Concerti
qr_code

Borsa di studio “Simone Lisino” al chitarrista jazz Brian Belloni

Scritto da
/ / Scrivi un commento
Borsa di studio “SIMONE LISINO” riservata ai migliori studenti di chitarra jazz degli anni accademici 2011/2012 e 2012/2013
Concerto del vincitore a.a. 2012/13 BRIAN BELLONI
Sabato 22 marzo 2014, ore 16.30
Auditorium Pittaluga – Via Parma 1, Alessandria

Simone LisinoLa Famiglia Lisino, per ricordare il giovane e brillante Musicista Simone, laureatosi nel Triennio di I livello in Chitarra Jazz presso il Conservatorio di Alessandria e scomparso prematuramente, ha messo a disposizione due borse di studio negli anni accademici 2011-2012 e 2012-2013, destinate a giovani promettenti chitarristi del comparto jazz che si siano distinti per impegno nel corso degli studi, per qualità professionali e umane.

Nell’a.a. 2011-2012 la borsa di studio è stata assegnata a Lorenzo Guacciolo, mentre per l’a.a. 2012-2013 la commissione, presieduta dal Direttore del Conservatorio con il docente della cattedra di Chitarra jazz, ha espresso unanime parere favorevole nella scelta di assegnare la borsa di studio a BRIAN BELLONI.

PROGRAMMA:

So What (Miles Davis)

S-Square (Brian Belloni)

Doping (Simone Lisino)

Earth Song (Michael Jackson)

Junky (Brian Belloni)

 

Brian Belloni (chitarra) – Leonardo Barbierato (basso) – Edoardo Zampolini (batteria)

 

SIMONE LISINO (Tortona, 1970-2011)
All’età di 16 anni intraprende la carriera musicale collaborando con vari gruppi rock: Brainless, Eta Beta, Ritmi urbani, Fuori Misura, Big Cake 5et, Radio Baccano, Antonio Carta, Appaloosa, Soul and The Gang, SKDK, BB Band. Negli anni Novanta segue all’Accademia d‘Arte Moderna di Voghera il corso di Chitarra elettrica con il maestro Fabio Casali. Durante Umbria Jazz 1995 partecipa ad alcuni seminari, tra cui quello gestito dal Berklee College of music di Boston, seguendo il corso di chitarra, di improvvisazione e di musica d’assieme. Nel 1996 si laurea in Ingegneria civile, discutendo una tesi sull’acustica degli ambienti e la trasmissione del suono. Dopo una frequenza triennale del corso di chitarra moderna e chitarra jazz con il maestro Luciano Zadro e il corso di armonia funzionale con il maestro Filippo Daccò, nel 1997 consegue il diploma di Jazz master del CDM di Milano. In quella sede, una commissione di esperti ne riconosce le alte qualità tecniche ed interpretative. Nel 2008 consegue la Laurea di I° livello in Chitarra Jazz presso il Conservatorio di Alessandria, sotto la guida del maestro e amico Pino Russo. Numerose, nel corso degli anni, le collaborazioni con artisti della sua generazione. Nel 1998 intraprende un progetto solista, da cui nasce la sua prima opera FUN-JAZZ che contiene brani originali di Simone, cui si aggiungono due brani del pianista Mario Zara. All’opera collaborano numerosi musicisti tra cui Giorgio Di Tullio, Piero Leveratto, Roberto Martinelli, Mario Zara, Loris Stefanuto, Mirko Testoni, Roberto Re, Stefano Bertolotti, Stefano Intelisano ed altri. Nel 2005 esce LUCKY ESCAPE, contenente brani originali e le collaborazioni di Loris Tarantino, Stefano Bertolotti, Andrea Imelio, Andres Villani, Andrea Manuelli. Il 2007 è l’anno di DONNE IN JAZZ, opera live che propone riletture di noti brani jazz interpretati da Maribel Fracchia e altre artiste. L’appassionata collaborazione con l’amico Claudio Cristoferone porta Simone a musicare, nel 2009, i brani di AMARI AMORI. Simone ha anche composto ed eseguito le musiche della rappresentazione teatrale IL MIO AMICO MAX di Marco Lodoli, regia Marco Nattino, e dello spettacolo di Emanuele Arrigazzi IL POEMA DEI LUNATICI. Il suo ultimo lavoro, frutto della collaborazione con la moglie Angelica Depaoli, è la colonna sonora del documentario SARINA – UNA VITA IN MEZZO AI BURATTINI, regia di Emanuele Arrigazzi. Simone ha inoltre fondato, animato e coordinato per anni la scuola di musica FRONT a Pozzolo Formigaro (AL).
 
BRIAN BELLONI
Ha iniziato a studiare chitarra all’età di dieci anni con insegnante privato. Il suo primo progetto musicale è stato un tributo ai Jethro Tull in veste di batterista (Rovers). Successivamente ha proseguito gli studi di chitarra frequentando due anni il Conservatorio “Vittadini” di Pavia. Attualmente studia al Conservatorio “Vivaldi di Alessandria”: chitarra jazz e musica elettronica. In contemporanea suona con i Beggar’s Farm, tributo ufficiale ai Jethro Tull che vanta collaborazioni con artisti quali Martin Barre e Clive Bunker (Jethro Tull), Aldo Tagliapietra (Orme), Vittorio De Scalzi (New Trolls), Maurizio Vandelli (Equipe 84), Giorgio Piazza (PFM), Geoff Whitehorn (Procol Harum).

Autore: Gianluca Bibiani

Gianluca Bibiani ha scritto 1123 articoli.



Gli appuntamenti

  • 21 novembre 2018Strumenti&Musica Festival
AEC v1.0.4

News


In evidenza

Il calendario delle audizioni del 6° Concorso Pianistico Internazionale

Il calendario delle audizioni del 6° Concorso Pianistico Internazionale "Città di Spoleto"

Stop alle iscrizioni del 6° Concorso Pianistico Internazionale "Città di Spoleto" ... Il Direttore A[...]

Le recensioni di S&M: EXCURSION – Massimo Manzi Trio

Le recensioni di S&M: EXCURSION – Massimo Manzi Trio

Un sapido senso melodico sempre costante e presente, che si amalgama con un brio ritmico assai accat[...]

Scompare Letizia Pascoli, attrice bambina e valente musicista

Scompare Letizia Pascoli, attrice bambina e valente musicista

Ha procurato profondo cordoglio in seno al Conservatorio Statale Rossini la notizia della scomparsa,[...]

Concorsi/Festival

Il calendario delle audizioni del 6° Concorso Pianistico Internazionale

Il calendario delle audizioni del 6° Concorso Pianistico Internazionale "Città di Spoleto"

Stop alle iscrizioni del 6° Concorso Pianistico Internazionale "Città di Spoleto" ... Il Direttore A[...]

Ultimi giorni per le iscrizioni ai Concorsi Pianistici

Ultimi giorni per le iscrizioni ai Concorsi Pianistici "Città di Spoleto"

Ultimi giorni per le iscrizioni ai Concorsi Pianistici Internazionali "Città di Spoleto" che, come d[...]

42° Premio Tenco - Le riflessioni del nostro inviato

42° Premio Tenco - Le riflessioni del nostro inviato

Migrans: uomini, idee e musica   Già dal titolo della 42° edizione del Premio Tenco era c[...]