Notizie
qr_code

L’editoria italiana e lo studio dei repertori musicali popolari

Scritto da
/ / Scrivi un commento

MorbidoniIl panorama italiano delle musiche popolari ha assunto – specie da qualche anno a questa parte – un profilo molto indefinito. Da un lato perché in questo settore si è sempre in bilico tra prospettive di interpretazioni radicalmente diverse. C’è il revival, il popolarismo, la riproposta filologica, la riproposta orientata da forme sperimentali esplicite. Poi c’è l’accademia, e quindi l’interpretazione scientifica, e l’orizzonte dove si muovono gli appassionati, i cultori, che operano spesso apportando molte migliorie nell’ambiente, proponendo iniziative lodevoli, suggerendo provvedimenti necessari, ecc. Dall’altro lato, purtroppo, c’è il mercato. Legato, come sappiamo tutti bene, a dinamiche complesse. Dinamiche che coinvolgono non solo gli artisti ma anche i politici, gli operatori culturali e tutti quelli che cercano, con diversi interessi, di promuovere le produzioni musicali più disparate. In questo contesto l’editoria – che non ho annoverato fin qui perché è stata duramente colpita, più di tutti i soggetti di cui sopra, dalla crisi economica in corso – ha un ruolo più meritorio di quello che si può credere. Per due motivi principalmente. Innanzitutto perché i libri che vengono prodotti sulle musiche popolari (siano essi scientifici o divulgativi) non incontrano mai il consenso di un vasto pubblico. Per cui è l’editore che investe sul progetto con finalità concretamente culturali. In secondo luogo perché, proprio per contrastare la crisi (laddove è stato possibile), ha avuto la forza di riorganizzarsi, promuovendo la cultura scritta online. E affinando, in questi ultimi anni, una proposta equilibrata tra divulgazione e approfondimento scientifico. All’estero questa dinamica è molto strutturata e le versioni online dei grandi magazine (fRoots e Songlines prima di tutti) sono oggi degli spazi multimediali fondamentali per chi opera in questi settori. In Italia abbiamo avuto alcuni tentativi in questo senso ma il magazine che più di tutti è riuscito a riassumere l’orientamento internazionale – dando conto anche dell’orizzonte internazionale delle produzioni musicali world o trad – è senza dubbio Blogfoolk. Il web magazine in questi giorni festeggia i duecento numeri, prodotti in circa cinque anni. Questo numero speciale è anche un raccordo delle tante iniziative messe in campo dalla redazione. E contiene, oltre a interviste e approfondimenti su tanti temi nazionali e internazionali, un’analisi etnomusicologica sui repertori musicali della Valnerina e dello spoletino. È doveroso segnalarlo perché il saggio è stato pubblicato per la prima volta nel 2014 nel cd-rom “Tradizioni in piazza”, a cura della Ars Spoletium, il soggetto che si occupa anche di gestire lo spazio multimediale in cui leggete queste righe. “Musiche popolari dello spoletino e della Valnerina” – proprio perché è stato concepito per essere pubblicato in cd-rom – è un ottimo esempio di saggistica multimediale. In cui, oltre all’analisi scritta, alle trascrizioni musicali dei brani, alla ricostruzione storico-culturale del contesto sociale e politico entro cui hanno preso forma i repertori in oggetto, sono stati inseriti una serie di link, attraverso i quali si accede ai sampler audio di cui si parla nello scritto. I documenti audio sono di due tipi. Alla prima tipologia corrispondono le registrazioni audio effettuate da vari etnomusicologi in anni recenti. Alla seconda corrispondono, invece, le registrazioni storiche, effettuate negli anni Cinquanta da Alan Lomax, Diego Carpitella e Tullio Seppilli, e conservate oggi negli archivi sonori dell’Istituto Centrale per i Beni Sonori e Audiovisivi.

Autore: Daniele Cestellini

Daniele Cestellini ha scritto 752 articoli.

Questo post è disponibile anche in: Inglese



Gli appuntamenti

  • 17 luglio 2018Selezione Nazionale COUPE MONDIALE (CIA)
  • 24 settembre 201871° Coupe Mondiale (CIA)
  • 21 novembre 2018Strumenti&Musica Festival
AEC v1.0.4

News


In evidenza

Marc Berthomieux: la melodia come colonna portante

Marc Berthomieux: la melodia come colonna portante

Fisarmonicista di punta della scena francese e non solo, Marc Berthomieux è un musicista estremament[...]

Adamo Volpi (1911 - 1980) - seconda parte

Adamo Volpi (1911 - 1980) - seconda parte

Nel precedente articolo abbiamo visto che il primo pezzo per fisarmonica pubblicato da Adamo Volpi f[...]

Masterclass di fisarmonica con Alexander Dmitriev a Castelnovo Monti

Masterclass di fisarmonica con Alexander Dmitriev a Castelnovo Monti

Il notissimo fisarmonicista Alexander Dmitriev terrà una masterclass di fisarmonica all’interno dei [...]


Concorsi/Festival

Sax Arts Festival 2018 - anteprima di prestigio con Pablo Ziegler

Sax Arts Festival 2018 - anteprima di prestigio con Pablo Ziegler

Il SaxArts Festival apre l'edizione 2018 con una anteprima prestigiosa di livello internazionale. Sa[...]

Ultimi giorni per iscriversi alle selezioni del folkcontest Etnie Musicali

Ultimi giorni per iscriversi alle selezioni del folkcontest Etnie Musicali

Ultimi giorni per inviare il materiale audio/video ed accedere alle selezioni del folkcontest Etnie [...]

22° Campionato Italiano di Organetto e di Fisarmonica Diatonica

22° Campionato Italiano di Organetto e di Fisarmonica Diatonica

Il 28 e 29 luglio 2018 si terrà la “22° Edizione del Campionato Italiano di Organetto e di Fisarmoni[...]

CHIUDI
CLOSE