Popolare
qr_code

Ci ha lasciato Bob Brozman, etnomusicologo e virtuoso della chitarra

Scritto da
/ / Scrivi un commento

Brozman resonator guitarBob Brozman, uno dei più grandi chitarristi del nostro tempo, ci ha lasciato pochi giorno fa. Il suo corpo è stato trovato senza vita nella sua casa in California, il 24 aprile. Daniel Thomas, suo stretto collaboratore di vecchia data e produttore, ha dichiarato sul Guardian che Brozman soffriva molto negli ultimi anni di problemi legati a un incidente in cui era stato coinvolto negli anni Ottanta, problemi che gli procuravano molto dolore e soprattutto gli impedivano di suonare come sapeva e voleva. In particolare con la mano sinistra non riusciva a suonare la steel guitar e durante le session del suo ultimo disco, “Fire in the mind”, uscito nel 2012, ci furono dei periodi in cui fu costretto a sospendere e questo fu estremamente difficile per lui.

Brozman era uno studioso attento e innovativo, oltre che un virtuoso della chitarra resofonica, volgarmente chiamata Dobro, nell’ambito della quale ha apportato importanti innovazioni, sia in campo stilistico che tecnico. Tra i suoi strumenti vi è infatti – come si può leggere nella pagina che gli dedica Wikipedia – “una versione baritonale della chitarra resofonica a tricono, al cui sviluppo ha attivamente contribuito nella seconda metà degli anni Novanta.

Nell’arco della sua lunga carriera ha collaborato con virtuosi di tutto il mondo, incidendo con loro dischi indimenticabili e unici. Tra questi ricordiamo “Mahima” (2003) con Debashish Bhattacharya (India), “Digdig” (2002) con Rene Lacaille (Isole Mascarene), “Songs of the volcano” (2005) con Papua New Guinea Stringbands, “Nankuru Naisa” e “Jin Jin” (2001 e 2000) con Takashi Hirayasu (Okinawa), “Ocean blues” (2000) Djeli Moussa Diawara (Guinea), “Four hands sweet and hot” (1999) con Cyril Pahinui (Hawaii).

 

Autore: Daniele Cestellini

Daniele Cestellini ha scritto 752 articoli.

Questo post è disponibile anche in: Inglese



Gli appuntamenti

  • 24 settembre 201871° Coupe Mondiale (CIA)
  • 21 novembre 2018Strumenti&Musica Festival
AEC v1.0.4

News


In evidenza

Giosi Cincotti: passione e curiosità al centro di tutto

Giosi Cincotti: passione e curiosità al centro di tutto

Musicista morbosamente curioso, dalle mente elastica, sempre orientato verso nuovi territori sonori [...]

Videoclip n. 9 sulla tecnica della Fisarmonica Diatonica

Videoclip n. 9 sulla tecnica della Fisarmonica Diatonica

Questo videoclip sulla fisarmonica diatonica è dedicato ad una esercitazione sugli accordi per la ma[...]

Le recensioni di S&M: LA VITA SEMPLICE – Marco Tuma

Le recensioni di S&M: LA VITA SEMPLICE – Marco Tuma

Raffinate melodie che rimangono impresse nella mente di primo acchito e placidità comunicativa rappr[...]


Concorsi/Festival

Il Santa Cecilia è la sede del Premio delle Arti sottosezione Fisarmonica

Il Santa Cecilia è la sede del Premio delle Arti sottosezione Fisarmonica

Il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca direzione Generale per lo studente, lo[...]

Al

Al "Santa Cecilia" la 5° edizione del Festival Contemporaneamente Fisarmonica

Il Conservatorio di Musica "Santa Cecilia" presenta la 5° edizione del Festival della Fisarmonica Co[...]

Bianco e Sponta i

Bianco e Sponta i "portabandiera" dell'Italia alla Coupe Mondiale 2018

Chiuso il sipario sulla brillante edizione della 70°Coupe Mondiale CIA, la città di Osimo ha ospitat[...]

CHIUDI
CLOSE