a Scuola di Fisa
qr_code

La storia dell’appellativo “Bayan” della fisarmonica russa

Scritto da
/ / Scrivi un commento

Questa è una storia d’altri tempi che proviene dalla terra russa,

CHI per primo pronunciò a Kiev,

E DA QUALE FONTE della terra russa ha avuto inizio

(Russo Cronaca primaria, traduzione inglese di Samuel H. Cross)

 

In questo articolo mi propongo di raccontarvi il motivo per cui in Russia usiamo il nome – “Bayan” per la fisarmonica, quando è stato utilizzato la prima volta e cosa significa esattamente.

Prima di tutto vorrei spiegare la scelta stilistica di questo articolo. Ho deciso di usare all’inizio una citazione dal Primo grande libro storico degli Annali Russi, perché la fisarmonica a bottoni e l’armonica in Russia sono davvero una parte fondante e un importante segno d’identità nazionale, nonché un elemento fortemente connesso con la storia russa. Mi auguro che in questo modo si possa dare una possibilità in più per capire quale sia la ragione della comparsa del nome Bayan e della sua provenienza. Vi prometto di non utilizzare uno stile troppo serio quando parlerò di cose che non lo sono.

“Cominciamo il racconto in questo modo”:Jacov Orlansky Titarenko

Nella libri della “History of accordion performance”, prodotti nel periodo dell’Unione Sovietica e in Russia, si può leggere la versione ufficiale che nel 1907 diede il famoso produttore di fisarmoniche Piotr Sterligov, quando costruì uno strumento per Jacov Orlansky-Titarenko, popolare interprete di armonica di S. Pietroburgo.

Questo strumento fu chiamato “Bayan”. J. Orlansky-Titarenko si esibì in numerosi concerti con questo e con altri nuovi strumenti costruiti da Sterligov e contribuì in maniera determinante alla grande promozione del “Bayan” in tutta la Russia. Presto tutte le armoniche con la stessa struttura furono chiamate “Bayan”. Era un tipo di armonica con la scala cromatica con 3, 4 o 5 file di bottoni a destra.

Tipico Garmon“Armonica” o, come diciamo noi – «Garmon ‘», indicava solo lo strumento con 1-2 file e con la scala diatonica tipica delle musiche e melodie popolari.

 

Big Bayan “Yasnaja Poliana” (azienda TULA). 3 file a destra, 64 bottoni, Mi-Sol4. 2 voci a destra. 4 a sinistra. Le piastre dove venivano montate le ance erano di OTTONE. Quando comparvero i Bayan con 4 voci multitimbriche, tra gli anni ‘50 e ’60, gli artigiani iniziarono ad usare l’ alluminio perché molto più leggero. Il sistema di convertitore della mano sinistra venne prodotto dagli anni ‘60 quando l’insegnamento dello strumento con i bassi sciolti di diffuse in tutto il Paese.

Tipica Bayan

Il nome “Bayan” ebbe la massima diffusione in epoca sovietica. La gente identificava il “Bayan” con lo strumento con 3 file di bottoni che veniva anche chiamato “Treokhrjadka” (“a tre voci”) e «Garmon» – lo strumento con 2 file. Gli strumenti con 4 e 5 file non furono prodotti su scala industriale fino agli anni ‘60 e solo una piccola quantità veniva importata dall’estero.

L’industria della fisarmonica in Russia ha avuto il compito di produrre fisarmoniche per tutti, con prezzi accessibili e di semplice costruzione. Questo è il motivo per cui strumenti con 3 file e 2 voci a destra furono scelti per la produzione su larga scala. Tipico del Bayan è il posizionamento della tastiera destra, che non era come nei modelli di fisarmonica europei, ma spostata in avanti, con un certo spazio tra il corpo dell’esecutore e la tastiera. Questa costruzione era anche confortevole per i suonatori di Garmon perché era, infatti, facile appoggiare il pollice sotto la tastiera (questa abitudine è ancora molto popolare tra coloro che hanno metodi didattici un po’ datati). Questo, inoltre, contribuì a controllare l’equilibrio dello strumento sulle gambe, chiedendo più sensibilità nel contatto con i bottoni.

Le 2 voci nella tastiera destra del Bayan sovietico venivano sempre accordate secche, senza alcun tremolo. Il tremolo era infatti associato alla fisarmonica a piano, strumento di cultura occidentale. Lo testimonia il fatto che nome di “Accordion” era utilizzato solo per la fisarmonica a piano. Tutte le fisarmoniche italiane o tedesche a bottoni, come Hohner, Dallapè o Scandalli con tremolo e anche con bottoni di più grandi dimensioni nella tastiera destra e, in generale, con tastiera più grande, erano identificate dalla gente come “Accordion a bottoni”. Ma allo stesso tempo erano anche chiamate “fisarmoniche Bayan” (Akkordeonirovanniy Bayan). Questo strumento era utilizzato in genere per la musica di intrattenimento come tango, valzer, latino-americani. Per la musica folk russa e nell’orchestra si suonava solo Bayan senza tremolo. Ancora oggi gli ex sovietici usano tre nomi – “Accordion” (fisarmonica a piano), “Bayan” (lo strumento popolare russo) e “Accordion a bottoni” (strumento occidentale per la musica leggera). Solo i professionisti sanno che la parola “Accordion” viene utilizzata in tutto il mondo sia per lo strumento a bottoni che per quello a piano. D’altra parte, musicisti russi anche professionali non sanno che il termine “Bayan” entrò nell’uso corrente anche nel resto d’Europa, ma con un altro significato rispetto a quello originale. La confusione con i nomi continua ancora oggi.

Perché e in che senso i musicisti e produttori europei hanno cominciato a usare il nome “Bayan”? Negli anni 70 i musicisti sovietici iniziarono a vincere famosi concorsi di fisarmonica nella categoria classica; in quel momento i maggiori esponenti del Bayan dell’URSS cominciarono a usare una nuova generazione di strumenti. Era già il Bayan multitimbrico con convertitore a sinistra, cassotto e registri, una tastiera con 5 file realizzata da artigiani sovietici specialisti per i musicisti di quei tempi. Oggi, ogni musicista professionista conosce la Jupiter, simbolo del timbro russo, il più alto risultato dell’evoluzione della Bayan in URSS. I musicisti che hanno iniziato a suonare la Jupiter (fabbricata a Mosca), la Mir (fabbricata a Tula) e altri strumenti simili hanno avuto la possibilità di suonare trascrizioni di musica classica (tra cui opere per orchestra) e musica contemporanea a un livello molto più elevato, così il nome “Bayan” iniziò ad essere associato agli strumenti per il repertorio classico, con stile accademico, con un tipo di fisarmonica più “serio”. Alcuni produttori europei di fisarmoniche utilizzarono il nome “Bayan” per un particolare modello o serie di modelli di fisarmonica nella loro produzione, indipendentemente dal fatto che fosse a piano o a bottoni. I migliori modelli con la maggiore estensione completa di bottoni o tasti, 4 voci fatte a mano, cassotto e un suono chiaro e potente furono chiamati “Bayan”. Ma in entrambi i tipi europei, il nome “Bayan” – a bottoni e a piano – significava” il meglio del meglio”.

Ma qual è la storia del nome “Bayan”? Quando e dove i produttori di fisarmoniche russe e i musicisti hanno scoperto questo nome? Questa parola ha una storia lunga e molti significati.

Secondo la tradizione il nome “Bayan” deriva dal nome del vecchio bardo russo Boyan. Gli studiosi moderni collocano questo semi-leggendario personaggio nel XI – XII secolo. Boyan è il personaggio del famoso antico poema epico russo “The Lay of Igor’s campaign”, scritto nel linguaggio dell’antico slavo orientale e datato probabilmente intorno alla fine del XII secolo. Boyan nel poema era il bardo, cioè il cantore, poeta, musicista e mago vissuto alla corte dei Gran Duchi di Russia. Egli esaltò le loro imprese, gli atti di gloria e le vittorie con canti e accompagnato dal “Gusli”, un antico strumento musicale a corda tipico della regione slava, finnica e delle nazioni baltiche. Come “mago” Boyan poteva trasformarsi in animali e uccelli. La sua arte, come bardo, era alla stessa stregua della creatività degli scalds scandinavi, poeti di epoca vichinga.

Victor Vasnetsov "Boyan"

È durante il XVIII e il XIX secolo, quando la letteratura russa si interessò dell’antica arte russa, che si riscoprì Boyan. Per una assonanza con l’antico verbo ‘bayat’ (parlare), il nome Boyan assunse una seconda versione: Bayan.

Boyan / Bayan diventò un simbolo della bella arte sincretica dell’antica Russia, il predecessore di tutti i musicisti e poeti russi, simbolo di identità nazionale. Questo nome cominciò ad essere utilizzato in diversi ambiti della vita russa.

Il bardo Boyan lo possiamo anche incontrare nel famoso poema “Ruslan e Ludmila”, scritto dal celebre poeta russo Alexander Pushkin.

Il nome “Boyan” era anche l’incrociatore della marina russa della fine del XIX secolo.Boyan

Ma possiamo trovare la parola “Bayan” non solo nella lingua russa.

Probabilmente questa parola è arrivata in Russia dai vicini del sud-est dell’antica Russia. Nella lingua mongola e turca “Bayan” significa “ricco” e spesso si può trovare questa parola in titoli e toponimi. Due “Hagans” (governanti) di Avar Khanate (stato che esisteva sul territorio della moderna Ungheria, Slovacchia, Romania, Croazia e Serbia tra il VI e il IX secolo) di cognome si chiamavano “Bayan” così come altri governanti, generali ed eroi della Bulgaria (Proto-Bolgarians), Mongolia e Kazakistan.

Boyan e Boyana erano moderni nomi maschili e femminili, molto popolari, nell’ex Jugoslavia e in Bulgaria.

Lo Slang dei forum russi in internet ha anche la parola Bayan, che significa la ripetizione di una cosa già ben nota. Veniva da una situazione in cui ben noto aneddoto si trovò, per un lungo periodo di tempo, su qualche sito nella sezione “Nuove barzellette”.

Nella moderna lingua turca Bayan significa Donna / Femmina. Durante il mio tour di concerti in Turchia, ho sentito molte colte complimentarsi con i fisarmonicisti russi perché sono molto fortunati per avere, per molte ore al giorno, le donne sulle ginocchia.

Nel gergo dei tossicodipendenti Bayan significa siringa. (C’è solo una grande differenza qui – possono utilizzare il loro “bayans” solo durante la chiusura del “mantice” e non durante l’apertura del mantice. Quindi sembra una tecnica del mantice AntiPiazzola).

Possiamo dire quindi che la storia del nome “Bayan” è molto lunga e ricca.

Ma tornando ai nostri strumenti, vorrei aggiungere che non sono tante le persone che si interessano alla verità: solo i professionisti sanno che la fisarmonica è arrivata in Russia dall’Europa nella metà del XIX secolo. Molta gente crede che Bayan e fisarmonica siano stati creati in Russia. In realtà la cosa più importante è che la fisarmonica e il Bayan hanno trovato una connessione molto forte con l’anima russa. Oggi l’Arte russa della Bayan è diventata una delle migliori al mondo attraverso l’integrazione naturale della cultura nazionale e della storia.

 

Note.
1 Alcuni ricercatori russi della storia armonica e anche il famoso professore Dott. M. Imkhanitsky affermano nelle proprie opere che il nome “Bayan” fu già utilizzato in diversi luoghi dell’impero russo dagli artigiani per diversi tipi di armonica a partire dalla fine del XIX secolo prima di Piotr Sterligov .
2 Dopo la seconda guerra mondiale lo strumento apparve molto interessante in URSS. Quando moltissime fisarmoniche a piano giungevano in URSS dalla Germania, alcuni artigiani aveva modificato le fisarmoniche a piano facendole diventare a bottoni. 
 
Foto 1   Tipico Garmon
Foto 2   Tipica Bayan
Foto 3   Victor Vasnetsov “Boyan” (1910)
Foto 4   Incrociatore della Marina Russa “Boyan”

Autore: Alexander Selivanov

Alexander Selivanov ha scritto 2 articoli.



Gli appuntamenti

  • 24 settembre 201871° Coupe Mondiale (CIA)
  • 21 novembre 2018Strumenti&Musica Festival
AEC v1.0.4

News


In evidenza

Bianco e Sponta i

Bianco e Sponta i "portabandiera" dell'Italia alla Coupe Mondiale 2018

Altissimo il livello di preparazione di tutti i concorrenti e non facile il compito della giuria, se[...]

Le recensioni di S&M: MAGIP – GB Project

Le recensioni di S&M: MAGIP – GB Project

Magip deriva dalle iniziali dei nomi della formazione e non è solo un espediente, una trovata per al[...]

Athos Bassissi: il tango argentino come una droga

Athos Bassissi: il tango argentino come una droga

Perdutamente innamorato del tango argentino, in possesso di una tecnica solidissima, Athos Bassissi [...]


Concorsi/Festival

Bianco e Sponta i

Bianco e Sponta i "portabandiera" dell'Italia alla Coupe Mondiale 2018

Chiuso il sipario sulla brillante edizione della 70°Coupe Mondiale CIA, la città di Osimo ha ospitat[...]

La “Nuova Coppa Pianisti” torna ad Osimo, dal 31 agosto al 6 settembre

La “Nuova Coppa Pianisti” torna ad Osimo, dal 31 agosto al 6 settembre

Grazie all’associazione “Polo Music”, con il patrocinio del Comune di Osimo (Ancona, Italia) dal 31 [...]

4° Festival della Fisarmonica di Fiemme e di Fassa - Valli dell’Avisio

4° Festival della Fisarmonica di Fiemme e di Fassa - Valli dell’Avisio

Ai nastri di partenza la quarta edizione del Festival della Fisarmonica di Fiemme e di Fassa - Valli[...]

CHIUDI
CLOSE