Concorsi/Festival
qr_code

Festival 2018: un bilancio del nostro inviato a Sanremo

Scritto da
/ / Scrivi un commento

Ermal Meta - Fabrizio MoroNon sono un cultore della canzone italiana né la testata che (indegnamente) mi trovo a rappresentare ha, come target, questo genere. Ma le circostanze mi hanno portato a seguire un evento che, ormai, trascende il dato musicale per trasformarsi in uno spaccato antropologico del nostro paese.

Dall’edizione numero 68 del Festival di Sanremo (oltretutto nel cinquantennale di quella storica ventata di rinnovamento socioculturale) ci si poteva attendere qualche fremito di novità. Invece, già dalla scelta di Claudio Baglioni in qualità di Direttore Artistico, era chiara una vocazione passatista legata alla tradizione della canzone melodica nostrana e le lunghe cinque serate hanno confermato le nostre scarse aspettative. Le buone intenzioni, annunciate da Baglioni, sulla centralità delle canzoni sono rimaste offuscate da stanche gag tra i presentatori e da un eccesso di riproposizioni di classici. Ed il fatto che le uniche standing ovations di pubblico e stampa specializzata siano arrivate sui brani di Baglioni stesso o di qualche ospite denotano una debolezza generale degli autori contemporanei.

Non sono stati pochi i cantanti in gara che vivacchiano sulla loro storia (gli ex Pooh, tra tutti, presenti in veste di solisti o in duo) o che ripropongono fotocopie di loro brani precedenti (Noemi o la coppia ripescata e vincente formata da Ermal Meta e Fabrizio Moro). Dispiace, altresì, che Elio e le storie tese abbiano salutato il pubblico, dopo 30 anni contraddistinti da arguzia e sorprese musicali, col brano più scialbo della loro prestigiosa carriera.

In questo grigio panorama, però, non sono mancate alcune note positive. Diodato, compositore sensibile, ha unito le proprie forze con la tromba di Roy Paci regalando un brano che invita al “carpe diem” con un arrangiamento che mescola sapori bandistici a pieni orchestrali. Nina Zilli, seppur più tradizionale del solito, ha presentato un omaggio all’universo femminile che, per il sovrapporsi di fragilità e forza interiore, ricorda alcuni brani di Fiorella Mannoia. Inoltre, in sede di conferenza stampa, ha ribadito l’amore per i suoi modelli vocali Ella Fitzgerald e Nina Simone denotando uno spessore culturale non sempre presente in altri interpreti. Il brano inedito di Lucio Dalla, interpretato da Ron, è stato molto apprezzato da pubblico e critica per la sensibilità poetica del testo ed alcune scelte armoniche meno scontate del solito.

Nella sezione “Nuove proposte” si è distinto, a parere nostro e della giuria che gli ha assegnato il Premio Mia Martini, Mirkoeilcane con un brano toccante dedicato alla tragedia dei migranti in mare. E, nell’epoca di razzismo più o meno strisciante che stiamo vivendo, è una buona notizia.

Autore: Adriano Ghirardo

Adriano Ghirardo ha scritto 5 articoli.



Gli appuntamenti

  • Nessun evento imminente
AEC v1.0.4

News


In evidenza

Le recensioni di S&M: LA BELLEZZA DELL’ESSENZIALE – Nello Mallardo

Le recensioni di S&M: LA BELLEZZA DELL’ESSENZIALE – Nello Mallardo

La sceltezza della cantabilità che si interseca in modo simbiotico con un senso melodico di pregevol[...]

Carmine Ioanna: musica senza barriere né etichette

Carmine Ioanna: musica senza barriere né etichette

Carmine Ioanna è uno fra i fisarmonicisti italiani più creativi ed eclettici sulla scena odierna. Vu[...]

Un riconoscimento a Massimiliano Pitocco tra le Cento Eccellenze Italiane

Un riconoscimento a Massimiliano Pitocco tra le Cento Eccellenze Italiane

Si è svolta Giovedì 29 Novembre presso la Sala della Lupa in Palazzo Montecitorio la consegna del Pr[...]

Concorsi/Festival

Samuele Telari vince il 26°

Samuele Telari vince il 26° "Arrasate Hiria" International Accordion Competition

Un altro successo per il musicista Spoletino che si conferma uno dei più attivi e poliedrici fisarmo[...]

JAF 2018 - Domenica l’ultimo appuntamento della terza edizione

JAF 2018 - Domenica l’ultimo appuntamento della terza edizione

AccorDuo e Beier al Jazz Accordion Festival   CASTELFIDARDO - Un matiné elegante e ritmat[...]

Al Jazz Accordion Festival di Castelfidardo il talento di Beier

Al Jazz Accordion Festival di Castelfidardo il talento di Beier

Sabato al circolo Boccascena, il francese suona con Luca Pecchia e Andrea Alessi   CASTEL[...]