Popolare
qr_code

Squilibri pubblica il volume “Musiche tradizionali dell’Umbria”

Scritto da
/ / Scrivi un commento

Musiche tradizionali dell'UmbriaUscirà il 10 novembre, per l’editore Squilibri, il nuovo volume della collana AEM-Archivi di etnomusicologia. Ci interessa particolarmente perché è dedicato all’Umbria e alle ricerche che in questa regione sono state condotte nella seconda metà degli anni Cinquanta. Il titolo è Musiche tradizionali dell’Umbria. Le registrazioni di Diego Carpitella e Tullio Seppilli (1956), a cura di Piero G. Arcangeli e Valentino Paparelli.

Nella prospettiva di una ricerca basata su metodi scientifici di raccolta dei dati etnomusicali, Carpitella – che già aveva collaborato alle ricerche di Ernesto De Martino in Basilicata e che, da lì a poco, avrebbe fatto parte dell’equipe di studio sul tarantismo pugliese – coprì, insieme a Seppilli – direttore dell’Istituto di etnologia e antropologia culturale dell’Università degli Studi di Perugia – diverse aree dell’Umbria.

In realtà la regione era stata già attraversata nel 1954 da Alan Lomax, che registrò nelle località di Gualdo Tadino, Assisi e Norcia. Questa prima raccolta è denominata Raccolta 24/R dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia (AESC).

Le ricerche di Carpitella e Seppilli sono state condotte in due tempi. La prima nel dicembre del 1956 – denominata Raccolta 33 (AESC) – e la seconda nel gennaio del 1958. Quest’ultima, Raccolta 37 (AESC), ha interessato sia la provincia di Perugia che di Terni, portando alla raccolta di oltre novanta documenti. La Raccolta 33 è invece costituita da oltre cento documenti sonori e ha interessato esclusivamente la provincia di Perugia.

Il volume è introdotto da una lunga nota di Tullio Seppilli, nella quale si ricostruiscono le fasi più rappresentative di quelle ricerche e si affrontano sostanzialmente tre temi: la persistenza della forma poetica improvvisata in ottava rima, la scoperta del rituale del Sega la vecchia e la presenza della “materia letteraria relativa al Guerrin Meschino e al suo lungo soggiorno nella Grotta della Sibilla”, inquadrata in un “orizzonte culturale ancora popolato di fate e di streghe, di strane apparizioni e di notturni paurosi incontri”.

 

Autore: Daniele Cestellini

Daniele Cestellini ha scritto 752 articoli.

Questo post è disponibile anche in: Inglese



Gli appuntamenti

  • Nessun evento imminente
AEC v1.0.4

News


In evidenza

Le recensioni di S&M: LA BELLEZZA DELL’ESSENZIALE – Nello Mallardo

Le recensioni di S&M: LA BELLEZZA DELL’ESSENZIALE – Nello Mallardo

La sceltezza della cantabilità che si interseca in modo simbiotico con un senso melodico di pregevol[...]

Carmine Ioanna: musica senza barriere né etichette

Carmine Ioanna: musica senza barriere né etichette

Carmine Ioanna è uno fra i fisarmonicisti italiani più creativi ed eclettici sulla scena odierna. Vu[...]

Un riconoscimento a Massimiliano Pitocco tra le Cento Eccellenze Italiane

Un riconoscimento a Massimiliano Pitocco tra le Cento Eccellenze Italiane

Si è svolta Giovedì 29 Novembre presso la Sala della Lupa in Palazzo Montecitorio la consegna del Pr[...]


Concorsi/Festival

Samuele Telari vince il 26°

Samuele Telari vince il 26° "Arrasate Hiria" International Accordion Competition

Un altro successo per il musicista Spoletino che si conferma uno dei più attivi e poliedrici fisarmo[...]

JAF 2018 - Domenica l’ultimo appuntamento della terza edizione

JAF 2018 - Domenica l’ultimo appuntamento della terza edizione

AccorDuo e Beier al Jazz Accordion Festival   CASTELFIDARDO - Un matiné elegante e ritmat[...]

Al Jazz Accordion Festival di Castelfidardo il talento di Beier

Al Jazz Accordion Festival di Castelfidardo il talento di Beier

Sabato al circolo Boccascena, il francese suona con Luca Pecchia e Andrea Alessi   CASTEL[...]