Notizie
qr_code

“Colori e suoni. L’Incanto di un incontro”. Riflessioni su Mantegna

Scritto da
/ / Scrivi un commento

Tondo CorsiniSegnaliamo un’interessante iniziativa che non interessa direttamente le musiche popolari ma riconduce ugualmente all’idea di musica come comportamento culturale. E soprattutto di musica come simbolo e strumento di espressione. Si tratta di “Colori e suoni. L’Incanto di un incontro: Andrea Mantegna, dalla Camera picta di Mantova a Il Parnaso per lo studiolo di Isabella D’Este”, l’iniziativa a cura della Fondazione Ranieri di Sorbello, che si svolgerà presso la sede della Fondazione in Piazza Piccinino a Perugia. L’evento è a ingresso libero e si svolgerà in due appuntamenti. Il primo è previsto venerdì 6 marzo e verterà sul tema “Passione per l’antico. Andrea Mantegna, dalla Camera picta di Mantova a Il Parnaso per lo studiolo di Isabella D’Este”. Il secondo si svolgerà venerdì 27 marzo sul tema “Inquietudine e bizzaria. Il Tondo Corsini La Madonna col Bambino, San Giovanni Battista e angeli di Filippino Lippi”. Entrambi gli appuntamenti saranno coordinati da Stefano ragni (Conservatorio e Università per Stranieri di Perugia e Membro del Consiglio della Fondazione Ranieri di Sorbello) e presenziati da Emidio De Albertis (Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia) e Stefano A. Graziano (musicologo). Come si può leggere nelle note informative, l’opera di Andrea Mantegna (1461-1506) è famosa per la sua capacità di “studiare e di riprodurre l’Antichità classica in modo evocativamente fedele e per la sua pittura in cui trionfa un illusionismo architettonico-spaziale teso alla dilatazione del reale mediante arditi scorci prospettici”. In particolare, Il Parnaso “è un perfetto esempio di evocazione del mito classico (Apollo e le Muse, anche se a lungo si pensò, per Apollo, a Orfeo, testimoni dell’amore proibito, ma benevolmente accettato, di Venere e Marte: un amore gradito al concilio degli dei tranne che a Vulcano, legittimo consorte di Venere)” e, in generale, “l’iconografia complessa e la squisita fattura dell’opera costituiscono di per sé un viatico per l’idea stessa connessa all’armonia (anche musicale) del Rinascimento”.

Autore: Daniele Cestellini

Daniele Cestellini ha scritto 752 articoli.

Questo post è disponibile anche in: Inglese



Gli appuntamenti

  • Nessun evento imminente
AEC v1.0.4

News


In evidenza

Le recensioni di S&M: MELODIES – Casati/Cerruti/Cervetto

Le recensioni di S&M: MELODIES – Casati/Cerruti/Cervetto

Un inno alla tradizione afroamericana, in cui un gioioso e sopraffino swing regna sovrano. Melodies [...]

Master in Interpretazione della Musica Contemporanea al Santa Cecilia

Master in Interpretazione della Musica Contemporanea al Santa Cecilia

Sono aperte le iscrizioni ai corsi di MASTER II Livello in Interpretazione della Musica Contemporane[...]

Aperte le iscrizioni al corso di Organetto presso il Conservatorio de L'Aquila

Aperte le iscrizioni al corso di Organetto presso il Conservatorio de L'Aquila

Sono aperte le iscrizioni al corso libero di Organetto Diatonico presso il Conservatorio A. Casella [...]


Concorsi/Festival

Alberto Nardelli vince la XIV edizione del Premio Nazionale delle Arti 2018-2019

Alberto Nardelli vince la XIV edizione del Premio Nazionale delle Arti 2018-2019

Alberto Nardelli si aggiudica la XIV edizione del Premio Nazionale delle Arti 2018-2019 (sezione int[...]

"Spoleto Jazz Season" dal 4 ottobre al 15 novembre 2019

Una rassegna di musica jazz che in tre appuntamenti presenterà al pubblico grandi artisti che hanno [...]

Andrea Tarantino si aggiudica il Concorso di Composizione Città di Spoleto

Andrea Tarantino si aggiudica il Concorso di Composizione Città di Spoleto

Andrea Tarantino, con il brano “NOTTURNI CELESTI" per pianoforte e fisarmonica si aggiudica la 3° ed[...]

CHIUDI
CLOSE