Popolare
qr_code

Squilibri pubblica il volume “Musiche tradizionali dell’Umbria”

Scritto da
/ / Scrivi un commento

Musiche tradizionali dell'UmbriaUscirà il 10 novembre, per l’editore Squilibri, il nuovo volume della collana AEM-Archivi di etnomusicologia. Ci interessa particolarmente perché è dedicato all’Umbria e alle ricerche che in questa regione sono state condotte nella seconda metà degli anni Cinquanta. Il titolo è Musiche tradizionali dell’Umbria. Le registrazioni di Diego Carpitella e Tullio Seppilli (1956), a cura di Piero G. Arcangeli e Valentino Paparelli.

Nella prospettiva di una ricerca basata su metodi scientifici di raccolta dei dati etnomusicali, Carpitella – che già aveva collaborato alle ricerche di Ernesto De Martino in Basilicata e che, da lì a poco, avrebbe fatto parte dell’equipe di studio sul tarantismo pugliese – coprì, insieme a Seppilli – direttore dell’Istituto di etnologia e antropologia culturale dell’Università degli Studi di Perugia – diverse aree dell’Umbria.

In realtà la regione era stata già attraversata nel 1954 da Alan Lomax, che registrò nelle località di Gualdo Tadino, Assisi e Norcia. Questa prima raccolta è denominata Raccolta 24/R dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia (AESC).

Le ricerche di Carpitella e Seppilli sono state condotte in due tempi. La prima nel dicembre del 1956 – denominata Raccolta 33 (AESC) – e la seconda nel gennaio del 1958. Quest’ultima, Raccolta 37 (AESC), ha interessato sia la provincia di Perugia che di Terni, portando alla raccolta di oltre novanta documenti. La Raccolta 33 è invece costituita da oltre cento documenti sonori e ha interessato esclusivamente la provincia di Perugia.

Il volume è introdotto da una lunga nota di Tullio Seppilli, nella quale si ricostruiscono le fasi più rappresentative di quelle ricerche e si affrontano sostanzialmente tre temi: la persistenza della forma poetica improvvisata in ottava rima, la scoperta del rituale del Sega la vecchia e la presenza della “materia letteraria relativa al Guerrin Meschino e al suo lungo soggiorno nella Grotta della Sibilla”, inquadrata in un “orizzonte culturale ancora popolato di fate e di streghe, di strane apparizioni e di notturni paurosi incontri”.

 

Autore: Daniele Cestellini

Daniele Cestellini ha scritto 752 articoli.

Questo post è disponibile anche in: Inglese



Gli appuntamenti

  • 17 luglio 2018Selezione Nazionale COUPE MONDIALE (CIA)
  • 24 settembre 201871° Coupe Mondiale (CIA)
  • 21 novembre 2018Strumenti&Musica Festival
AEC v1.0.4

News


In evidenza

He comprends riens dans la musique (quarta parte)

He comprends riens dans la musique (quarta parte)

Dopo il successo di L’oiseau de feu, quello di Petrouschka (1911). Nel nuovo lavoro di Igor Stravins[...]

Marc Berthomieux: la melodia come colonna portante

Marc Berthomieux: la melodia come colonna portante

Fisarmonicista di punta della scena francese e non solo, Marc Berthomieux è un musicista estremament[...]

Adamo Volpi (1911 - 1980) - seconda parte

Adamo Volpi (1911 - 1980) - seconda parte

Nel precedente articolo abbiamo visto che il primo pezzo per fisarmonica pubblicato da Adamo Volpi f[...]


Concorsi/Festival

Il Conservatorio di Cagliari indice il 1°concorso di composizione per bandoneón

Il Conservatorio di Cagliari indice il 1°concorso di composizione per bandoneón

Al via il primo concorso al mondo in composizione per bandoneón L’iniziativa nasce per emancipare l[...]

Sax Arts Festival 2018 - anteprima di prestigio con Pablo Ziegler

Sax Arts Festival 2018 - anteprima di prestigio con Pablo Ziegler

Il SaxArts Festival apre l'edizione 2018 con una anteprima prestigiosa di livello internazionale. Sa[...]

Ultimi giorni per iscriversi alle selezioni del folkcontest Etnie Musicali

Ultimi giorni per iscriversi alle selezioni del folkcontest Etnie Musicali

Ultimi giorni per inviare il materiale audio/video ed accedere alle selezioni del folkcontest Etnie [...]

CHIUDI
CLOSE