Notizie
qr_code

In uscita per l’editore Squilibri “Musiche tradizionali in Polesine”

Scritto da
/ / Scrivi un commento

Musiche tradizionali in PolesineUscirà il diciotto settembre – ma si può già ordinare online a un prezzo ridotto – il nuovo volume della collana AEM-Archivi di Etnomusicologia. Si tratta di “Musiche tradizionali in Polesine. Le registrazioni di Sergio Liberovici (1968), a cura di Paola Barzan, con contributi di Chiara Crepaldi, Flavia Giacchero, Febo Guizzi e Paolo Ragni. Lo scopo delle pubblicazioni è quello di far riemergere – dentro un quadro critico e teorico – il panorama delle musiche di tradizione orale del nostro paese, attraverso lo studio dei repertori documentati da etnomusicologi e ricercatori a partire dagli anni Cinquanta. Come è nella tradizione della collana (per la quale, tra gli altri, sono già usciti volumi sull’Umbria, il Molise, il Salento, la Calabria, l’Abruzzo e la Basilicata), dedicata alle registrazioni storiche dei repertori etnomusicologici italiani, organizzati in regioni o in aree geografiche, anche a questo nuovo volume sono allegati i documenti audio originali, convogliati in ben tre cd. Come specifica il titolo, il volume in uscita fa riferimento al lavoro di documentazione svolto da Sergio Liberovici – compositore e musicista scomparso nel 1991 – nel corso di una campagna di documentazione in “una realtà irriducibile al proprio orizzonte di senso, forgiato nel vivo di esperienze fortemente orientate da un punto di vista ideologico, dai Cantacronache fino alle ricerche condotte assieme a Emilio Jona sul canto sociale e le memorie operaie”. Nel delta del Po Liberovici ha raccolto oltre duecento documenti, conservati nella Raccolta 117 degli Archivi di Etnomusicologia della Accademia di Santa Cecilia, tra i quali diversi brani cantati da ex mondine, canti d’osteria, cori spontanei, ballate di cantastorie, “villotte” venete. Nel loro insieme i documenti sonori ben rappresentano la frammentazione culturale e sociale dell’area in esame (diviso tra Ca’ Camerini, Ca’ Venier e Donzella), che può essere considerata un luogo di incontro dove convergono diverse tradizioni espressive, ma anche contrassegnato da elementi di arcaicità e arretratezza, “tanto nelle condizioni di vita come nella coscienza di classe”.

Qui si può ascoltare “Ai sei di genaio è qui la vecia” – uno dei circa ottanta brani riportati nei dischi – e leggere un estratto dell’introduzione al volume.

Autore: Daniele Cestellini

Daniele Cestellini ha scritto 752 articoli.

Questo post è disponibile anche in: Inglese



Gli appuntamenti

  • Nessun evento imminente
AEC v1.0.4

News


In evidenza

Le recensioni di S&M: SOUL MESSAGE – The South Project

Le recensioni di S&M: SOUL MESSAGE – The South Project

Inneggiare alla tradizione jazzistica attraverso una genuinità comunicativa tangibile, che calamita [...]

Loris Douyez: creare legami attraverso la musica

Loris Douyez: creare legami attraverso la musica

Enfant prodige belga della fisarmonica, che ha già ottenuto prestigiosi riconoscimenti in ambito int[...]

Oltre ogni singolo effetto-La fisarmonica “profonda” di Pauline Oliveros

Oltre ogni singolo effetto-La fisarmonica “profonda” di Pauline Oliveros

Ha suonato (la fisarmonica, what else?), composto, scritto saggi di teoria musicale. Ha sperimentato[...]


Concorsi/Festival

Il Conservatorio di Praga ha ospitato il 5°

Il Conservatorio di Praga ha ospitato il 5° "International Accordion Days"

Il Conservatorio di Praga, dal 31 ottobre al 3 novembre 2019, ha ospitato la quinta edizione della m[...]

International competition and festival “Eurasia – III” - Ekaterinburg 2019

International competition and festival “Eurasia – III” - Ekaterinburg 2019

La città di Ekaterinburg, capoluogo dell'Oblast' di Sverdlovsk situata sul lato orientale degli Ural[...]

Premio Tenco 2019 - il resoconto del nostro inviato all'Ariston

Premio Tenco 2019 - il resoconto del nostro inviato all'Ariston

Sanremo ha sempre vissuto la musica dividendosi in due fazioni contrapposte: i sostenitori della can[...]

CHIUDI
CLOSE