A Forlì seminari sulla voce a cura del quartetto vocale Faraualla

1

Fatoumata DiawaraIl quartetto vocale femminile Faraualla – nato in Puglia nel 1995 e dedito alla ricerca sull’uso della voce come strumento e alla pratica della polifonia – organizza una serie di seminari sull’uso della voce. Si tratta di laboratori “tematici”, attraverso i quali si affrontano tecnicamente, e attraverso una contestualizzazione dei repertori, molti aspetti legati alla vocalità popolare. “Di canto in canto” è uno di questi ed è rivolto a sole donne. Ha come scopo principale il recupero della tradizione musicale delle comunità locali. Come ci dicono loro stesse nel sito, il lavoro tende a coinvolgere attivamente le partecipanti, le quali, in quest’ottica, non saranno “considerate solo come fonti, ma anche” come “protagoniste attive della ricerca e del recupero, ai fini di una presa di coscienza sull’importanza che riveste la conoscenza e la sopravvivenza delle proprie tradizioni”. Il seminario è organizzato in tre fasi. La prima è dedicata al recupero dei canti legati alle tradizioni locali, che coinciderà con lo studio e l’analisi dei repertori. Nella seconda fase saranno proposti alle partecipanti alcuni brani polifonici tradizionali, attraverso i quali si vuole dare alle partecipanti la possibilità di andare oltre il recupero, confrontandosi con alcuni elementi meno diffusi dei repertori locali. La terza fase consiste in un’esibizione delle partecipanti. Anche “voce in gioco” è un seminario legato alla voce. Ha una connotazione meno “locale” e ruota intorno alle categorie di “incontro”, “apprendimento” e “interpretazione”. In questo quadro si analizzeranno alcuni canti tradizionali di diverse provenienze, illustrandone le tecniche esecutive e lo sviluppo. Il seminario prevede anche dei momenti dedicati all’improvvisazione. In questo quadro “ciascuno è invitato ad esprimersi attraverso linee melodiche, frasi ritmiche, sillabe o semplici suoni ripetuti, interagendo con gli altri e creando una sorta di stimolante confronto, da cui la creazione in tempo reale di melodie, armonie e incroci ritmici, l’individuazione di precisi gruppi improvvisativi, il loro sviluppo, l’arrangiamento”. Quest’ultimo seminario sarà proposto a Forlì, al centro culturale Khatawat, sabato 31 gennaio e domenica 1 febbraio. Sarà condotto da Gabriella Schiavone e Teresa Vallarella e tutte le informazioni possono reperirsi qui.