Archiviosonoro: nuovo spazio online per le culture espressive popolari

2

Carnevale storicoNasce da una convergenza di diversi soggetti il progetto Archiviosonoro.org, uno spazio in cui sono organizzati, catalogati e gestiti secondo nuove prospettive i patrimoni sonori del nostro paese. La piattaforma online è già attiva e offre la possibilità di consultare, per il momento, materiali sonori della Puglia e della Basilicata, mentre sono in preparazione quelli della Campania e dell’Abruzzo. L’idea è lineare, semplice quanto efficace: raccogliere e organizzare i documenti sonori per poi inserirli in un progetto di valorizzazione che, insieme alla catalogazione finalizzata alla salvaguardia e allo studio, permette ai canti orali di vivere innumerevoli nuove vite.

Il portale contiene documenti sonori, filmici e fotografie, oltre a diverse notizie sui contesti di registrazione e sugli autori delle registrazioni. Per dare l’idea dell’entità dei materiali, possiamo descrivere brevemente l’archivio sonoro della Puglia. È composto da diciassette fondi, tra i quali quelli del documentarista Di Gianni, di Luigi Chiriatti, Roberto Leydi e dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. I materiali non sono catalogati per temi, essendo divisi e organizzati all’interno dei singoli fondi. Di questi ultimi si riportano informazioni che contestualizzano i documenti che raccolgono, integrate da approfondimenti sulle singole ricerche attraverso le quali sono stati documentati i repertori musicali della regione e sui cosiddetti informatori, ai quali è meritoriamente dedicata la sezione “I protagonisti”. I documenti non sono soltanto catalogati, ma si possono ascoltare e vedere. Per questo l’archivio può considerarsi un buon esempio non solo di organizzazione dei materiali, ma soprattutto di diffusione di questi e di valorizzazione del patrimonio musicale di tradizione orale.

Maggiori informazioni possono reperirsi qui.