Popolare
qr_code

Vinicio Capossela produce il primo disco della “Banda della Posta”

Scritto da
/ / Scrivi un commento

Banda della postaChi segue Vinicio Capossela sa bene che la sua vena creativa non si esaurisce dentro un genere musicale. Anzi, dal ’91, anno di “All’una e trentacinque circa”, il suo primo album, ci ha tenuti sospesi sul filo di una produzione tanto eterogenea quanto innovativa. Basti pensare a “Canzoni a manovella”, l’album del 2000 che ha, di fatto, consacrato il suo eclettismo, oltre alla sua maturazione. Comunque, dopo essersi esibito con una inusuale compagnia di musicisti al concerto del Primo Maggio e all’Auditorium Parco della Musica di Roma, anche i più disincantati si sono fermati a riflettere sull’ultima proposta del cantautore originario di Calitri. Ovvero “La Banda della Posta”, un gruppo di suonatori specializzati in musiche da ballo. Un repertorio, questo, non esattamente di tradizione orale, ma codificato in tutta Italia in un genere molto diffuso negli anni ’50 e ’60, che comprende “mazurke, polke, valzer, passo doppio, tango, tarantella, quadriglia e fox trot” e che veniva eseguito soprattutto durante i matrimoni. È appena uscito il loro primo disco, prodotto da Capossela (per la prima volta in questa veste), dal titolo “Primo ballo”. Il risultato di questa convergenza è straniante, ma il suono monolitico e l’atmosfera allo stesso tempo goliardica, romantica e autoironica producono un paradosso irresistibile, che si traduce in un linguaggio fortemente evocativo. Addirittura mitico, si potrebbe dire, non ancorato concretamente ma idealmente connesso alla dimensione festiva e conviviale, allo sposalizio che – come ci suggerisce Vinicio – “è stato il corpo e il pane della comunità” e “veniva consumato con il cibo e con la musica”.

Autore: Daniele Cestellini

Daniele Cestellini ha scritto 752 articoli.

Questo post è disponibile anche in: Inglese



Gli appuntamenti

  • Nessun evento imminente
AEC v1.0.4

News


In evidenza

Paolo Picchio - La fisarmonica da concerto e il suo repertorio

Paolo Picchio - La fisarmonica da concerto e il suo repertorio

È recentemente uscito in una nuova edizione, per i tipi della Youcanprint Self-Publishing, il libro [...]

Le recensioni di S&M: LA BELLEZZA DELL’ESSENZIALE – Nello Mallardo

Le recensioni di S&M: LA BELLEZZA DELL’ESSENZIALE – Nello Mallardo

La sceltezza della cantabilità che si interseca in modo simbiotico con un senso melodico di pregevol[...]

Carmine Ioanna: musica senza barriere né etichette

Carmine Ioanna: musica senza barriere né etichette

Carmine Ioanna è uno fra i fisarmonicisti italiani più creativi ed eclettici sulla scena odierna. Vu[...]


Concorsi/Festival

Samuele Telari vince il 26°

Samuele Telari vince il 26° "Arrasate Hiria" International Accordion Competition

Un altro successo per il musicista Spoletino che si conferma uno dei più attivi e poliedrici fisarmo[...]

JAF 2018 - Domenica l’ultimo appuntamento della terza edizione

JAF 2018 - Domenica l’ultimo appuntamento della terza edizione

AccorDuo e Beier al Jazz Accordion Festival   CASTELFIDARDO - Un matiné elegante e ritmat[...]

Al Jazz Accordion Festival di Castelfidardo il talento di Beier

Al Jazz Accordion Festival di Castelfidardo il talento di Beier

Sabato al circolo Boccascena, il francese suona con Luca Pecchia e Andrea Alessi   CASTEL[...]