Concerti
qr_code

Premio Tenco 2015: la nuova edizione dedicata a Francesco Guccini

Scritto da
/ / Scrivi un commento

Cesare BasileSono stati annunciati i finalisti delle varie sezioni delle Targhe Tenco 2015. La notizia è rimbalzata in questi ultimi giorni su tutti i media e, in generale, le aspettative non sono state tradite, perché molti dei migliori artisti italiani sono stati selezionati per la fase finale delle nomination. L’edizione di quest’anno sarà dedicata a Francesco Guccini – vincitore del Premio Tenco nel 1975 – e, per l’occasione, molti artisti (tra cui Roberto Vecchioni, John De Leo, Bobo Rondelli e Carmen Consoli) interpreteranno alcuni brani del suo repertorio. Le targhe, invece, saranno assegnate durante le tre serate della manifestazione, che si svolgerà, come di tradizione, al teatro Ariston di Sanremo dal 22 al 24 ottobre. I finalisti per la Targa “Album dell’anno”, riservata ai cantautori, sono: Paolo Benvegnù, con l’album “Earth Hotel”; Carmen Consoli, con “L’abitudine di tornare”; Fabi Silvestri Gazzé, con “Il padrone della festa”; Mauro Ermanno Giovanardi, con “Il mio stile”; Iosonouncane, con “Die”; Max Manfredi, con “Dremong”. Per quanto riguarda la sezione che qui ci interessa più nello specifico, ovvero quella per “Album in dialetto”, i finalisti sono alcuni tra i più originali interpreti dei repertori popolari, oltre che spesso autori di molti dei brani presenti negli album in questione: Cesare Basile, con “Tu prenditi l’amore che vuoi e non chiederlo più” (ricordo che nel 2013 il cantautore siciliano rifiutò la Targa per Miglior album in dialetto per dissenso nei confronti della SIAE); Alessio Bondì, con “Sfardo”; Canzoniere Grecanico Salentino, con “Quaranta” (l’album che celebra i quaranta anni di attività dell’ensemble salentino, di cui si è parlato in questa rubrica); Enzo Gragnaniello, con “Misteriosamente”; Giuseppe Moffa, con “Terribilmente demodé” (Moffa, polistrumentista, ricercatore e autore, è stato tra i più apprezzati dalla critica per il lavoro che ha svolto negli ultimi anni, sia come solista che con la sua formazione di zampogne Zampognorchestra); Salvo Ruolo, con “Canciari patruni ’un è l’bittà”.

Autore: Daniele Cestellini

Daniele Cestellini ha scritto 752 articoli.

Questo post è disponibile anche in: Inglese



Gli appuntamenti

  • 17 luglio 2018Selezione Nazionale COUPE MONDIALE (CIA)
  • 24 settembre 201871° Coupe Mondiale (CIA)
  • 21 novembre 2018Strumenti&Musica Festival
AEC v1.0.4

News


In evidenza

He comprends riens dans la musique (quarta parte)

He comprends riens dans la musique (quarta parte)

Dopo il successo di L’oiseau de feu, quello di Petrouschka (1911). Nel nuovo lavoro di Igor Stravins[...]

Marc Berthomieux: la melodia come colonna portante

Marc Berthomieux: la melodia come colonna portante

Fisarmonicista di punta della scena francese e non solo, Marc Berthomieux è un musicista estremament[...]

Adamo Volpi (1911 - 1980) - seconda parte

Adamo Volpi (1911 - 1980) - seconda parte

Nel precedente articolo abbiamo visto che il primo pezzo per fisarmonica pubblicato da Adamo Volpi f[...]

Concorsi/Festival

Il M° Arlia è il nuovo direttore artistico del Festival Ruggero Leoncavallo

Il M° Arlia è il nuovo direttore artistico del Festival Ruggero Leoncavallo

Festival Internazionale “Ruggero Leoncavallo” - Arlia nuovo direttore artistico La rassegna di mu[...]

Il Conservatorio di Cagliari indice il 1°concorso di composizione per bandoneón

Il Conservatorio di Cagliari indice il 1°concorso di composizione per bandoneón

Al via il primo concorso al mondo in composizione per bandoneón L’iniziativa nasce per emancipare l[...]

Sax Arts Festival 2018 - anteprima di prestigio con Pablo Ziegler

Sax Arts Festival 2018 - anteprima di prestigio con Pablo Ziegler

Il SaxArts Festival apre l'edizione 2018 con una anteprima prestigiosa di livello internazionale. Sa[...]

CHIUDI
CLOSE