Notizie dal mondo
qr_code

Esce la biografia di Tony Allen, il batterista artefice dell’Afrobeat

Scritto da
/ / Scrivi un commento

Tony AllenLa Duke University Press ha pubblicato il volume “Tony Allen: An Autobiography of the Master Drummer of Afrobeat”. Gli amanti del genere e, in generale gli estimatori di world music, conoscono Allen come il batterista grazie al quale (oppure che insieme a) Fela Kuti, ha inventato l’Afrobeat, il sound che ha coinciso con una serie di elementi musicali e politici che, dalla Nigeria, hanno “invaso” tutto il mondo a partire dall’inizio degli anni Settanta. Il volume è stato scritto da Allen insieme a Michael E. Veal, musicista e professore di Music and African American Studies alla Yale University, e già autore della biografia del rivoluzionario sassofonista nato ad Abeokuta nel 1938, dal titolo “Fela: The Life and Times of an African Musical Icon”.

Nato a Lagos nel 1940, Allen imparò giovanissimo a suonare la batteria, militando poi in molte band della città, tra le quali “Agu Norris and the Heatwaves”, “The Paradise Melody Angels” e “The Western Toppers”. Nel 1964 incontra Fela, con il quale suonerà prima nei “Koola Lobitos” e poi nei leggendari “Africa 70″, concependo l’idea “tecnica” dell’Afrobeat, fondendo cioè i ritmi tradizionali con i quali era cresciuto con i modelli e le nuove tecniche del jazz, del funk e dell’R&B (che aveva avuto modo di apprezzare e studiare durante un suo lungo soggiorno negli USA nel 1969). Per apprezzare il suo contributo nella strutturazione dell’Afrobeat ma anche alla dimensione live che ha reso indimenticabili le performance della band del “Black President”, basti pensare che quando Allen lasciò gli “Africa 70”, per motivi legati soprattutto all’attivismo politico di Fela Kuti, questi lo sostituì con ben quattro batteristi.

Oggi Allen ha 73 anni e dal 1985 vive a Parigi. Ha all’attivo numerosi album e, soprattutto, collaborazioni importanti con artisti africani e non, tra i quali Damon Albarn, King Sunny Ade e Jimi Tenor.

E il suo spirito è ancora lo stesso, come si può evincere da questa dichiarazione: “I still challenge myself every time with my playing. I still want to play something impossible, something I never played before”.

 

Autore: Daniele Cestellini

Daniele Cestellini ha scritto 752 articoli.

Questo post è disponibile anche in: Inglese



Gli appuntamenti

  • 24 settembre 201871° Coupe Mondiale (CIA)
  • 21 novembre 2018Strumenti&Musica Festival
AEC v1.0.4

News


In evidenza

Bianco e Sponta i

Bianco e Sponta i "portabandiera" dell'Italia alla Coupe Mondiale 2018

Altissimo il livello di preparazione di tutti i concorrenti e non facile il compito della giuria, se[...]

Le recensioni di S&M: MAGIP – GB Project

Le recensioni di S&M: MAGIP – GB Project

Magip deriva dalle iniziali dei nomi della formazione e non è solo un espediente, una trovata per al[...]

Athos Bassissi: il tango argentino come una droga

Athos Bassissi: il tango argentino come una droga

Perdutamente innamorato del tango argentino, in possesso di una tecnica solidissima, Athos Bassissi [...]


Concorsi/Festival

Bianco e Sponta i

Bianco e Sponta i "portabandiera" dell'Italia alla Coupe Mondiale 2018

Chiuso il sipario sulla brillante edizione della 70°Coupe Mondiale CIA, la città di Osimo ha ospitat[...]

La “Nuova Coppa Pianisti” torna ad Osimo, dal 31 agosto al 6 settembre

La “Nuova Coppa Pianisti” torna ad Osimo, dal 31 agosto al 6 settembre

Grazie all’associazione “Polo Music”, con il patrocinio del Comune di Osimo (Ancona, Italia) dal 31 [...]

4° Festival della Fisarmonica di Fiemme e di Fassa - Valli dell’Avisio

4° Festival della Fisarmonica di Fiemme e di Fassa - Valli dell’Avisio

Ai nastri di partenza la quarta edizione del Festival della Fisarmonica di Fiemme e di Fassa - Valli[...]

CHIUDI
CLOSE