Le recensioni di S&M: DEEPRINT – Santi Costanzo

2

DEEPRINT

Santi Costanzo

Etichetta discografica: Improvvisatorio Involontario

Anno produzione: 2016

di Stefano Dentice

 

DeeprintDistaccarsi totalmente dal solito cliché al quale si è di norma ancorati per intraprendere strade artistiche probabilmente impervie, rischiose, ma certamente vie che consentono di esprimersi con la massima libertà creativa. Tutto ciò rappresenta una sorta di must per l’audace chitarrista e compositore Santi Costanzo, autore di una nuova proposta discografica intitolata Deeprint. Il leader del progetto è coadiuvato da tre valenti sodali come Fabio Tiralongo (flauto, sax soprano e sax tenore), Carlo Cattano (flauto alto e sax baritono) e Alessandro Borgia (batteria). Il CD contiene otto brani originali frutto dell’onnivora mente compositiva di Costanzo. L’incalzante Lai coinvolge a primo impatto. Il cerebrale playing del chitarrista è incardinato su soluzioni armoniche complesse e fascinose. Cattano sfrutta sapientemente da cima a fondo la ricca gamma timbrica del suo baritono, ornando il suo eloquio con improvvisi cenni di growl che creano tensione. In Jumpfive Borgia si esalta stimolando i solisti con il suo costrutto ritmico sempre cangiante e per nulla asfittico. L’enigmatico climax di Milea incuriosisce decisamente l’ascoltatore. Qui le ance si intersecano simbioticamente con ardore espressivo. Intriso di coloriture free e avanguardistiche, Deeprint è un album in cui non si sfocia mai nell’oleografico, dove i quattro protagonisti cercano costantemente un dialogo spontaneo, quasi telepatico, facendosi guidare palesemente da uno spirito anticonformista.

 

GUARDA IL VIDEO