Popolare
qr_code

“Election special”, il nuovo disco di Ry Cooder tra critica e cronaca

Scritto da
/ / Scrivi un commento

Election SpecialCi siamo. Ry Cooder ha centrato il bersaglio che tanti intravedevano nel fosco. La frecciata è stata preparata a lungo – la sua recente discografia ci aiuta a capirlo – e alla fine il colpo è andato dritto lì dove doveva colpire: le elezioni presidenziali americane, ovvero la politica e la democrazia ai tempi della crisi grande e infinita.

Nel suo complesso, la crisi ce l’aveva raccontata l’anno scorso, con il caleidoscopico “Pull up some dust and sit down”, affidandosi a generi marginali e di protesta come blues, calypso, folk e a toni inevitabilmente polverosi che richiamavano Woody Guthrie, colui cioè che ci cantò – come nessuno ha saputo più fare – quella del ’29.

Guthrie quella crisi l’aveva incorporata nella sua musica e nello sguardo con cui selezionava i suoi argomenti, al punto da non poter più rinunciare al rambling che ha reso unica la sua produzione. Nel nuovo “Election Special”, invece, Cooder entra nel dettaglio e ne analizza le divergenze e le esasperazioni, individuando le linee di una rappresentazione diretta e senza sbavature.

Uscito per la Nonesuch Records, etichetta che ha prodotto negli USA “The story-faced man” e “Rȇveries”, i dischi americani di Vinicio Capossela e Paolo Conte – e che annovera i più interessanti artisti del panorama alt-folk mondiale, come Wilko, Chris Thile, Punch Brothers, Carolina Chocolate Drop, Billy Bragg e T Bon Burnet – “Election special” rappresenta al meglio l’asprezza dello scontro politico e la turpitudine della propaganda per le elezioni presidenziali americane.

Così Cooder, come Guthrie, incorpora gli elementi della crisi che bruciano e lacerano i più esposti e i meno colpevoli, cioè gli elettori, e sperimenta e mette di nuovo alla prova il linguaggio del blues e del rock più scarno e roots, evocandone a tratti anche la mitologia. Come nel brano “Brother is gone”, mandolino e qualche sonaglio sotto una voce grave, dove i fratelli Koch – tra i più attivi finanziatori della campagna elettorale del candidato repubblicano alle presidenziali Mitt Rumney – incontrano il diavolo a un crocicchio (“we met old Satan down where two roads cross”). O come in “Cold cold feeling”, un blues slabbrato e acido in cui un presidente Obama che passeggia alla Casa Bianca canta come uno shouter del Mississippi: “cold cold felling ‘cause everithing is going on wrong”.

La scelta stilistica funziona, perché il testo e le invettive sono sempre in primo piano e la musica – registrata quasi tutta in diretta con pochissime sovra incisioni e suonata quasi esclusivamente da Ry Cooder, se si escludono le percussioni del figlio Joachim, che lo accompagna dai tempi del Buena Vista Social club, e l’armonica di Arnold McCuller – graffia come sanno graffiare le corde di chitarre, banjo e mandolini battute e slappate senza sosta da un navigato musicista ultra sessantenne e sublime chitarrista tra i migliori al mondo.

 

Autore: Daniele Cestellini

Daniele Cestellini ha scritto 752 articoli.

Questo post è disponibile anche in: Inglese



Gli appuntamenti

  • Nessun evento imminente
AEC v1.0.4

News


In evidenza

Videoclip n. 13 sulla tecnica della Fisarmonica Diatonica

Videoclip n. 13 sulla tecnica della Fisarmonica Diatonica

In questo videoclip sulla fisarmonica diatonica, riprendendo le esercitazioni sulla tecnica basilare[...]

Le recensioni di S&M: LUC FERRARI EXERCISES D’IMPROVISATION

Le recensioni di S&M: LUC FERRARI EXERCISES D’IMPROVISATION

Una peregrinazione ipnotica, che conduce verso l’astrazione, alla ricerca di universi paralleli che [...]

L'azienda Euphonia di Castelfidardo presenta l'ultima nata ...

L'azienda Euphonia di Castelfidardo presenta l'ultima nata ... "Style"

Ancora un Galà della Fisarmonica ... questa volta organizzato dall'azienda Euphonia di Castelfidardo[...]


Concorsi/Festival

IV Gran Galà della Fisarmonica - San Giuliano Milanese - 27 Gennaio 2019

IV Gran Galà della Fisarmonica - San Giuliano Milanese - 27 Gennaio 2019

Un appuntamento importante, quello del 27 Gennaio, per gli amici del folk e della musica da ballo. [...]

Samuele Telari vince il 26°

Samuele Telari vince il 26° "Arrasate Hiria" International Accordion Competition

Un altro successo per il musicista Spoletino che si conferma uno dei più attivi e poliedrici fisarmo[...]

JAF 2018 - Domenica l’ultimo appuntamento della terza edizione

JAF 2018 - Domenica l’ultimo appuntamento della terza edizione

AccorDuo e Beier al Jazz Accordion Festival   CASTELFIDARDO - Un matiné elegante e ritmat[...]