Notizie dal mondo
qr_code

Il duo aborigeno Stiff Gins registra un brano su cilindro di cera

Scritto da
/ / Scrivi un commento

Stiff singersLe Stiff Gins, un gruppo musicale formato da indigene australiane di Sidney, hanno registrato un loro brano su un cilindro di cera. L’esperimento è interessante per più motivi. Innanzitutto perché è la prima volta che una musica commerciale viene registrata nel fonografo che Edison ha inventato nel 1890 e che non è più in circolazione da circa ottant’anni. In secondo luogo, perché le Stiff Gins – come si può leggere in un’intervista riportata sulla testata online “abc.net.au” – hanno deciso di effettuare questa registrazione dopo aver ascoltato la voce di una donna indigena della Tasmania, impressa sul cilindro di Edison nel 1903. Ascoltare quella voce, ricorda la cantante del gruppo Nardi Simpson, è stata un’esperienza “spirituale” e non semplicemente il contatto “con un altro tempo e un altro luogo”.

Fanny Cochrane Smith – la donna aborigena registrata all’inizio del Novecento – nacque a Flinders Island nel 1834 e, come gran parte degli aborigeni di quell’epoca, parlava sia in inglese che in lingua indigena. Le registrazioni dei suoi canti sono depositate nell’archivio della National Film and Sound Archive (NFSA) e rappresentano gli unici documenti in lingua aborigena della Tasmania.

Per l’occasione le Stiff Gins hanno composto un brano in lingua indigena sul tema dello spirito, della cultura, della vita e della loro prosecuzione dopo la morte. “Abbiamo fatto concerti per quindici anni”, ha sottolineato la Simpson, “e finalmente abbiamo fatto qualcosa che parla del nostro posto nel mondo”.

Dal punto di vista tecnico, la NFSA ha dovuto mettere in campo le abilità di ingegneri e archivisti per rendere possibile l’operazione. Una volta recuperato il cilindro di cera – l’unico costruttore di questi supporti sembra si trovi in Inghilterra, nel Devon – hanno ripristinato un vecchio fonografo e lo hanno fatto funzionare. Il team ha soprattutto lavorato a ‘decodificare’ il funzionamento del fonografo. Come ha precisato l’archivista Graham McDonald, “non c’è elettricità, il cilindro viene azionato da un motore a orologeria. Si canta ad alta voce nel corno, la voce produce un’energia meccanica che muove l’ago su e giù sul cilindro di cera”.

Le cantanti hanno registrato in una stanza rivestita in legno della NFSA. Ascoltando la registrazione, si nota una certa compressione del suono – che caratterizza anche i documenti storici – che rende le voci molto più vecchie di quello che sono. Le Stiff Gins hanno commentato positivamente il risultato, che per loro ha assunto un valore simbolico, oltre che storico-culturale, nella misura in cui ha stabilito una connessione molto più diretta con il patrimonio storico delle produzioni musicali aborigene. Come hanno precisato loro stesse, “non si tratta solo di raccogliere qualcosa e riporlo in un’apposita casella”, si tratta di conoscere meglio la storia e considerarla in un quadro di rispetto e valorizzaizone. Da un punto di vista politico, invece, l’operazione compiuta dalle Stiff Gins rappresenta la volontà di raccontare le condizioni di un gruppo sociale, dando una voce contemporanea a uno strumento che ci ha sempre raccontato la storia, il passato. Questa inversione, ci ricordano, dovrebbe spingere la gente a cambiare prospettiva, a non pensare ai documenti come a qualcosa di irreversibilmente statico: “questi oggetti sono ancora vivi e stanno parlando tra di loro. Ci sono storie che aspettano solo di essere ascoltate”. Il video della registrazione è disponibile qui.

 

Autore: Daniele Cestellini

Daniele Cestellini ha scritto 752 articoli.

Questo post è disponibile anche in: Inglese



Gli appuntamenti

  • 21 novembre 2018Strumenti&Musica Festival
AEC v1.0.4

News


In evidenza

T&nCò: la musica di Luigi Tenco tra jazz e sperimentazione al Rossini Jazz Club di Faenza
Tutti i segreti del Bayan - Russian Bayan school and its outstanding performers

Tutti i segreti del Bayan - Russian Bayan school and its outstanding performers

Il 28 Settembre 2018 ricorre l'80° anniversario della nascita di una delle figure più significative [...]

Le recensioni di S&M: PINTURAS – Ugo Moroni

Le recensioni di S&M: PINTURAS – Ugo Moroni

Temi bizzarri, accattivanti, corroborati da un forte impatto sonoro. Pinturas è il nuovo episodio di[...]


Concorsi/Festival

Premio delle Arti di Composizione edizione 2018

Premio delle Arti di Composizione edizione 2018

Dopo le edizioni dedicate alla Fisarmonica e agli Strumenti a Percussione, il Conservatorio Statale [...]

Pordenone incontra Matera - Il programma del Fadiesis Accordion Festival

Pordenone incontra Matera - Il programma del Fadiesis Accordion Festival

Sarà il M° Cesare Chiacchiaretta ad aprire l'edizione 2018 del Fadiesis Accordion Festival con la pr[...]

Mario Piluso si aggiudica il Premio delle Arti sezione fisarmonica

Mario Piluso si aggiudica il Premio delle Arti sezione fisarmonica

Si è appena conclusa l’ultima edizione del Premio delle Arti, sezione Fisarmonica, presso il Conserv[...]

CHIUDI
CLOSE