In evidenza
qr_code

Cinquant’anni fa la scomparsa di un grande imprenditore: Oliviero Pigini

Scritto da
/ / Scrivi un commento

Chitarre EKOIl 10 febbraio del 1967 moriva improvvisamente, nel pieno dell’attività, l’imprenditore marchigiano Oliviero Pigini. A lui si deve la nascita della EKO, azienda diventata famosa nel mondo per la produzione di chitarre, entrate di diritto fra i simboli di un’Italia del benessere.

Uno strumento amato da intere generazioni, utilizzato dai maggiori gruppi musicali degli anni 60 (Rokes, Nomadi, Equipe 84, solo per citarne alcuni), marchio diventato insomma un punto di riferimento per i musicisti dell’epoca, e non solo in Italia.

Non ci nascondiamo. La storia economica e produttiva nazionale di allora è costellata di personaggi come Oliviero Pigini. Ma lui, contrariamente a tanti imprenditori emergenti, scelse di vivere ai margini dei bagliori, cercando un profilo più umile e sempre vicino alle sue maestranze, non abbandonando mai la scrivania per dare luce a nuove idee, per progettare. Insomma un vero vulcano in continua eruzione.

Nato nel 1922 a Castelfidardo da una famiglia che dalla terra traeva le sue origini più profon­de, ereditando dal padre, fattore di campagna, la natura forte e volitiva e dalla madre, di una antica stirpe di mugnai, il senso pratico degli affari, anche lui, come un po’ tutti all’epoca, muove i prima passi dal mondo della fisarmonica.

Ottimo disegnatore, pur studiando trova il tempo di dare una mano per approntare le decorazioni nel settore della fisarmonica con le prime esperienze lavorative presso la ditta Crucianelli. Al termine del secondo conflitto mondiale, tornato dal servizio militare, viene chiamato dallo zio Marino con le mansioni precedenti.

Ma nella sua mente si inerpica un obiettivo fisso: quello di mettersi in proprio. Parte come rappresentante di accessori per strumenti musicali. Poi ha una grande intuizione, sfuggita a molti, quando percepisce che dall’avvento americano del Rock and roll si stanno aprendo nuove frontiere per la chitarra elettrica.

Giemmei GuitarsNel 1956, dopo aver fondato la GIEMMEI GUITARS nei locali fidardensi di piazzale Don Minzoni inizia a commercializzare chitarre costruire in Jugoslavia. Il prodotto si vende bene ma nota una scarsa qualità. Per questo deciderà di tentare egli stesso la produzione delle chitarre, fa­cendo venire in loco un liutaio dalla Sicilia.

Lucio Battisti con la chitarra EKONel 1959 fa il grande salto dando vita alla EKO s.a.s. associandosi con Lido Ballone Burini (poi sostituito da Augusto Pierdominici) e Giovanni Vignoni. Neppure un lustro più tardi, in pieno boom produttivo, l’azienda in Italia è già divenuta la principale esportatrice del settore in Europa per chitarre acustiche ed elettriche. I dati parlano chiaro: la produzione dei prodotti EKO fa registrare uno sviluppo impressionante passando dallo 0,8 al 12%.

Gianni Morandi con la chitarra EKOUna crescita esponenziale che spinge a spostare la produzione, dopo infruttuosi tentativi di restare nella propria città, nei più ampi stabilimenti in un ex convento nella vicina Recanati. Nei nuovi locali garantirà lavoro a 350 maestranze, senza contare l’indotto.

Il “boom” della chitarra, influenzato dal successo del noto complesso inglese dei Beatles, fa superare facilmente le difficoltà economiche, dovute proprio alla crescita repentina ed all’espan­sione grandiosa. La EKO acquista un piano di priorità in campo mondiale e, sempre per il suo forte spirito d’iniziativa e le sue altre numerose doti di organizzatore, riesce anche a su­perare momenti difficilissimi come l’in­cendio della primavera del 1966 che distrusse il 90% dello stabilimento.

Anniversario Oliviero PiginiNel giro di pochi mesi lo stabilimento è nuova­mente in funzione, più grande e più moderno di prima, con la prospettiva di nuove lavorazioni oltre quella usuale delle chitarre.

Mentre questo impero musicale cresce a vista d’occhio, diventando un punto di riferimento anche a livello internazionale tanto da fronteggiare sullo stesso livello i marchi storici dell’epoca (Framus, Hagström, Höfner), un infarto metterà fine a soli 45 anni alla vita di questo imprenditore emergente.

Negli anni ’80, Lamberto Pigini, fratello di Oliviero, riacquisterà il marchio EKO decidendo di affidarne il rilancio ad un management giovane e motivato, coinvolgendolo anche a livello societario.

In pochi anni la EKO torna agli splendori delle origini: non solo acquisisce l’importazione e la distribuzione dei maggiori marchi del panorama mondiale, ma riprende la fabbricazione di chitarre, acustiche ed elettriche, a livello industriale e a livello artigianale.
Oggi, la EKO si può considerare una delle più importanti e dinamiche aziende nel panorama degli strumenti musicali, sia in Italia che nel mondo.

EKO struttura societariaL’attuale struttura societaria è composta da: Lamberto Pigini (Presidente), Stelvio Lorenzetti (Amministratore Delegato), Umberto Tonnarelli (Direttore Commerciale), Giuseppe Casali (Socio Consigliere).

A cinquant’anni dalla scomparsa, la figura del giovane imprenditore Oliviero Pigini, verrà ricordata con un nutritissimo programma il 10 e l’11 febbraio a Crocette di Castelfidardo, sua città natale, con una serie di iniziative. Da ricordare anche il francobollo appositamente emesso dalle poste del Lussemburgo. Si potranno altresì annullare altre cartoline realizzate dal Circolo Filatelico Matassoli.

Autore: Mirco Soprani

Mirco Soprani ha scritto 69 articoli.



Gli appuntamenti

  • 24 settembre 201871° Coupe Mondiale (CIA)
  • 21 novembre 2018Strumenti&Musica Festival
AEC v1.0.4

News


In evidenza

Bianco e Sponta i

Bianco e Sponta i "portabandiera" dell'Italia alla Coupe Mondiale 2018

Altissimo il livello di preparazione di tutti i concorrenti e non facile il compito della giuria, se[...]

Le recensioni di S&M: MAGIP – GB Project

Le recensioni di S&M: MAGIP – GB Project

Magip deriva dalle iniziali dei nomi della formazione e non è solo un espediente, una trovata per al[...]

Athos Bassissi: il tango argentino come una droga

Athos Bassissi: il tango argentino come una droga

Perdutamente innamorato del tango argentino, in possesso di una tecnica solidissima, Athos Bassissi [...]


Concorsi/Festival

Bianco e Sponta i

Bianco e Sponta i "portabandiera" dell'Italia alla Coupe Mondiale 2018

Chiuso il sipario sulla brillante edizione della 70°Coupe Mondiale CIA, la città di Osimo ha ospitat[...]

La “Nuova Coppa Pianisti” torna ad Osimo, dal 31 agosto al 6 settembre

La “Nuova Coppa Pianisti” torna ad Osimo, dal 31 agosto al 6 settembre

Grazie all’associazione “Polo Music”, con il patrocinio del Comune di Osimo (Ancona, Italia) dal 31 [...]

4° Festival della Fisarmonica di Fiemme e di Fassa - Valli dell’Avisio

4° Festival della Fisarmonica di Fiemme e di Fassa - Valli dell’Avisio

Ai nastri di partenza la quarta edizione del Festival della Fisarmonica di Fiemme e di Fassa - Valli[...]

CHIUDI
CLOSE