Le recensioni di S&M: Dreamers – Rinky Tinky Jazz Orchestra

54

DREAMERS

Rinky Tinky Jazz Orchestra

Etichetta discografica: JSM

Anno produzione: 2019

di Stefano Dentice

 

Dreamers - Rinky Tinky Jazz OrchestraUna spumeggiante energia nel segno di un sound avvolgente e di un groove assai marcato, elementi che caratterizzano Dreamers, nuovo prodotto discografico firmato Rinky Tinky Jazz Orchestra, ensemble formato da Roberta Gentile (voce), Irene Cedroni (cori), Silvia Celestini Campanari (cori), Fabrizio Giorgi (cori), Francesco De Rubeis (batteria), Fabrizio Aiello (percussioni), Alessandro Corsi (basso, m’bira), Stefano Ciuffi (chitarra), Edoardo Petretti (tastiere e pianoforte), Mirko Rinaldi (tromba), Antonio Padovano (tromba), Ambrogio Frigerio (trombone), Tommaso Costantini (sax tenore), Giuseppe Russo (sax baritono, sax soprano, flauto, sax alto), Carlo Maria Micheli (sax alto), Frances Alina (voce), Stefano Profazi (chitarra), Erika Scorza (voce), Valentina Tramacere (voce), Andrea Colella (contrabbasso), Floria Girolami (oboe), Gianmarco Corinto (clarinetto), Noemi Lanzi (fagotto), Ilaria Paolucci (voce), Enzo De Rosa (trombone), Alessandro Tomei (sax alto), Claudio Giusti (sax baritono), Elisa I (violino), Andrea Camerino (violino), Lorenzo Rundo (viola), Angelo Maria Santisi (violoncello), Federico Ferrandina (chitarra) e Max De Aloe (armonica). Dieci i brani che costituiscono la tracklist, fra cui Dreamers (Stefano Ciuffi e Virginia Fabbri), The Place Where I Belong (Stefano Ciuffi e Virginia Fabbri), Groove Me (Ambrogio Frigerio ed Enrico Cremonesi) e Move It On, Rinky Tinky! (Stefano Ciuffi e Francesca Pirami) sono composizioni originali, mentre Caruso (Lucio Dalla), Ti Sento (Matia Bazar), Se Telefonando (Mina), A Far L’Amore Comincia Tu (Raffaella Carrà), Parla Più Piano (Larry Kusik e Gianni Boncompagni) e Nel Blu Dipinto Di Blu (Domenico Modugno), tutte canzoni brillantemente riarrangiate sotto una nuova e raffinata veste sonora, armonica e ritmica, completano la playlist. Dreamers, title track, è un brano che, in pieno solco rhythm and blues, sprigiona groove a tutta forza. Roberta Gentile interpreta il pezzo con grinta, colorandolo di intriganti venature bluesy, supportata dal comping prorompente cesellato dal tandem Corsi-De Rubeis. Il solo di Petretti (alle tastiere) è vigoroso, locupletato da alcune inebrianti incursioni nell’out playing. Il mood di The Place Where I Belong è distensivo, ammantante. Qui Roberta Gentile fornisce un’interpretazione con la giusta intensità emotiva, adoperando finemente il suo timbro caldo e maliardo. L’eloquio (al soprano) di Russo è carezzevole, romantico, pregno di senso melodico. Move It On, Rinky Tinky è una composizione ammiccante, estremamente godibile. Frances Alina si destreggia ottimamente con la sua timbrica intrisa di influenze blue-eyed soul, mentre il discorso improvvisativo di Corsi è ben cadenzato, dall’impronta funkeggiante. Dreamers è un album di grande appeal, dall’assoluta piacevolezza d’ascolto, che trasmette una certa carica soprattutto dal punto di vista ritmico.

 

GUARDA IL VIDEO