La musica tradizionale del Lazio: ciaramelle, organetti e canti religiosi

6

La musica tradizionale del Lazio: ciaramelle, organetti, improvvisazioni poetiche, saltarelli e canti religiosi

 

Giorgio AdamoMercoledì 10 aprile 2019 alle 18.00 la stagione di Roma Sinfonietta presso l’Università di Roma “Tor Vergata” (Auditorium “Ennio Morricone” – Macroarea di Lettere e Filosofia, via Columbia 1), dedica come ogni anno un concerto alla Musica delle Regioni d’Italia: questa volta è il turno del Lazio.
Si ascolteranno ciaramelle di Amatrice, improvvisazioni poetiche, organetti, zampogne, saltarelli, canti religiosi.
Il concerto è a cura di Giorgio Adamo, professore di etnomusicologia presso l’Università di Roma “Tor Vergata”, con la collaborazione Giuseppina Colicci, Giancarlo Palombini e Serena Salvatori.
Le ciaramelle sono un arcaico strumento a fiato continuo, diverso dalle altre zampogne, sia per la struttura organologica (mancanza del bordone), sia per l’utilizzo di scale musicali pre-tonali e per il repertorio, che comprende la sonata per la sposa, l’accompagnamento del canto a terzina o quartina e la saltarella, per accompagnare l’omonimo ballo. Alessio Di FabioLa suona ora Alessio Di Fabio, che fa parte dell’ultima leva di ciaramellari
La poesia improvvisata in ottava rima ha nella zona di Amatrice, tradizionalmente pastorale, una presenza forte e diffusa. Pietro e Donato De Acutis, padre e figlio, rappresentano due generazioni di poeti.
I canti a due voci sul lavoro, denominati “all’arianella” e “alla monnarella”, eseguiti dalle donne durante i lavori della monda del grano, erano presenti fino a qualche tempo fa soprattutto nella zona di Amatrice e sono riproposti da Susanna Buffa e Ludovica Valori.
La ricca tradizione polivocale di canti religiosi del Lazio sarà rappresentata dai due gruppi, ciascuno di circa 25 esecutori, della cantoria della Confraternita del SS. Sacramento e dell’Immacolata Concezione di Fiuggi: sarà eseguito il repertorio processionale del Venerdì Santo, tra cui il Vexilla Regis, il Pianto della Madonna e la Morte di Gesù.

 

Biglietti euro 12,00 – Ridotti euro 8,00 – Studenti euro. 5,00

Acquistabili anche nell’atrio dell’Auditorium “Ennio Morricone” prima del concerto
Info per il pubblico: 06 3236104 – 339 8693226 – romasinfonietta@libero.itwww.romasinfonietta.com

Ufficio stampa dell’Associazione Roma Sinfonietta:
Mauro Mariani – m.mariani.roma@gmail.com – tel. 335 5725816