Notizie dal mondo
qr_code

Nel 2015 si celebra il centenario della nascita di Alan Lomax

Scritto da
/ / Scrivi un commento

Lomax CentenarioIl 2015 è il centenario della nascita di Alan Lomax e in tutto il mondo si stanno organizzando iniziative per celebrare la sua opera e il suo lavoro di ricerca sulle musiche popolari di tutto il mondo. Lomax – come abbiamo già scritto in questa rubrica – è nato in Texas e fin da giovanissimo, a seguito di suo padre, ha intrapreso il lavoro di raccolta dei repertori musicali popolari. Nelle prime fasi della sua ricerca si è dedicato alle musiche americane – sopratutto del sud degli Stati Uniti, ma non solo – per poi intraprendere un lungo viaggio che lo ha portato a lavorare in tutto il mondo, compresa l’Italia. Tra le iniziative che ricorderanno questo straordinario studioso – che ha ricoperto un ruolo fondamentale anche per le carriere di artisti come Leadbelly e addirittura Bob Dylan – quelle che assumono maggiore rilevanza sono state organizzate da Cultural Equity, l’associazione fondata da Lomax nel 1983. Iniziamo dalla prima, perché ci interessa più da vicino. Il 31 gennaio scorso – il giorno del compleanno dello studioso di Austin – è stata organizzata a Catania l’iniziativa “Omaggio ad Alan Lomax (Homage to Alan Lomax)”, durante la quale è stata esposta una mostra fotografica e si sono esibiti vari artisti, tra cui la Civita Folk Orchestra, Mimì Sorrentino e gli Accusati, M. Cuzzocrea & F. Barbanera. L’evento è stato organizzato dal club La Lomax. La radio KBOO ha organizzato “Alan Lomax Centennial Celebration”, uno special di tredici ore di programmazione sui materiali registrati da Lomax. È stato realizzato a Louisville, in Kentucky, l’evento “Alan Lomax: Folklorist Filmmaker”, una maratona di sei ore di proiezioni di film e footage dei viaggi di Lomax ad Haiti, in Kentucky e in Michigan. Infine l’associazione ha organizzato “Am I born to die?”, un pomeriggio di performance a Londra, al Caroline Gardens Chapel, durante il quale si sono esibiti The Own Service, GentleFolk, Long Pike Follow, Nancy Wallace, Justin Hopper, Lost Harbours, You Are Wolf, Sharron Krauss & Plinth.

Autore: Daniele Cestellini

Daniele Cestellini ha scritto 752 articoli.

Questo post è disponibile anche in: Inglese



Gli appuntamenti

  • 17 luglio 2018Selezione Nazionale COUPE MONDIALE (CIA)
  • 24 settembre 201871° Coupe Mondiale (CIA)
  • 21 novembre 2018Strumenti&Musica Festival
AEC v1.0.4

News


In evidenza

He comprends riens dans la musique (quarta parte)

He comprends riens dans la musique (quarta parte)

Dopo il successo di L’oiseau de feu, quello di Petrouschka (1911). Nel nuovo lavoro di Igor Stravins[...]

Marc Berthomieux: la melodia come colonna portante

Marc Berthomieux: la melodia come colonna portante

Fisarmonicista di punta della scena francese e non solo, Marc Berthomieux è un musicista estremament[...]

Adamo Volpi (1911 - 1980) - seconda parte

Adamo Volpi (1911 - 1980) - seconda parte

Nel precedente articolo abbiamo visto che il primo pezzo per fisarmonica pubblicato da Adamo Volpi f[...]


Concorsi/Festival

Il Conservatorio di Cagliari indice il 1°concorso di composizione per bandoneón

Il Conservatorio di Cagliari indice il 1°concorso di composizione per bandoneón

Al via il primo concorso al mondo in composizione per bandoneón L’iniziativa nasce per emancipare l[...]

Sax Arts Festival 2018 - anteprima di prestigio con Pablo Ziegler

Sax Arts Festival 2018 - anteprima di prestigio con Pablo Ziegler

Il SaxArts Festival apre l'edizione 2018 con una anteprima prestigiosa di livello internazionale. Sa[...]

Ultimi giorni per iscriversi alle selezioni del folkcontest Etnie Musicali

Ultimi giorni per iscriversi alle selezioni del folkcontest Etnie Musicali

Ultimi giorni per inviare il materiale audio/video ed accedere alle selezioni del folkcontest Etnie [...]

CHIUDI
CLOSE