Galliano apre il Pomigliano Jazz Festival 2011

1

Richard Galliano

Mercoledì 7 settembre Richard Galliano, l’Orchestra Napoletana di Jazz e Raiz inaugurano la sedicesima edizione di Pomigliano Jazz Festival con un concerto inedito in una location d’eccezione: l’area archeologica delle Basiliche Paleocristiane e Medioevali di Cimitile. Un luogo di straordinario fascino e valore storico, per uno spettacolo evocativo e non solo musicale. Da Piazzolla a Di Giacomo, per un viaggio in musica che da Napoli conduce a Buenos Aires. Per cantare il pathos latino-mediterraneo. Per lasciar vibrare dita e gomiti sul bandonéon e percepire il senso contemporaneo del novo tango, quella appassionata e appassionante disciplina che Astor Pantaleón Piazzolla, laggiù dal suo Mar de la Plata, ha saputo divulgare in qualsiasi città del mondo.

Oggi il genio del musicista-compositore scomparso a Buenos Aires nel 1992 viene celebrato nell’inedito concerto d’apertura che vedrà sul palco l’ONJ – con Raiz alla voce – e la speciale partecipazione di Richard Galliano, fisarmonicista e bandonéonista francese, che al maestro argentino da anni ha dedicato i suoi studi fra jazz e tradizione. Accompagnato dall’ensemble fondato nel 2006 e diretto dal sassofonista, arrangiatore e compositore Mario Raja, Galliano darà vita a una performance lunga 90 minuti nella quale si susseguono brani di Piazzolla e standard della canzone napoletana, intervallati da alcuni titoli originali.

Il concerto, inoltre, segna l’avvio di una collaborazione tra il Comune di Cimitile e la Fondazione Pomigliano Jazz. I proventi della vendita dei biglietti di ingresso, al costo di 15 euro, contribuiranno infatti al restauro di uno dei preziosi affreschi della Cappella dei Santi Martiri, tra i primi esempi al mondo di pittura a soggetto cristiano.