Notizie dal mondo
qr_code

The new basement tapes: un supergruppo musica i testi di Dylan

Scritto da
/ / Scrivi un commento

Lost in the river“Lost on the river” è il titolo dell’album del supergruppo The new basement tapes, pubblicato recentemente dalla Universal. Il progetto ha destato molto interesse tra i critici, per varie ragioni. Innanzitutto perché – come si può intuire dal nome che si è voluta dare la band – i musicisti coinvolti hanno lavorato su alcuni testi scritti da Bob Dylan nel 1967, quando cioè il cantautore di Duluth, convalescente dopo l’incidente in moto, produsse e registrò insieme a The Band di Robbie Robertson molto materiale finora ufficialmente inedito (“The basement tapes complete – The bootleg series vol. 11”, composto di 139 tracce, è stato definitivamente pubblicato dalla Columbia solo poche settimane fa). In secondo luogo “Lost on the river” è interessante perché è un disco denso e articolato, assemblato da musicisti straordinari, tutti giovani (se escludiamo un certo Elvis Costello) e, soprattutto, coordinati da T Bone Burnett. È inutile soffermarci su quest’ultimo e sui suoi lavori, sia come compositore che produttore. Basta probabilmente dire – anche per portare in queste righe una notizia meno diffusa – che è stato lo stesso produttore di Dylan a mettere nelle sue mani alcuni testi che Dylan scrisse in quel momento di grazia e che non musicò. Burnet ha fatto il resto e lo ha fatto nel migliore dei modi. Innanzitutto riunendo alcuni dei musicisti del panorama indie e new folk più ispirati del momento (insieme al già citato Costello): Jim James (My Morning Jacket), Rhiannon Giddens (Carolina Chocolate Drops), Taylor Goldsmith (Dawes) e Marcus Mumford (Mumford & Sons). E poi occupandosi lui del suono. Il disco è stato registrato in sole due settimane, è fantastico e molto vario, nonostante l’impronta di Burnett incolli tutte e venti le tracce.

Autore: Daniele Cestellini

Daniele Cestellini ha scritto 752 articoli.

Questo post è disponibile anche in: Inglese



Gli appuntamenti

  • Nessun evento imminente
AEC v1.0.4

News


In evidenza

Carmine Ioanna: musica senza barriere né etichette

Carmine Ioanna: musica senza barriere né etichette

Carmine Ioanna è uno fra i fisarmonicisti italiani più creativi ed eclettici sulla scena odierna. Vu[...]

Un riconoscimento a Massimiliano Pitocco tra le Cento Eccellenze Italiane

Un riconoscimento a Massimiliano Pitocco tra le Cento Eccellenze Italiane

Si è svolta Giovedì 29 Novembre presso la Sala della Lupa in Palazzo Montecitorio la consegna del Pr[...]

Felice Fugazza (1922 - 2007) - prima parte

Felice Fugazza (1922 - 2007) - prima parte

Nei precedenti articoli abbiamo messo in evidenza come negli anni Trenta e soprattutto Quaranta del [...]


Concorsi/Festival

JAF 2018 - Domenica l’ultimo appuntamento della terza edizione

JAF 2018 - Domenica l’ultimo appuntamento della terza edizione

AccorDuo e Beier al Jazz Accordion Festival   CASTELFIDARDO - Un matiné elegante e ritmat[...]

Al Jazz Accordion Festival di Castelfidardo il talento di Beier

Al Jazz Accordion Festival di Castelfidardo il talento di Beier

Sabato al circolo Boccascena, il francese suona con Luca Pecchia e Andrea Alessi   CASTEL[...]

Domenico Saccente apre il Jazz Accordion Festival 2018 di Castelfidardo

Domenico Saccente apre il Jazz Accordion Festival 2018 di Castelfidardo

Venerdì all’On Stage club, ingresso libero, serata di improvvisazioni e jam session Domenico Saccen[...]