Torna “Music for sunset”. All’Isola Maggiore il 25 e il 26 luglio

6

Music for SunsetIl 25 e il 26 luglio torna la rassegna “Music for sunset”, ideata dal compianto Sergio Piazzoli e curata dall’Associazione Umbra della Musica d’Autore. Come i lettori di queste pagine sanno, il festival è una delle ultime iniziative promosse da Piazzoli (prematuramente scomparso circa un anno fa) e, per l’originalità dello scenario, oltre che per la selezione accurata degli spettacoli, ha fin da subito incontrato un ampio favore, sia da parte del pubblico che della critica. “Music for sunset” si svolge sulle rive dell’Isola Maggiore del Lago Trasimeno. In una cornice, cioè, che sospende il tempo delle performance e avvolge i presenti in un’atmosfera assolutamente unica. L’idea di Piazzoli può essere ricondotta proprio a questo insieme di elementi: il paesaggio rarefatto e decadente della Maggiore, i colori sgargianti del lago al tramonto, l’aria densa che si allunga sull’acqua e sulle rive che diventano la scena delle esibizioni, una sospensione onirica che dura il tempo di un concerto. Quest’anno il programma è particolarmente ricco e prevede la presenza di artisti straordinari, anche se molto diversi tra loro. Si inizia sabato alle 17.00 con varie iniziative, alcune delle quali organizzate in collaborazione con Festambiente Umbria, per arrivare al Prato della canonica, dove alle 20.15 si esibirà Francesco Bianconi dei Baustelle. Prima della sua esibizione, accompagnato al pianoforte da Paolo Durante,  il cantautore  intratterrà una conversazione con lo scrittore Giovanni Dozzini. Alle 21.30 si esibirà Sandro Joyeux e alle 22.00, in piazza San Francesco, sarà possibile assistere a “My name is David – Film music wall edition”, con elaborazioni video a cura di RetroFilm Festival e musiche a cura di Palenque Pacal Vinyl. Domenica 26 sono previsti molti spettacoli (per i quali si rimanda al programma completo). Da segnalare quello del duo composto da Iva Bittova e Paolo Angeli, previsto per le ore 19.45, e il concerto “Wind Hunter” di Lorenzo Rossi (pianoforte).