Le recensioni di S&M: LIVE AT ACUTO JAZZ – Lucia Ianniello

9

LIVE AT ACUTO JAZZ

Lucia Ianniello

Etichetta discografica: Slam Productions

Anno produzione: 2017

di Stefano Dentice

 

Lucia Ianniello - Live at acuto jazzSonorità cosmiche, astratte, visionarie, avvolte in un’atmosfera immaginifica. Live At Acuto Jazz è la nuova creazione discografica partorita dall’audace trombettista e compositrice Lucia Ianniello, che per questo progetto si affida al vivido estro di Diana Torti (voce), Andrea Polinelli (sax soprano, sax alto e flauto), Paolo Tombolesi (tastiere) e Cristina Patrizi (basso). Il CD, registrato dal vivo, contiene nove brani, di cui tre frutto dell’acume creativo dell’autrice del disco, mentre Peyote Song No. III (Jesse Sharps), Little Africa (Linda Hill – Horace Tapscott), Desert Fairy Princess (Jesse Sharps), Quagmire Manor at Five A.M. (Michael Session), Ballad for Samuel (Horace Tapscott) ed Eternal Egypt Suite, part 4 – of four parts (Fuasi Abdul Khaliq) completano la tracklist. Il mood criptico di Our Summer crea un’intensa suspense. Qui Ianniello, Polinelli, Tombolesi e Patrizi dialogano veracemente dando vita a un flusso sonoro e ad architetture armoniche di ottima fattura. In Other il climax è ipnotico, ammantante. L’incedere di Lucia Ianniello è profondamente ispirato, etereo, così come è magnetica la vocalità di Diana Torti, entrambe sostenute dal pianismo altamente tensivo e inebriante di Tombolesi. Le colorazioni esotiche di Maintenant lasciano letteralmente con il fiato sospeso. L’eloquio della trombettista è evocativo, pervasivo. Gli sbalorditivi vocalizzi di Diana Torti, curati da una dinamica assai raffinata, creano un pathos mozzafiato. Live At Acuto Jazz rappresenta un erudito e interessante mélange incardinato su free, avant-garde jazz, etno jazz e world music, ornato da alcune sfumature tendenti al serialismo e alla dodecafonia. Questo album brilla per autentica creatività estemporanea e ardente desiderio di sperimentazione e innovazione, in cui l’effetto sorpresa sembra essere una sorta di mantra.

 

GUARDA IL VIDEO