Colosseo Jazz Fest – Il concerto del duo Rosario Giuliani Luciano Biondini

15

Colosseo Jazz Fest – mercoledi 22 luglio ore 21,45

Rosario Giuliani sax alto e sax soprano e Luciano Biondini fisarmonica presentano

“The Great Italian Film Masters: The Music Of Nino Rota and Ennio Morricone”

 
Luciano BiondiniUna rassegna interamente dedicata al jazz arricchisce, quest’anno, la 25esima edizione de All’Ombra del Colosseo.

Il palco della storica kermesse romana dedicata alla comicità ospita, dal 24 giugno al 23 agosto, il Colosseo Jazz Fest, organizzato in collaborazione con il Saint Louis College of Music di Roma, che vedrà avvicendarsi sul palco del Parco del Celio alcuni tra i più importanti musicisti del panorama jazz italiano: GeGè Telesforo, Maria Pia De Vito, Roberto Gatto, Rosario Giuliani e Luciano Biondini, Doctor 3, Sergio Caputo e un concerto omaggio dedicato a uno dei più grandi crooner italiani: Nicola Arigliano.

“The Great Italian Film Masters: The Music Of Nino Rota and Ennio Morricone” è il titolo del progetto che Rosario Giuliani (sax) e Luciano Biondini (fisarmonica) presentano mercoledì 22 luglio alle ore 21.45.

Rosario GiulianiNon è esagerato dire che la musica da film di Ennio Morricone e di Nino Rota rappresenta ormai da parecchi decenni la colonna sonora dell’umanità intera, composizioni capaci di imprimersi con straordinaria forza evocativa nell’immaginario collettivo. L’assegnazione al Maestro Ennio Morricone del Premio Oscar alla Carriera è stato un riconoscimento dovuto a un musicista che ha rivoluzionato con la sua enorme sensibilità il rapporto musica-immagine nel cinema.

In questo concerto, il duo formato da Rosario Giuliani e Luciano Biondini proporrà al pubblico una selezione di alcuni celebri temi di Morricone e di Rota rivisitati in modo da valorizzarne le splendide melodie e, insieme, creare dinamiche tali da favorire la libera improvvisazione. Un’arte, quest’ultima, nella quale Giuliani e Biondini si sono particolarmente distinti, e per la quale hanno ottenuto riconoscimenti, nonché un unanime consenso di critica che da tempo ha eletto i due musicisti al ruolo di veri protagonisti della scena jazzistica nazionale e internazionale.