Folk
qr_code

28° Festival “Francesco Bande” – il resoconto dell’evento

Scritto da
/ / Scrivi un commento

28° Festival “Francesco Bande”

Colori e Suoni della Sardegna Canti e Voci Musiche e Balli

Sassari, lunedì 1 Agosto 2016 – Chiesa Sant’Antonio Abate – Piazza Sant’Antonio

 

28° Festival Francesco BandeIl 1 Agosto, a Sassari, si è tenuto il concerto folkloristico dedicato a Francesco Bande, fisarmonicista originario di Bultei, autore e compositore, cantante originale ed inimitabile, animatore eccezionale di tutte le feste isolane che dedicò i cinquant’anni della sua vita a divulgare la tradizione musicale in Sardegna, nel resto dell’Italia e all’estero, contribuendone alla valorizzazione in tutte le sue più alte forme espressive.

L’associazione “Francesco Bande” ha organizzato, con il patrocinio del Comune di Sassari – Assessorato alla Cultura, la 28° edizione del Festival omonimo nel quale è stato dato ampio spazio alla cultura musicale isolana in tutti i suoi aspetti nel tentativo di trasmettere al pubblico presente l’amore per le tradizioni e la ricchezza dei contenuti storici intrinsechi. L’evento, quest’anno in veste estiva, è andato ad arricchire il programma di “Sassari Estate” e, per la seconda volta, è stato realizzato nella splendida e settecentesca cornice della Chiesa di Sant’Antonio Abate, nota ai Sassaresi come “Servi di Maria”, poiché ospita l’omonima confraternita. La Chiesa fu costruita tra il 1700 e il 1707 su iniziativa del vescovo di Bosa ed è gestita dal Rettore Don Fernando Cornet e dalla Confraternita.

Gli artisti che hanno dato vita allo spettacolo sono giunti da alcune bellissime e storiche località tra le quali Quartu Sant’Elena, terzo comune della Sardegna per numero di abitanti, Macomer, ridente cittadina situata al termine dell’altopiano di Campeda al confine della catena del Marghine e Goceano e Sassari, capoluogo dell’omonima Provincia, Città Regia, Città dei Candelieri e della “Cavalcata Sarda”. Il concerto, articolato in sezioni, ha proposto canti della tradizione sacri e profani sia nella versione originale sia in singolari arrangiamenti.

28° Festival Francesco BandePer la sezione aerofoni ad ance libere in serie (fisarmonica diatonica) si è esibita Inoria Bande (figlia del Maestro Bande), organettista e cantante che, col suo strumento e la sua voce, ha proposto esecuzioni di musiche religiose e profane. L’artista, solista unica nel suo genere, reduce da alcuni concerti all’estero, non ha fatto mancare le gioiose, ritmate e simpatiche esecuzioni delle composizioni del padre Francesco che culminano sempre nei caratteristici “urletti” tipici della famiglia d’arte Bande.

È stata poi la volta, per la sezione canti solistici del Campidano, della bravissima Susy Monni, voce solista e chitarra, giunta da Quartu Sant’Elena. La strumentista ha indossato la fedele riproduzione dell’abito che appartenne alla Nobil donna quartese Maria Piras che apparve, per la prima volta, in una rara iconografia del ‘600. L’artista, originaria di Burchi, è cantante e autrice, insegnante di teatro e tradizioni popolari, studiosa di linguistica, esperta di abbigliamento tradizionale quartese ed è reduce da alcune esibizioni presso la Santa Sede in Vaticano, dove ha eseguito, insieme al suo gruppo musicale, canti della Messa in sardo.

Per la sezione Canti polifonici del Campidano si è esibita l’associazione “Quarto Domino” che prende il nome da un antico villaggio che, nell’anno 1300, sorgeva nei pressi di Quartu Sant’Elena. L’associazione, specializzata in filologia dei costumi tradizionali e dei canti in lingua campidanese, ha proposto esecuzioni tipiche della Messa in limba – tipologia Quartese. Per l’occasione, i componenti del gruppo vocale, hanno indossato un abbigliamento di fine ‘800 al fine di accompagnare il numeroso pubblico in un viaggio attraverso pizzi, merletti e ricchi monili tipici del Campidano di Cagliari.

Il Coro “Melchiorre Murenu” da Macomer, diretto dal M° Francesco Vacca Baldus, si è esibito per la sezione Canti polifonici del Marghine. L’associazione, nata 43 anni fa con lo spirito di divulgazione della tradizione popolare, interpreta un vasto repertorio di canti popolari sacri e profani, ma valorizza, in modo particolare, le composizioni del poeta di Macomer, Melchiorre Murenu, (1803,1854) dal quale prendono il nome.

28° Festival Francesco BandeA seguire, per la sezione Canti polifonici Gregoriani, è stata la volta dell’associazione Polifonica “Eleonora D’Arborea” di Sassari, diretta dal M° Ciro Cau. L’associazione, nata nel 1997, è un importante punto di riferimento nello studio dei canti tradizionali isolani, gregoriani, religiosi e monodici del medioevo (esecutori del servizio liturgico presso la Chiesa B.V. del Rosario).

La manifestazione, tenutasi con la direzione artistica della Dott.ssa Inoria Bande, è stata presentata per il sesto anno consecutivo dall’attore Carlo Valle. Tutti i gruppi che hanno animato la serata hanno ricevuto gli attestati di partecipazione alla presenza del Sindaco di Sassari, Dott. Nicola Sanna, dell’Assessore alla Cultura, Dott.ssa Raffaella Sau, del Dott. Antonello Sassu, consigliere comunale, del Direttore del Museo Storico della Brigata “Sassari”, Ten. Col. Pasquale Orecchioni, in rappresentanza del Comandante del distaccamento della Brigata “Sassari” Colonnello Lorenzo Cucciniello, del Capitano Andrea di Lauro, in rappresentanza del Comandante del 152° Reggimento Fanteria “Sassari”, del Delegato e il Preside del Santo Sepolcro di Gerusalemme Comm. Leonardo Tilocca e Comm. Bastianino Casu.

L’evento ha riscosso un grande successo di critica e di pubblico nel ricordo sempre vivo del compianto Francesco Bande.

 

MUSEO DEMOETNOANTROPOLOGICO “FRANCESCO BANDE”

Sito web: www.museobande.it – e-mail: info@museobande.it

Via Francesco Muroni, n. 44 – 07100 – Sassari

Tel: 079 236572 – 331 2515292 – 339 3550952

Autore: Gianluca Bibiani

Gianluca Bibiani ha scritto 1015 articoli.



Gli appuntamenti

  • Nessun evento imminente
AEC v1.0.4

News


In evidenza

Il Conservatorio D'Annunzio ospita il Premio Nazionale delle Arti di Fisarmonica

Il Conservatorio D'Annunzio ospita il Premio Nazionale delle Arti di Fisarmonica

Nei giorni di venerdì 22, sabato 23 e domenica 24 settembre presso l’Auditorium del Conservatorio di[...]

Una nuova identità per un NCDMI sempre più agile

Una nuova identità per un NCDMI sempre più agile

A Castelfidardo due giorni di intenso lavoro nel contesto del PIF 2017 per il Nuovo C.D.M.I., impegn[...]

"Venuto da un altro pianeta" - Il jazz al cinema (terza parte)

Intorno alla fine degli anni ’50, il jazz, anche in film non musicali, comincia a sostituire le part[...]


Concorsi/Festival

Il Conservatorio D'Annunzio ospita il Premio Nazionale delle Arti di Fisarmonica

Il Conservatorio D'Annunzio ospita il Premio Nazionale delle Arti di Fisarmonica

Premio Nazionale delle Arti di Fisarmonica presso il Conservatorio di Musica “Luisa D’Annunzio” di P[...]

Il russo Artur Adrshin vince il 42° Premio Internazionale di Fisarmonica

Il russo Artur Adrshin vince il 42° Premio Internazionale di Fisarmonica

CASTELFIDARDO - "It's incredible for me": Artur Adrshin iscrive il suo nome nel prestigioso albo d'o[...]

PIF 2017 Castelfidardo - Premio di fisarmonica, gran finale live sul palco dell'Astra

PIF 2017 Castelfidardo - Premio di fisarmonica, gran finale live sul palco dell'Astra

Domenica 17: festa di chiusura in piazza della Repubblica con prodotti tipici e mercatino   [...]