Altri orizzonti
qr_code

Aspettando la Musikmesse: l’importanza del manifatturiero made in Italy

Scritto da
/ / Scrivi un commento
Italia fuori dalla crisi: “basta con i campanilismi” Export e fiere le chiavi del successo
Il punto al FIMI – Forum Internazionale Made in Italy organizzato da Messe Frankfurt, la Fiera di Francoforte

È l’export Italiano che può trainare l’Italia fuori dalle secche della crisi. E tra i settori, quello ad avere le maggiori probabilità di successo è il manifatturiero. Inizia con questa certezza il FIMI – Forum Internazionale Made in Italy che Messe Frankfurt, la Fiera di Francoforte, ha organizzato in collaborazione con Il Sole 24 Ore e che si è svolto ieri a Milano. Tema dell’incontro è la conquista dei mercati internazionali da parte delle nostre eccellenze produttive. In quale modo? I relatori sono d’accordo nel sostenere che le fiere possono essere la chiave del successo. Proprio dalle fiere, infatti, passa il 20% dell’export italiano ma tanto ancora si deve fare avendo ben presente che non si può più avere una visione limitata della propria attività. “Il proprio orticello non basta più. Ma non basta più nemmeno guardare solo all’Italia, o alla Germania o alla Francia. La visione dalla quale non si può prescindere oggi è l’Europa”. A dirlo è Aldo Bonomi, Fondatore e Direttore dell’Istituto di ricerca Aaster. E lo dice dopo che Detlef Braun, membro del direttivo di Messe Frankfurt, ha svelato il significato della parola “coopetizione”, concetto che fa da cappello a tutte le strategie del più grande ente fieristico tedesco. “La cooperazione con i nostri concorrenti ci permette di creare una situazione win-win in cui tutti vincono. In tempi come questi il segreto del successo è puntare sulle piattaforme vincenti. Questo – aggiunge Braun – significa forse che i più piccoli e isolati scompariranno ma significa anche che a rimanere saranno solo i migliori, quelli che dalla collaborazione con l’altro, anche se l’altro è un concorrente, sono capaci di trarre insegnamenti e spunti per la crescita”. Questa filosofia di ”coopetizione” in Italia è messa in pratica dal team di Messe Frankfurt che proprio a Milano ha la sua sede. “Quello che cerchiamo di fare ogni giorno – spiega Donald Wich, AD Messe Frankfurt Italia – è trasferire in Italia il modello tedesco che ha portato al miracolo dell’export in Germania, frutto di una partnership tra le imprese manifatturiere, le associazioni e gli enti fieristici”. Tra il capitalismo tedesco e quello italiano però ci sono delle differenze come spiega bene Aldo Bonomi. “Quello che abbiamo noi è un capitalismo manifatturiero molto legato al territorio. La domanda che dobbiamo farci è: alla fine di questa crisi, questo tipo di capitalismo permetterà al nostro settore manifatturiero di essere ancora al 2° posto in Europa?”. Il capitalismo italiano è nato con la Fiat e l’Olivetti. Poi sono arrivati i distretti produttivi ma questi stanno subendo una grande metamorfosi tant’è vero che “oggi – secondo Bonomi – il nostro capitalismo di territorio è riassumibile in 19 piattaforme territoriali tra cui la Via Emilia, l’arco alpino, le due pedemontane che vanno da Torino a Trieste, le città adriatiche, l’asse tosco-umbromarchigiano e l’asse pugliese”. Per la loro sopravvivenza l’export diventa fondamentale così come fondamentale diventa la scelta della piattaforma fieristica che garantisce la maggiore visibilità internazionale. Messe Frankfurt esiste da 800 anni, nel 2012 supererà i 500mln di fatturato ed è tra gli hub fieristici più presenti in tutto il mondo.

Alice Neotti

 

Informazioni essenziali su Messe Frankfurt
Con un fatturato di 467,5 milioni di euro e un organico di oltre 1.725 collaboratori attivi al mondo, Messe Frankfurt è il più grande ente fieristico tedesco. Il Gruppo Messe Frankfurt vanta una rete mondiale composta da 28 società affiliate e circa 50 sales partner internazionali. Grazie a questa rete Messe Frankfurt è presente in oltre 150 Paesi. In più di 30 poli fieristici del mondo si svolgono manifestazioni ”made by Messe Frankfurt”. Nel 2011 Messe Frankfurt ha organizzato un totale di 100 fiere, di cui oltre la metà all’estero. I 578.000 metri quadrati di superficie di cui dispone Messe Frankfurt sono attualmente occupati da dieci padiglioni e un centro congressi ad essi annesso. La società fieristica è in mano pubblica: la Città di Francoforte detiene il 60% e il Land Assia il 40%. Ulteriori informazioni sono disponibili al sito: www.messefrankfurt.com

 

Autore: Gianluca Bibiani

Gianluca Bibiani ha scritto 1102 articoli.



Gli appuntamenti

  • 24 settembre 201871° Coupe Mondiale (CIA)
  • 21 novembre 2018Strumenti&Musica Festival
AEC v1.0.4

News


In evidenza

Giosi Cincotti: passione e curiosità al centro di tutto

Giosi Cincotti: passione e curiosità al centro di tutto

Musicista morbosamente curioso, dalle mente elastica, sempre orientato verso nuovi territori sonori [...]

Videoclip n. 9 sulla tecnica della Fisarmonica Diatonica

Videoclip n. 9 sulla tecnica della Fisarmonica Diatonica

Questo videoclip sulla fisarmonica diatonica è dedicato ad una esercitazione sugli accordi per la ma[...]

Le recensioni di S&M: LA VITA SEMPLICE – Marco Tuma

Le recensioni di S&M: LA VITA SEMPLICE – Marco Tuma

Raffinate melodie che rimangono impresse nella mente di primo acchito e placidità comunicativa rappr[...]


Concorsi/Festival

Il Santa Cecilia è la sede del Premio delle Arti sottosezione Fisarmonica

Il Santa Cecilia è la sede del Premio delle Arti sottosezione Fisarmonica

Il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca direzione Generale per lo studente, lo[...]

Al

Al "Santa Cecilia" la 5° edizione del Festival Contemporaneamente Fisarmonica

Il Conservatorio di Musica "Santa Cecilia" presenta la 5° edizione del Festival della Fisarmonica Co[...]

Bianco e Sponta i

Bianco e Sponta i "portabandiera" dell'Italia alla Coupe Mondiale 2018

Chiuso il sipario sulla brillante edizione della 70°Coupe Mondiale CIA, la città di Osimo ha ospitat[...]

CHIUDI
CLOSE