Le recensioni di S&M: LUNAR – Cino Magnaghi

5

LUNAR

Cino Magnaghi

Etichetta discografica: Dodicilune Edizioni Discografiche e Musicali

Anno produzione: 2017

di Stefano Dentice

 

Lunar - Cino MagnaghiSentieri sonori illuminanti, che fanno librare la mente verso universi immaginifici. Lunar è la nuova creatura discografica concepita  dalla magmatica meninge del pianista e compositore Cino Magnaghi, che per questa avventura si avvale della preziosa collaborazione di musicisti del calibro di Ron McClure (contrabbasso), Jay Sawyer (batteria) e dell’ospite Edward Perez (contrabbasso in Infinity e Song For). La tracklist si compone di sette brani originali frutto della ferace mente del pianista. Lunar, prima traccia del CD, è una composizione profondamente evocativa, immersa in un climax crepuscolare. L’eloquio di Magnaghi è tensivo, denso di soluzioni armoniche di ottima fattura, puntualmente sostenuto dal comping tetragono e stimolante intessuto dal tandem McClure-Sawyer. Il volteggiante andamento ternario di Mucca è immediatamente contagioso a livello emozionale. Magnaghi si esprime con un tocco leggiadro, snocciolando un discorso improvvisativo placido, essenziale. In Reset, il pianista dà vita a un’elocuzione intrigante, cadenzata, adornata da cenni di inebriante out playing. Lunar è un album che occhieggia al contemporary jazz, in cui pullulano apollinee colorazioni impressioniste e pennellate di third stream. Un disco dal quale trasuda un nobile senso estetico e una sapida melodiosità, peculiarità che lo rendono parecchio interessante e assai appagante, specialmente dal punto di vista emozionale.

 

GUARDA IL VIDEO