Popolare
qr_code

Trentesima edizione della Rassegna della Pasquella di Montecarotto

Scritto da
/ / Scrivi un commento

PasquellaIl 5 e il 6 gennaio si svolgerà a Montecarotto (AN) la Rassegna della Pasquella, la “storica” manifestazione fondata sul recupero e sulla rivitalizzazione di una delle testimonianze vive della nostra comune cultura popolare, legata ai rituali di questua del solstizio d’inverno ed alle sue forme di propiziazione legate a credenze pre-cristiane ed antichi riti di fertilità.

Nella giornata di domenica 5 Gennaio, preludio alla “vera” festa della “Pasquella”, dalle ore 18,00, nella suggestiva cornice del Teatro Comunale, si svolgerà il Concerto straordinario del Trentennale”, con la formazione dell’Ensemble Italo-Argentino, che presenterà un particolare “concerto natalizio”: “A da nasce un bel bambino… / Nacerà un nene lindo…” (Il canto del Natale tra i due mondi).

Nato da una idea di Laurita Pergolesi e di Gastone Pietrucci, questo concerto vuole proporre, a confronto, i canti religiosi della Navidad Nuestra, (composti su materiali popolari argentini da due grandi musicisti, Félix Luna ed Ariel Ramirez, autore quest’ultimo anche della celeberrima Misa Criolla), con i corrispondenti (almeno nei testi e negli argomenti) canti popolari italiani del periodo natalizio. E così ai sette brani argentini (La Anunciación, La Peregrination, El Nacimiento, Los pastores, Los reues magos, Pastorcito de Belén, La Huida) verranno contrapposti gli “identici” brani della tradizione orale italiana, piemontese, veneta, marchigiano-campana, laziale, calabrese, in un confronto di grande interesse e suggestione. I testi documentano un mondo di vita e di fede straordinario e singolarissimo, e il canto ne esprime stupendamente il clima e le tensioni vitali. Anche certe impennate di linguaggio e di immagini sono la prova della immediatezza con la quale il popolo (sia italiano che quello argentino) ha assimilato il destino di Cristo, di Maria e di Giuseppe come il destino stesso di ogni comune famiglia di poveri, feriti e insieme invincibilmente felici.

La voce “italiana”, “scura e torturata” di Gastone Pietrucci e la bella voce “argentina” di Laurita Pergolesi, rivestono di grande pathos, questi suggestivi canti natalizi tra i due mondi, gettando un ponte tra queste due culture, tra queste due tradizioni, tra questi due modi musicali di cantare, suonare ed intendere il Natale. Così, fra testo e canto, fra autori ignoti e gli interpreti di questo inedito ensemble italo-argentino, nasce un rapporto vivo di sintesi e di travaso che rende questo singolarissimo “canzoniere cristiano” uno dei più suggestivi tra i pochi esempi di folk nostrano che ci siano offerti in modo adeguato.Gastone Pietrucci, voce e Laurita Pergolesi, voce e chitarra, Riccardo Andrenacci, batteria, percussioni, voce, Toni Felicioli violoncello e Christian Riganelli, fisarmonica, danno voce, musica e canto a questa fede e a questa festa con passione di protagonisti, con fedeltà di interpreti.

Ingresso Libero sino ad esaurimento dei posti.

Nella giornata di lunedì 6 gennaio, la Rassegna della “Pasquella vera e propria, arrivata quest’anno alla sua trentesima edizione.

Gruppi di autentici portatori della tradizione, provenienti da tutte le Marche e da altre regioni italiane, arriveranno sin dalle otto del mattino, accolti e “presi in carico” da altrettanti accompagnatori locali e da loro “presentati” casa par casa, in tutte le zone della campagna e del paese di Montecarotto, dove porteranno, alla maniera di una volta, secondo l’antico rito, il canto augurale della Pasquella. La gente, come al solito, accoglierà con simpatia tutti i Gruppi, “ripagandoli” con generose offerte di denaro e soprattutto con abbondanti libagioni.

Così per tutta la mattinata, Montecarotto, sarà letteralmente inondato di musiche, di canti e di suoni, che renderanno ancora più magica e surreale, questa incredibile festa popolare di inizio anno.

Dopo la questua del mattino, i Gruppi presenti alla Rassegna, si ritroveranno in Piazza del Teatro, dove da mezzogiorno e trenta all’una (prima del pranzo comunitario di ringraziamento offerto a tutti gli “artisti” popolari e ai loro collaboratori, dall’Amministrazione Comunale) daranno vita al solito, spontaneo, gioioso “concerto popolare”, per la gioia di tutti i presenti.

Nel pomeriggio, dalle ore 16,00, Gastone Pietrucci, coordinato da Giorgio Cellinese, presenterà: “La Pasquella a Teatro” (Omaggio a Costantino Ravarelli). Rassegna di canti e danze della tradizione popolare) con la presenza e l’esibizione di tutti i Gruppi presenti alla Rassegna.

Ingresso Libero sino ad esaurimento dei posti.

A conclusione della Rassegna ufficiale, ci sarà l’Esibizione estemporanea dei gruppi tra la gente, in piena libertà, riscaldati da caldarroste e “vin-brulè”.

Questo momento comunitario e “libero” dei pasquellari darà modo al pubblico di poterli ascoltare nelle condizioni ideali, dal vivo, senza l’ausilio di nessuna amplificazione, in un’atmosfera molto serena, divertente e coinvolgente di festa e di musica di strada.

Attualmente, grazie a questa Rassegna ed al lavoro continuo e costante di Gastone Pietrucci e de La Macina sul territorio, assistiamo da alcuni anni, ad una nuova “rinascenza” del fenomeno ed al crescere e proliferare inevitabile, di iniziative, più o meno spontanee, per lo più imitative, più o meno valide, ma comunque attestante un certo interesse o perlomeno curiosità per il fenomeno.

Quindi davvero importante e meritoria questa Rassegna della Pasquella di Montecarotto, perché fa rivivere una tradizione, che altrimenti la civiltà tecnologica rischia di far dimenticare per sempre. Ma l’annuale appuntamento di Montecarotto è anche un modo per ritrovarsi e rinnovare, anno dopo anno, legami di rapporti sociali e culturali condivisi. Un paese in musica, ricco di interessi e di suggestioni, che ogni anno coinvolge sempre più il pubblico, in una festa popolare, che per la “libertà” e la spontaneità con cui viene vissuta, si distingue nettamente dall’attuale sconfortante panorama di falsificazione e di massificazione operate sulla cultura tradizionale e sulla civiltà popolare.

Per informazioni:

La Macina

Tel. e Fax.: 0731-4263

e-mail: lamacina@libero.it.

 

Autore: Daniele Cestellini

Daniele Cestellini ha scritto 752 articoli.

Questo post è disponibile anche in: Inglese



Gli appuntamenti

  • 21 novembre 2018Strumenti&Musica Festival
AEC v1.0.4

News


In evidenza

Le recensioni di S&M: EXCURSION – Massimo Manzi Trio

Le recensioni di S&M: EXCURSION – Massimo Manzi Trio

Un sapido senso melodico sempre costante e presente, che si amalgama con un brio ritmico assai accat[...]

Scompare Letizia Pascoli, attrice bambina e valente musicista

Scompare Letizia Pascoli, attrice bambina e valente musicista

Ha procurato profondo cordoglio in seno al Conservatorio Statale Rossini la notizia della scomparsa,[...]

Adamo Volpi (1911 - 1980) - settima parte

Adamo Volpi (1911 - 1980) - settima parte

A conclusione della disamina dei lavori per fisarmonica più significativi di Adamo Volpi, ci addentr[...]


Concorsi/Festival

Ultimi giorni per le iscrizioni ai Concorsi Pianistici

Ultimi giorni per le iscrizioni ai Concorsi Pianistici "Città di Spoleto"

Ultimi giorni per le iscrizioni ai Concorsi Pianistici Internazionali "Città di Spoleto" che, come d[...]

42° Premio Tenco - Le riflessioni del nostro inviato

42° Premio Tenco - Le riflessioni del nostro inviato

Migrans: uomini, idee e musica   Già dal titolo della 42° edizione del Premio Tenco era c[...]

Premio delle Arti di Composizione edizione 2018

Premio delle Arti di Composizione edizione 2018

Dopo le edizioni dedicate alla Fisarmonica e agli Strumenti a Percussione, il Conservatorio Statale [...]

CHIUDI
CLOSE