Cercola, tanti i talenti che si distinguono

4

Concorso pianistico Luigi Paduano - Cercola 2012Si è conclusa con numerosi applausi per i vincitori talentuosi dei vari primi premi assoluti la XVI edizione del Concorso Nazionale Pianistico “Luigi Paduano” di Cercola, in provincia di Napoli. La giuria, presieduta da Maria Sarli (docente presso il Conservatorio “G. Da Venosa” di Potenza) e formata da Filippo Arlia (docente di pianoforte presso l’ISSM “Tchaikovsky” di Nocera Terinese e concertista), Michele Rossetti (concertista e Direttore Artistico del Concorso Internazionale “Città di Sangemini”), Maurizio Marinelli (docente di pianoforte presso la scuola pianistica di Bucchianico) e Salvatore Pezzotti (pianista e docente di pianoforte), ha alla fine votato per i seguenti candidati: Serra Francesco 99/100 (CAT. A), Borzillo Luigi 100/100 (CAT. B), CentoFanti Fabio 97/100 (CAT. C), Rossetti Tiziano 97/100 (CAT. D), Barletta Angelo 95/100 (CAT. E), Merola Mario 94/100 (CAT. F).

Le altre categorie, senza alcun primo premio assoluto assegnato, hanno visto la partecipazione di circa 100 concorrenti provenienti da tutta Italia. Tanti premi, anche se non assoluti, nelle categorie di musica da camera (quattro e sei mani). Il monte premi di 2.000 euro messo a disposizione dall’Associazione “Luigi Paduano” di Cercola (NA) ha attirato studenti ed allievi che si sono esibiti su un pianoforte “Yamaha” della collezione Santarpino di Scafati (SA) presso l’Auditorium del bellissimo Hotel Leonessa di Volla (NA).

Notevole gioia e soddisfazione da parte del Direttore Artistico, il M° Gabriele Ottaiano, docente di pianoforte presso il Conservatorio “S. Pietro a Majella” di Napoli: “Ci tenevo a non saltare l’edizione e a mantenere stabile questo concorso, perché dopo tanti anni di sacrifici ed impegno era un peccato abbandonarlo per la mancanza di risorse economiche. L’unica mano di aiuto ci è stata data da “Allianz Assicurazioni” che potrebbe nei prossimi anni continuare a sostenerci. Quello che abbiamo a disposizione sono certamente le risorse umane e soprattutto la larghissima partecipazione dei ragazzi che hanno voglia di suonare ed esibirsi. Sono contento che il nostro concorso abbia avuto un così alto numero di partecipanti e voglio ringraziare tutti i componenti della commissione che hanno garantito uno svolgimento tranquillo della competizione”.