Notizie dal mondo
qr_code

Nel 2015 ricorre il centenario della nascita di Alan Lomax (1915-2002)

Scritto da
/ / Scrivi un commento

Lomax alla radioNel 2015 ricorre il centenario della nascita di Alan Lomax (1915-2002), una delle figure più importanti per la ricerca etnomusicologica internazionale, per la storia della musica folk-blues degli Stati Uniti e, probabilmente, per lo sviluppo del linguaggio “composito” ed evocativo della più importante generazione di cantautori del Novecento americano. Come ricorda, infatti, Bob Dylan nel suo libro “Chronicles”, Lomax – la cui storia incrocia, prima del cantautore di Dulut, Woody Guthrie e Pete Seeger – organizzava de volte al mese “delle feste alle quali invitava folksingers. Non erano né ricevimenti né concerti, non so come li si poteva chiamare, soirées? Ci potevano essere Roscoe Holcomb, Clarence Ashley o Doc Boggs, Mississippi John Hurt, Robert Pete Williams e perfino Don Stover e i Lily Brothers. Qualche volta c’erano addirittura dei veri condannati ai lavori forzati che Lomax tirava fuori in permesso dai penitenziari di stato, portandoli fino a New York a gridare i loro canti di lavoro nella sua mansarda. Gli invitati a quei raduni di solito erano dottori del quartiere, dignitari cittadini, antropologi, ma c’era sempre anche qualche persona regolare”. In vista di questa importante ricorrenza l’American Folklife Center sta organizzando molte iniziative e ha annunciato un calendario di eventi che si susseguiranno nei prossimi mesi. Tra gli appuntamenti più interessanti – e in attesa che vengano confermati quelli futuri – segnaliamo l’incontro che si tiene oggi 9 ottobre alla University of Louisiana, nella città di Lafayette, Stato dell’Indiana, dal titolo: “Anniversaries 40 – 50 – 80: Festivals Acadiens et Creoles, Dewey Balfa at Newport, and Alan Lomax in Louisiana”. Tra gli interventi che interessano lo studioso di Austin e la sua opera è in programma: “Themes of Cultural Conservation, Creolization and Modernization in the Work of Alan Lomax and Ralph Rinzler”. Inoltre, ricordiamo (anche perché possono reperirsi informazioni importanti sul lavoro di Lomax e sui processi di digitalizzazione che stanno interessando le sue registrazioni) l’incontro organizzato il 19 e il 20 settembre a Louisville, Kentucky, dal titolo “I’ve Rambled This Country Both Early & Late: A Celebration of Kentucky Mountain Music”, dedicato al viaggio che Lomax ha intrapreso nel 1937 sulle montagne del Kentucky orientale.

 

Autore: Daniele Cestellini

Daniele Cestellini ha scritto 752 articoli.

Questo post è disponibile anche in: Inglese



Gli appuntamenti

  • Nessun evento imminente
AEC v1.0.4

News


In evidenza

Carmine Ioanna: musica senza barriere né etichette

Carmine Ioanna: musica senza barriere né etichette

Carmine Ioanna è uno fra i fisarmonicisti italiani più creativi ed eclettici sulla scena odierna. Vu[...]

Un riconoscimento a Massimiliano Pitocco tra le Cento Eccellenze Italiane

Un riconoscimento a Massimiliano Pitocco tra le Cento Eccellenze Italiane

Si è svolta Giovedì 29 Novembre presso la Sala della Lupa in Palazzo Montecitorio la consegna del Pr[...]

Felice Fugazza (1922 - 2007) - prima parte

Felice Fugazza (1922 - 2007) - prima parte

Nei precedenti articoli abbiamo messo in evidenza come negli anni Trenta e soprattutto Quaranta del [...]


Concorsi/Festival

JAF 2018 - Domenica l’ultimo appuntamento della terza edizione

JAF 2018 - Domenica l’ultimo appuntamento della terza edizione

AccorDuo e Beier al Jazz Accordion Festival   CASTELFIDARDO - Un matiné elegante e ritmat[...]

Al Jazz Accordion Festival di Castelfidardo il talento di Beier

Al Jazz Accordion Festival di Castelfidardo il talento di Beier

Sabato al circolo Boccascena, il francese suona con Luca Pecchia e Andrea Alessi   CASTEL[...]

Domenico Saccente apre il Jazz Accordion Festival 2018 di Castelfidardo

Domenico Saccente apre il Jazz Accordion Festival 2018 di Castelfidardo

Venerdì all’On Stage club, ingresso libero, serata di improvvisazioni e jam session Domenico Saccen[...]