’anni in più, alla sagoma e alla mitologia della rockstar perfetta. Anzi imperfetta, contraddittoria. Borderline.

E proprio oggi la loro imperfezione ci fa allungare il collo e misurare il riverbero che il fenomeno ha sul piano estetico oltre che musicale. A settant’anni, infatti, gli Stones non solo continuano a integrare, con segni riconoscibili, il frasario della musica leggera, ma soprattutto contribuiscono a ridefinire un’iconografia rancida che celebra tradizionalmente solo i grandi musicisti del passato (meglio se morti giovani e nel pieno dell’estro e dell’irriverenza).

In questo nuovo quadro possiamo leggere il rock’n’roll come un fenomeno popolare in evoluzione e non solo come il vettore di una rivoluzione. La parabola che è giunta fino a noi ritorna alla bocca scimmiesca e al corpo-frusta di Jagger, alla Gretsch di Charlie Watts (un jazzista che suona con un solo tom fin dall’inizio ma con una tecnica unica – zoppa, interrotta e prorompente – che ha determinato il sound della band) e, infine, alle mani di Keith Richards, ingrossate e deformi (come quelle di tanti musicisti popolari fotografati dagli etnomusicologi).

E se nell’opinione comune è permeata la valutazione riduttiva che incastra il genere (con scarsa attenzione ai relativi sottogeneri e articolazioni) nelle categorie dell’immaturità e della spregiudicatezza, agli occhi di molti il rock’n’roll è maturato e non è più soltanto la fiamma necessaria al cambiamento o all’alternativa all’establishment. Questo paradigma calzava sulla società e la cultura degli anni Sessanta. Oggi quella musica che apparve incomprensibile ai vecchi (e ad alcuni giovani) di allora – e che li lasciò sospesi in un tempo trascorso per sempre e imbavagliati dentro un codice ormai quasi incomprensibile – ha più proseliti di qualsiasi altro genere musicale e ha sviluppato soluzioni senza precedenti, sia sul piano musicale che del costume.

E ancora oggi nuovi strati si sovrappongono al nervo che avevano scosso i pionieri: la musica che per definizione sembrava destinata a una delirante ed eterna giovinezza è matura, ma gli innovatori continuano a proporci combinazioni interessanti, perché la materia prima è ancora duttile e ci si può lavorare.

Come ha dichiarato Mick Jagger, alla nostra età possiamo ancora permetterci di tener fede a due dei principi totemici della vita on the road, e cioè il sex e il rock’n’roll. Abbandoniamo giocoforza la droga ma, per quanto si perda qualcosa in poesia e decadenza, siamo più che soddisfatti e soprattutto in grado di bilanciare.

 

Autore: Daniele Cestellini

Daniele Cestellini ha scritto 752 articoli.

Questo post è disponibile anche in: Inglese



Gli appuntamenti

  • 17 luglio 2018Selezione Nazionale COUPE MONDIALE (CIA)
  • 24 settembre 201871° Coupe Mondiale (CIA)
  • 21 novembre 2018Strumenti&Musica Festival
AEC v1.0.4

News


In evidenza

He comprends riens dans la musique (quarta parte)

He comprends riens dans la musique (quarta parte)

Dopo il successo di L’oiseau de feu, quello di Petrouschka (1911). Nel nuovo lavoro di Igor Stravins[...]

Marc Berthomieux: la melodia come colonna portante

Marc Berthomieux: la melodia come colonna portante

Fisarmonicista di punta della scena francese e non solo, Marc Berthomieux è un musicista estremament[...]

Adamo Volpi (1911 - 1980) - seconda parte

Adamo Volpi (1911 - 1980) - seconda parte

Nel precedente articolo abbiamo visto che il primo pezzo per fisarmonica pubblicato da Adamo Volpi f[...]


Concorsi/Festival

Il Conservatorio di Cagliari indice il 1°concorso di composizione per bandoneón

Il Conservatorio di Cagliari indice il 1°concorso di composizione per bandoneón

Al via il primo concorso al mondo in composizione per bandoneón L’iniziativa nasce per emancipare l[...]

Sax Arts Festival 2018 - anteprima di prestigio con Pablo Ziegler

Sax Arts Festival 2018 - anteprima di prestigio con Pablo Ziegler

Il SaxArts Festival apre l'edizione 2018 con una anteprima prestigiosa di livello internazionale. Sa[...]

Ultimi giorni per iscriversi alle selezioni del folkcontest Etnie Musicali

Ultimi giorni per iscriversi alle selezioni del folkcontest Etnie Musicali

Ultimi giorni per inviare il materiale audio/video ed accedere alle selezioni del folkcontest Etnie [...]

CHIUDI
CLOSE