Notizie
qr_code

Timisoara Pinto: “Lavorare con lentezza. Enzo Del Re, il corpofonista”

Scritto da
/ / Scrivi un commento

Lavorare con lentezzaTimisoara Pinto è una delle giornaliste musicali più apprezzate nel nostro paese. Conduttrice di varie riviste radiofoniche per la Rai, collaboratrice del magazine Musica Leggere, edito da Coniglio Editore, docente in corsi sulla musica e gli archivi sonori all’Università La Sapienza di Roma, scrittrice. Ha curato, per le edizioni Il Manifesto, “Avanti Pop, i diari del camioncino” ed ha appena pubblicato, per Squilibri Editore, “Lavorare con lentezza. Enzo Del Re, il corpofonista”. Il volume – al quale sono allegati due cd, uno dei quali si configura a come “un tributo alla sua memoria da parte di numerosi artisti che, da Vinicio Capossela a Teresa De Sio, da Antonio Infantino alle Faraualla, da Alessio Lega ai Radicanto, dai Têtes de Bois a Tonino Zurlo, hanno rivisitato alcuni dei suoi brani – è dedicato a Enzo del Re, musicista e cantautore estremamente innovativo e sperimentale, la cui opera e visione musicale sono caratterizzate – come si può evincere dal sottotitolo del libro – da una “competenza” musicale molto particolare. Del Re, infatti, suonava ogni cosa con disinvoltura, avvolgendo le sue stesse parole in un panorama sonoro del tutto inusuale. Non era solo la musica a caratterizzare la narrazione di Enzo Del Re. Anche la sua produzione in versi ha avuto un ruolo centrale nel definire il profilo di una forma di cantautorato sperimentale, ma anche politico e di forte impegno civile. Allora come ricostruire la storia di un’artista così complesso? Timisoara Pinto lascia parlare i tanti che lo hanno conosciuto e che hanno condiviso con lui battaglie e visioni: da Dario Fo a Giovanna Marini, da Antonio Infantino a Vinicio Capossela, da Paolo Ciarchi a Andrea Satta, da Vittorio Franceschi a Piero Nissim. Come si può leggere nelle note introduttive, il volume “ricostruisce la vicenda umana e artistica di un autore così iconograficamente arcaico, eppure straordinariamente contemporaneo, da rappresentare, con i ritmi della sua lingua e della sua sedia, un anticipatore e un archetipo per tanta cultura musicale giovanile di oggi, come il rap e la techno”.

 

Autore: Daniele Cestellini

Daniele Cestellini ha scritto 752 articoli.

Questo post è disponibile anche in: Inglese



Gli appuntamenti

  • 17 luglio 2018Selezione Nazionale COUPE MONDIALE (CIA)
  • 24 settembre 201871° Coupe Mondiale (CIA)
  • 21 novembre 2018Strumenti&Musica Festival
AEC v1.0.4

News


In evidenza

He comprends riens dans la musique (quarta parte)

He comprends riens dans la musique (quarta parte)

Dopo il successo di L’oiseau de feu, quello di Petrouschka (1911). Nel nuovo lavoro di Igor Stravins[...]

Marc Berthomieux: la melodia come colonna portante

Marc Berthomieux: la melodia come colonna portante

Fisarmonicista di punta della scena francese e non solo, Marc Berthomieux è un musicista estremament[...]

Adamo Volpi (1911 - 1980) - seconda parte

Adamo Volpi (1911 - 1980) - seconda parte

Nel precedente articolo abbiamo visto che il primo pezzo per fisarmonica pubblicato da Adamo Volpi f[...]


Concorsi/Festival

Il Conservatorio di Cagliari indice il 1°concorso di composizione per bandoneón

Il Conservatorio di Cagliari indice il 1°concorso di composizione per bandoneón

Al via il primo concorso al mondo in composizione per bandoneón L’iniziativa nasce per emancipare l[...]

Sax Arts Festival 2018 - anteprima di prestigio con Pablo Ziegler

Sax Arts Festival 2018 - anteprima di prestigio con Pablo Ziegler

Il SaxArts Festival apre l'edizione 2018 con una anteprima prestigiosa di livello internazionale. Sa[...]

Ultimi giorni per iscriversi alle selezioni del folkcontest Etnie Musicali

Ultimi giorni per iscriversi alle selezioni del folkcontest Etnie Musicali

Ultimi giorni per inviare il materiale audio/video ed accedere alle selezioni del folkcontest Etnie [...]

CHIUDI
CLOSE