Fisarmonica
qr_code

Intervista di Romano Viazzani a Milos Milivojevic (seconda parte)

Scritto da
/ / Scrivi un commento

Milivojevic bottonAnche in questo caso vi occupate degli arrangiamenti?

A volte. Gli arrangiamenti di Piazzolla sono idonei a quella combinazione. Sono abbastanza buoni in termini di equilibrio e di tutto il resto, e veramente compatibili con il gruppo, nel quale ogni musicista può ricoprire il ruolo di solista. Il London Tango Quintet (violino, fisarmonica, chitarra, pianoforte e contrabbasso) è un’ensemble formata da cinque musicisti tra i più importanti del Regno Unito che hanno iniziato a collaborare nel 2007. Il famoso violinista David Juritz, il virtuoso della chitarra e nominato ai Grammy Craig Ogden, Tim Carey, pianista straordinario, Richard Pryce al basso e io alla fisarmonica. Abbiamo tenuto concerti nei maggiori festival del Regno Unito. Con il quintetto e il progetto Piazzolla cerchiamo di includere composizioni classiche con violino, assoli di pianoforte, assoli di fisarmonica, assoli di chitarra, assoli di contrabbasso e, a volte, varie combinazioni di tutti questi.

Eseguite anche opere di compositori che hanno connessioni con Piazzolla, come, ad esempio, Ginastera o qualche altro musicista del sud America?

A volte. Potremmo fare un Concerto per chitarra, perché quando si hanno cinque musicisti, con Pianoforte e Fisarmonica, tutto è possibile. Forse un Concerto per violino, o forse anche un Concerto di fisarmonica! Così come Piazzolla, ci piace restituire al pubblico la sensazione che ogni singolo strumento può suscitare. Come ho detto in precedenza, attraverso il tango ho scoperto che abbiamo molto in comune con i suonatori di strumenti a corda. La nostra musicalità si può esplorare in innumerevoli combinzioni, nella musica da camera, in un quintetto, con altri musicisti e non solo con Piazzolla, ma anche proponendo altri arrangiamenti. Poi c’è il progetto Paprika, un’ensemble formato da sei elementi, tre dei quali provengono dalla Serbia, uno dalla Romania e due dal Regno Unito. E siamo tutti amplificati! Il gruppo è composto, oltre a me, da Bogdan Vacarescu (violino), Zivorad Nikolic (fisarmonica), Vladimir Strkalj (chitarra), James Opstad (basso), Simon Roth (percussioni). Con questo progetto ci stiamo dedicando principalmente alla musica dell’Europea orientale, dei Balcani, degli zingari e alla musica classica. Facciamo tournée in tutta Europa, Australia, Nuova Zelanda e Giappone e abbiamo partecipato al festival WOMAD in Gran Bretagna, Spagna, Isole Canarie e Abu Dhabi. Nel Regno Unito abbiamo tenuto concerti presso la Purcell Room (Southbank Centre), la Royal Albert Hall, Sydney Opera House, Festival di Glastonbury, al Fringe di Edimburgo e al festival EXIT. Facciamo il possibile per riportare in vita la musica balcanica tradizionale più rara e meno eseguita. Nel 2012 la band è apparsa su BBC World e Radio 5 Live. Tra le iniziative più importanti del 2013 vi sono esibizioni al Kings Place di Londra, al Bradford Festival nonché al Cheltenham Music Festival. Poi ci siamo io e Zika [Zivorad Nikolic] che, con un altro progetto, suoniamo in duo da un paio d’anni… beh in realtà abbiamo suonato insieme per 20 anni, cioè da quando ci conosciamo. Ci concentriamo su opere originali, arrangiamenti magistrali per fisarmonica classica, così come sulla musica dell’Europa orientale e il Tango Argentino. Durante gli studi presso la Royal Academy of Music abbiamo eseguito concerti nel Regno Unito e in numerosi festival tra cui il Norfolk e Norwich Festival e il Festival Devizes e Deal. Nel 2009 siamo stati selezionati per esibirsi all’evento di beneficenza “Live Music Now!” di Yehudi Menuhin, che sostiene i giovani musicisti sin dagli inizi delle loro carriere professionali.

Come si chiama questo duo?

Accord Duo. Con Zika siamo cresciuti insieme, siamo molto amici e per molti anni abbiamo suonato principalmente musica popolare, sempre per gioco, poi abbiamo ovviamente studiato la musica classica. Zika è andato in Francia, io sono venuto qui, ci siamo tenuti in contatto, poi lui è venuto a Londra e siamo insieme praticamente tutto il tempo, ogni giorno, e grazie a Dio, facendo lo stesso lavoro, possiamo frequentarci molto spesso, altrimenti sarebbe molto difficile perché siamo entrambi molto impegnati. E anche con Accord Duo facciamo musica classica, tango e musica dell’Europa orientale. In questo modo, nello stesso concerto ce n’è per tutti i gusti, dal folk alla musica contemporanea. Non è possibile ottenere una gamma più grande all’interno di uno stesso concerto. Circa sei anni fa, mentre ero alla Royal Academy, mi è stato proposto di unirmi al gruppo Paprika che allora era composto da violino, chitarra e basso. Ero già impegnato all’Accademia e non sapevo se era il momento giusto, ma quando ho sentito il CD ho pensato “aspetta un minuto”, prima di tutto suonavano davvero bene come trio e avevano eseguito benissimo alcuni brani che conoscevo. Ne ho parlato a Zika, anche lui al tempo molto impegnato con un progetto chiamato “Fugata” e altri progetti, il quale aveva avuto le mie stesse impressioni. Anche all’Accademia avevamo suonato queste musiche, ma soprattutto per divertirci, senza cioè essere orientati da un progetto preciso o dall’idea di suonarle in modo professionale. Soprattutto perché essere un musicista folk in Serbia ed esserlo qui è totalmente diverso. Lì si suona dalle tre del pomeriggio alle una di notte e devi conoscere ogni singola cosa e se qualcuno richiede una canzone devi essere pronto. Hai bisogno di una particolare abilità e quello stile di vita non è nelle nostre corde. Poi abbiamo sentito Paprika ed entrambi siamo rimasti molto colpiti. Nonostante loro volessero inizialmente solo un fisarmonicista, io sono riuscito a convincerli sul fatto che due fisarmoniche avrebbero suonato molto meglio e sono felice di aver avuto ragione. Anche loro si sono rapidamente resi conto che due erano molto meglio e che era una combinazione molto insolita, originale. Con Paprika abbiamo fatto molti Word Festival nel Regno Unito, soprattutto nelle fasi iniziali. È stata veramente una grande esperienza, perché quella musica, ancora una volta direi, è musica per tutti. La musica classica è per tutti, ma la musica contemporanea non lo è davvero, è per gli specialisti. È come la musica folk di qualsiasi altra parte del mondo, per tutti. Abbiamo fatto questi festival nel Regno Unito, compreso il WOMAD.

Ah, sì, ho suonato in uno di quelli con Gilad Atzmon. No in realtà era Womax a Siviglia non WOMAD.

Sì, c’è anche il Womax. WOMAD è una grande festa che abbiamo fatto qui e abbiamo fatto anche EXIT, un festival di World Music in Serbia. La musica e gli arrangiamenti sono diventati molto popolari, allora abbiamo aggiunto le percussioni, ingaggiando due ragazzi inglesi che in realtà suonano come se fossero dei Balcani! Ora facciamo anche molti festival di musica classica. Ho scoperto che i festival di musica classica erano reticenti, fino a qualche anno fa, a inserire nei programmi musica popolare, ma ora hanno musica classica, jazz e world music, che comprende anche il folk. Siamo musicisti di formazione classica, quindi a volte potremmo suonare un paio di pezzi classici, ma normalmente eseguiamo musica dalla Serbia, Bulgaria, Macedonia, Romania, Ungheria, Grecia e anche in questi casi inseriamo i nostri arrangiamenti. Si tratta davvero di una buona combinazione: due fisarmoniche, violino, basso, chitarra e batteria. Quello che possiamo fare non ha limiti.

Quindi quanti concerti stai facendo all’anno con le quattro formazioni e come solista?

È difficile da dire. Ciò che posso dire è che la vita non è mai noiosa. Da una settimana all’altra si salta da uno stile all’altro. Devi essere molto veloce.

In passato, ho trovato a volte molto difficile gestire situazioni del genere. Ricordo una volta in cui ho avuto molti concerti come solista, suonavo con una band di jazz contemporaneo, Gilad Atzmon e la Orient House Ensemble, e mi occupavo delle presentazioni della V-Accordion della Roland. Poi si arriva a un concerto da solista dove devi essere veramente in grado di eseguire al top i tuoi pezzi e la responsabilità per l’interpretazione è tutta tua. È dura!

Non è facile perché c’è veramente un grande spettro, un ampio repertorio da coprire. La maggior parte delle persone con cui lavoro sono musicisti free-lance e lavoriamo tutti in modo simile, tutti noi abbiamo diversi progetti in esecuzione allo stesso tempo e ci sono probabilmente in un anno tra gli 80 e i 100 concerti. Inoltre, queste rientrano nelle formazioni standard, poi ci sono diverse formazioni che sono “on e off”, come sai, con cui si lavora regolarmente, ma una o due volte l’anno.

Sì, ti chiamano quando hanno bisogno di te.

Potrebbe trattarsi di un progetto di Opera, un workshop, l’anno prossimo potrebbero esserci nuovi pezzi per una formazione davvero interessante che richiede la fisarmonica, poi sessioni di registrazione per cose diverse. Non è facile, ma è per questo che sto suonando e la pratica deve essere costante, non c’è altro modo. Devi sempre lavorare in anticipo. Per avere le cose già nella testa prima di arrivare e poterla effettivamente suonare. Suonare è un piacere, con tutte le persone con cui lavoro. Viaggiare è difficile ed è lì che l’energia sta andando, ma trovo che coprire una vasta gamma di repertori renda più forti e felici, perché si è in grado di esplorare. Ho un altro progetto in cantiere con Julian Bliss, il clarinettista, ed è qualcosa che sarà di nuovo completamente diverso. Voglio dire, faremo ancora un po’ di classica, tango e musica popolare, ma attraverso la combinazione con uno strumento che mi piace molto. È un mondo sonoro piacevole.

È la scissione tra lavoro solista e il lavoro corale?

Il lavoro solista richiede sempre più tempo. Io cerco di esplorarlo ogni giorno e pianificare in anticipo quello che farò. Penso che con tutti i diversi gruppi, la scissione tra loro è approssimativamente uguale.

Ci sono dei concerti particolarmente memorabili che ti sono rimasti impressi?

È davvero difficile scegliere. Ci sono concerti particolarmente emotivi perché ci sono gli amici, la famiglia e magari si sono svolti in un momento significativo della tua vita. Uno di questi l’ho tenuto in Serbia poco prima di venire a Londra. Vi hanno assistito tutti gli amici e la famiglia, gli insegnanti ed è stato l’ultimo concerto in cui mi sono esibito prima di partire. Poi la stessa cosa è successa di nuovo nello stesso posto un paio di anni dopo, dove mi sono esibito con un repertorio contemporaneo totalmente diverso da quello che avevo suonato un paio di anni prima e tutti sono venuti di nuovo ad ascoltare, però, qualcosa di diverso. Così è stato piacevole essere ancora lì e suonare per loro, ma allo stesso tempo c’era la pressione di proporre qualcosa di nuovo che avevo imparato da qualche altra parte. Poi, a Londra ce ne sono stati moltissimi. Enorme sostegno da Owen [Murray] in tutti i concerti, ma soprattutto nei primi giorni del 2004 nei concerti con il GruppoPark Lane.

Era il 2004?

Sì. Molto tempo fa! È bello suonare in grandi teatri e sale da concerto, ma in realtà Zika e io, e anche Kosmos, siamo stati parte del Live Music Now, il progetto in seno con il quale abbiamo eseguito concerti in case di riposo, negli ospedali per i bambini con problemi particolari. È qualcosa che non avremmo mai fatto in Serbia e che invece si deve imparare a fare. Il minuto in cui ti siedi devi concentrarti sul suonare e non sul parlare. Non siamo attori o oratori, ma è una cosa piuttosto interessante da fare, perché ovviamente quando si suona per musicisti, questi sono pronti, sono preparati, possono conoscere che cosa sta arrivando, ma quando si suona per persone che non hanno mai sentito suonare lo strumento o il repertorio è importante e fa una differenza enorme. Abbiamo fatto molti concerti per i bambini e sono rimasti memorabili per me. Ognuno vorrebbe suonare alla Wigmore Hall e al Royal Festival Halle, ma quando si esegue un concerto per i bambini e riesci a vedere che gli hai dato qualcosa e li hai resi felici… ovviamente si fa lo stesso con qualsiasi tipo di pubblico, ma gli altri vengono ai tuoi concerti regolarmente, mentre questi ragazzi non lo fanno. Ne hanno forse la possibilità una volta in un anno e questa è una sensazione molto speciale. Zika e io abbiamo tenuto un paio di concerti insieme nei quali abbiamo entrambi sentito che quello che stavamo facendo era fantastico e questo ti fa sentire speciale.

So che di recente c’è stato qualcos’altro che ti farà sentire speciale. Un premio della Royal Academy of Music!

Sì, quest’anno sono stato eletto associato della Royal Academy of Music (ARAM). Questo premio viene assegnato agli ex studenti dell’Accademia che hanno dato un contributo significativo alla professione musicale.

E lo hai meritato! Hai parlato prima di suonare in festival di musica classica e hai appena citato il Park lane Group. Le precedenti generazioni di fisarmonicisti hanno cercato di aprire la strada a questo e ora, la vostra generazione, ha veramente abbattuto le barriere e si è dimostrato all’establishment della musica classica che la fisarmonica è uno strumento da prendere sul serio. Hai anche fatto la tua parte di concorsi e hai avuto importanti successi anche lì. Mi ricordo quando Borut [Zagoranski] ha suonato alla Park Lane Group Competition alla Wigmore Hall e hanno annunciato alla fine che se avessero potuto dare il premio a due candidati lo avrebbero assegnato al pianista e al fisarmonicista, ma poi è andato al pianista. Nessuna motivazione è stata data pubblicamente, ma dopo alcune pressioni è stato risposto che, secondo loro, la fisarmonica non aveva un repertorio sufficiente a sostenere un concerto completo. Si trattava, ovviamente, di ignoranza da parte della giuria. Da quel momento penso che le cose siano cambiate, perché il concorso è stato poi vinto da fisarmonicisti. Con questo voglio dire che le competizioni in cui i fisarmonicisti si confrontano con altri strumentisti, danno la possibilità di comprendere quanto grande sia questo strumento, persone come Owen Murray hanno posto le basi…

Mi ricordo quando Owen mi ha introdotto al GruppoPark Lane, stava guardando vecchi documenti e programmi nel suo ufficio e mi ha mostrato il volantino degli anni ’80, dove un fisarmonicista dalla Academy, Neil Varley, aveva gareggiato e mi ricordo di aver pensato “wow”! Poi abbiamo avuto Rafal [Luc], Borut [Zagoransky], Ksenija [Sidorova], Martynas [Levickis], praticamente ogni anno, e ciò che era grande era che i critici musicali erano consapevoli che ogni anno ne avrebbero visto uno.

Sì, non pensavano che fosse solo una tantum. Mi ricordo quando andai e tanti critici erano lì (forse 6 o 7) solo per un concerto e hanno detto che questa fisarmonica è la Rolls-Royce delle fisarmoniche. Più tardi hanno cominciato a trattare la fisarmonica come qualcosa di conosciuto e a trattare i fisarmonicisti come musicisti. Io lo faccio tutto il tempo e sono sicuro che anche tu lo fai, cioè parlare dello strumento, ma deve venire un momento in cui sarà sufficiente salire sul palco e suonare…

…Perché allora tutti conosceranno la fisarmonica. Ovviamente questo è un lavoro che deve essere fatto prima, ma nel momento in cui ci sediamo e suoniamo dobbiamo fare in modo che il pubblico possa capire ciò che sta succedendo e che cosa può fare questo strumento, in sé così versatile. Sai, c’è solo un pianoforte e tutti o conoscono, ma ci sono molti tipi di fisarmoniche e questo, probabilmente, affascina le persone. Abbiamo parlato dell’associazione [UKAAT – United Kingdom Association of Accordion teachers], che è anche un modo per mettere la fisarmonica sotto i riflettori. Penso che quello che è interessante in Serbia è che ci sono molti musicisti “popolari” e altrettanti “classici”. Non credo che solo quelli migliori siano… si potrebbe chiamarli “responsabili”… ci sono, per esempio, tanti tipi di pianisti, professionisti, dilettanti, suonatori di ogni livello. E ancora, dopo tanti secoli, fanno ancora conferenze, discutono di come stanno andando le cose, di come promuovere lo strumento nel modo giusto, per arrivare ai giovani, agli adulti e agli anziani. È essenziale essere presenti a tutti i livelli, non solo al livello più alto.

Nei talent show degli anni ’70, come Opportunity Knocks, si potevano vedere spesso in televisione dei musicisti. Spesso non si trattava di musica di alto valore culturale, ma solo di un buon strumentista che suonava un classico popolare. Oggi gli equivalenti moderni come X – Factor sono in realtà solo per cantanti. In generale, la musica strumentale ha sofferto nel corso degli anni. Ora, attraverso canali come The Classical Brit Awards o Classic Radio FM, che non sempre dispongono di musica prettamente classica e promuovono l’incrocio musicale, e come dici tu questi festival di musica classica che si aprono anche al Jazz e al Folk, sono davvero delle eccezioni. Tutti i musicisti trovano difficile promuovere il loro strumento.

Penso che ci sarà sempre lavoro per i musicisti che vogliono lavorare, ma è molto importante al giorno d’oggi essere versatile… Questo è qualcosa che, stando a Londra, devi essere in grado di fare. Molti anni fa si poteva solo specializzarsi. Forse qualcuno era principalmente un fisarmonicista jazz, o un fisarmonicista folk, o suonava musette. Ora si potrebbe suonare in un’orchestra, un giorno, nel cabaret il prossimo e in un’ensemble jazz un altro giorno, o in un teatro un altro ancora. Questo è ciò a cui aspira UKAAT. Prendi il free-bass per esempio. La maggior parte degli arrangiatori, dei direttori musicali, dei direttori d’orchestra si aspetta che si riesca a suonare ciò che ti viene messo di fronte e non ci possono essere scuse che il tuo strumento non riesca a farlo. È ciò che si aspettano. Ecco perché dobbiamo insegnarlo il più presto possibile ai nostri studenti. Sì. Nella musica popolare di solito non la usiamo, ma potremmo farlo. Ciò che Zika e io possiamo fare con la mano sinistra nel progetto Paprika, si dovrebbe riprodurre con un basso e una chitarra. Per la musica da accompagnamento è una cosa meravigliosa.

Sono d’accordo, è un’invenzione straordinaria.

Tu lo amplifichi e ottieni un suono pieno. Ma i compositori frequentano particolarmente i festival di musica contemporanea. Le loro opere sono eseguite lì. Alcune opere comprendono la fisarmonica e alcune no. Sono in grado di ascoltare ciò che lo strumento può fare. Allora ti viene chiesto di fare un opera o un balletto e lo si accetta e si pensa che andrà bene e poi quando si ha la musica si pensa: “Mio Dio! Avevo pensato che sarebbe stato facile o o che avrebbe funzionato”, ma invece non è così. Loro spesso conoscono qualcuno che suona o lo ascoltano su Youtube e sanno ciò che è possibile e ciò che non lo è. Negli ultimi anni ho lavorato su tante colonne sonore che non richiedevano alcuna modifica, tutto quello che dovevo fare era sedermi, imparare i pezzi poi andare a farli. All’Accademia c’erano così tanti compositori che conoscevano la fisarmonica. Ci abbiamo fatto i City University workshop per anni. Centinaia di compositori sono stati lì durante i sette anni in cui ci sono stato io e per molti anni prima di me. È una buona cosa.

Si può usare in qualsiasi tipo di musica, non solo classica e contemporanea. Io la uso in cabaret, l’ho usata molto con Gilad nella musica Jazz, spesso all’unisono con la mano destra o portando un’altra linea melodica. Allo stesso modo le possibilità della bassi standard hanno bisogno di essere esplorate e insegnate pienamente. Ci sono alcuni paesi al mondo in cui i suonatori che sono spesso considerati come i migliori sono davvero unici con la destra perché suonano con una band o un ensemble. Il loro suono a sinistra al basso standard è di solito scarso. Dovrebbe essere pienamente esplorata e ben suonata.

Dovrebbe essere ben suonata, sono d’accordo. Nella musica folk c’è spesso un accompagnamento, che accompagna una melodia quando si tratta di una fisarmonica, e poi archi e fiati. In Serbia, Bulgaria e Romania, suonare questo strumento è un lavoro molto fisico, lo è anche per noi, ma suonare lì richiede di stare in piedi per 10 ore. A volte tirano fuori il meccanismo di sinistra per rendere la sinistra più leggero e poterla usare per l’aria. E sono d’accordo che la loro destra è brillante, ma la musica classica è difficile da confrontare, perché ci sono così tante cose di cui essere consapevoli, tanti piccoli dettagli a cui pensare e di cui prendersi cura. Alcune musiche popolari possono essere molto difficili per i suonatori classici, sono stili che hanno bisogno di essere studiati… voglio dire non c’è accademia, dovete farlo da soli, ma sono d’accordo, con la mano sinistra, nel mondo classico, sia in trascrizioni che in opere originali, diventa qualcos’altro. Le mani sono uguali. Nel folk, la destra è molto dominante. Ci sono fisarmonicisti che usano la mano sinistra e altri che usano il soffietto in maniera più sensibile… Sono mondi molto lontani gli uni dagli altri.

I lettori di Strumenti&Musica amano sentir parlare degli aspetti tecnici degli strumenti. Si suona C-griff con la destra e C-griff con la mano sinistra, ma so che il tuo amico e collega Zivorad Nikolic usa un sistema leggermente diverso… B-Griff destra e C-griff sinistra! Quale è il sistema più diffuso in Serbia?

Ti racconterò una storia divertente sui sistemi. Non so se lo sai, ma io amo le auto.

Davvero, che tipo di auto?

La maggior parte. Potrei guidare tutto il giorno. Mi piacciono i coupé sportivi, ma più come pezzi di ingegneria. Dico questo perché in Serbia guidiamo sul lato destro della strada e il volante è sulla sinistra, ma qui nel Regno Unito è il contrario, anche se il principio è lo stesso. Con i sistemi non vedo qualcosa di più difficile o di più facile. In Serbia la maggior parte degli insegnanti ha iniziato a suonare la fisarmonica a tastiera, anche quando andavano all’università in Russia, Ucraina e Slovacchia. Ho iniziato a suonarla quando avevo otto o nove anni. Poi, due anni dopo, i miei insegnanti mi hanno raccomandato la fisarmonica a bottoni. Poi, circa un anno dopo mi hanno detto che il mio strumento non era abbastanza buono e avevo bisogno di una fisarmonica professionale. In seguito il prezzo è salito troppo e la situazione nel paese non era certo buona (nel 1991). Poi il prezzo è salito alle stelle e non avevano lo strumento con il sistema B-Griff, che è il sistema più utilizzato in Serbia con sei file di tasti a pulsante. Il sistema B e tastiera è il più comune in Serbia. Poi mi hanno detto che avevano trovato uno strumento che sarebbe stato fantastico per me, molto leggero, anche se era molto pesante, ma era un Sette Zero di cui allora nessuno aveva davvero sentito parlare. Hanno detto che c’era un problema, però, perché il sistema era diverso, ma che forse avrei dovuto provare con quello strumento. Così ho detto “ok”. Siamo andati a Castelfidardo direttamente alla fabbrica e l’ho preso. Totalmente diverso. La prima cosa che ho capito è stato come suonare una delle melodie popolari serbe sul sistema C. Beh, ho pensato che fosse un po’ diverso, ma…

La tua fisarmonica a piano di quei tempi era con bassi sciolti?

No, e nemmeno la mia seconda fisarmonica, a bottoni con sistema B-griff lo era. Quello era il terzo anno della scuola primaria di musica. Poi il quarto anno ho avuto lo strumento ed ho iniziato a studiare il sistema C-griff alla mano destra. In realtà mi ci sono voluti 2 mesi, ma non di più, perché quando uno è giovane e motivato ogni cosa si apprende più velocemente. Era un sistema nuovo anche per gli insegnanti di allora e sono contento di averli provati un po’ tutti perché adesso so cosa sia conveniente e cosa invece non lo è. È un po’ come guidare l’automobile, non importa da quale lato lo si fa, una volta imparato basta conoscere le regole… L’importante è lavorare duro e capire qual è il sistema più congeniale per sé stessi. Ho molti amici in Serbia che sono passati dalla fisarmonica a piano a quella a bottoni, ma molti altri sono rimasti al sistema a piano perché lo ritengono più appropriato alle proprie attitudini, come te del resto… I miei stessi insegnanti suonavano la fisarmonica a piano, ma avrebbero potuto insegnarmi anche quella a bottoni e darmi un’ulteriore possibilità per scoprire un mondo nuovo. Penso che le possibilità di entrambe siano illimitate, non credo che una prevalga sull’altra, ma avendo sperimentato sia i bottoni in entrambi i sistemi sia i tasti, trovo che il sistema C-griff sia più vicino alla posizione che mi piace della mia mano. La mano sinistra è già limitata nei suoi movimenti, per cui la destra deve essere totalmente libera e trovo che che la posizione della mano destra nel sistema C-griff sia più vicino alla posizione della mano nella fisarmonica a piano, piuttosto che nel sistema B. Poi ovviamente va considerata l’estensione della mano e ci sono musicisti che hanno dita che si possono allungare di più o di meno; io posso estendermi per 3 ottave mentre sul sistema a piano posso gestire poco più di un’ottava. Io ho suonato con fisarmonicisti a piano, sono stato con loro sul palco e, come ama dire la gente, essi rubano lo spettacolo e non hanno problemi… intendo dire, se devono scegliere un repertorio possono farlo veramente bene senza grosse difficoltà! Possono esibirsi come i musicisti di fisarmonica a bottoni, possono essere bravi e anche migliori. Nel sistema C-griff ho investito molto tempo perciò non potrei mai cambiare, non potrei mai tornare indietro… O forse solo per divertirmi! (ridacchia)

Lo sto facendo con i miei figli al momento. Sia Valentina che Giacomo fanno lezione con me di tanto in tanto, ma più regolarmente con Owen Murray. Io insegno loro pianoforte, ma stanno anche imparando fisarmonica a bottoni C-Griff. Io so abbastanza per poter partire bene con scale, arpeggi, semplici pezzi ecc., ma è un bene che Owen stia insegnando loro tutto il resto. Ascoltano più lui che me! Io sto facendo quello che i tuoi insegnanti hanno fatto con te. Il resto è suonare la fisarmonica non sui sistemi. Hanno amato ascoltare il CD di Martynas e dopo averlo sentito per tutta l’estate durante i viaggi da qui in Italia ho dovuto arrangiare Nossa Nossa per loro, e inoltre, vogliono suonare Lady Gaga alla fisarmonica. Ma è bello che siano pronti, perché possono imparare qualche tecnica anche da questa musica.

Sì, sì. Si tratta di qualcosa che si spingerà da sola, indipendentemente dagli stimoli di un genitore. Nessuno nella mia famiglia ha mai fatto musica, ma ho avuto molti amici con cui suonare e con cui in realtà ancora adesso suono insieme. Quando si cresce in quell’ambiente è più facile. I miei genitori sono rimasti sorpresi quando ho iniziato a suonare, e non si trattava nemmeno della fisarmonica. Ho avuto una chitarra praticamente senza corde, e mi mettevo davanti a una band che suonava musiche folk. Erano stupiti, ma pensavano che sarebbe stata solo una fase e che l’indomani mi sarebbe piaciuto il calcio o qualcos’altro. Ricordo che parlarono di un insegnante che conoscevano in una scuola di musica, e io non finivo mai di chiedere. Ma se ripenso indietro, ho avuto una fisarmonica giocattolo, un sassofono, una chitarra; e la fisarmonica è stata quella che in qualche modo ho cominciato a studiare. Era magnifica, e la adorai.

L’ultima cosa che vorrei chiederti è cosa c’è nel prossimo futuro per te?

Abbiamo parlato molto di musica da camera. Sono davvero felice che questo ambito è, in un certo senso, già stabilito. Essere a Londra e lavorare con le persone con cui collaboro è davvero un privilegio. Ascoltare pianisti, violinisti, violoncellisti, violisti, clarinettisti e così via, sia nel repertorio contemporaneo che classico, è importante perché mi dà delle idee su cosa posso fare con loro, cosa posso fare per conto mio e in generale su come si può sviluppare il mio lavoro. Sono contento del modo in cui si stanno muovendo le cose. Per quanto riguarda la mia attività da solista, realizzerò un CD per Nimbus. È stato in cantiere per un anno e mezzo e ho avuto il tempo di pianificarlo. Mi piace ascoltare vecchie registrazioni dove pianisti e violinisti suonano dal vivo. Un piccolo errore qua e là non mi distrae e non rovina il quadro generale. Lavorare con tutti i diversi gruppi con cui lavoro mi dà effettivamente la possibilità di sentire la registrazione in uno studio. È un’esperienza importante. Se mi piace questa stanza e mi piace suonare con quell’acustica, voglio che il pubblico senta la stessa cosa quando ascolta il CD. In molti studi non ero in grado di raggiungere questo obiettivo. Con Nimbus faremo la registrazione in una sala da concerto e sarò soddisfatto dell’acustica e della produzione. Non hanno mai pubblicato un CD di fisarmonica e sono stati molto entusiasti della fisarmonica classica. Mi ha fatto piacere scoprire che io sono il primo fisarmonicista a essere prodotto dalla loro etichetta. Sono anche felice di registrare qualsiasi cosa mi piaccia… qualsiasi repertorio. Quindi c’è un repertorio in attesa di essere inciso ed è qualcosa che nel corso degli anni tante persone mi hanno chiesto. Così mi sento e ho bisogno di farlo per il pubblico, anche la registrazione è un riflettore sotto al quale ti trovi in quel momento.

Sono lieto di dire che sei parte dell’associazione UKAAT, sei un bravo insegnante e fai laboratori con i bambini.

Tornando alla Serbia, il motivo per cui la fisarmonica è così popolare è che è ovunque ad ogni livello. Penso che in Gran Bretagna più la fisarmonica si vede e meglio è. Abbiamo bisogno di tutti i musicisti e gli insegnanti per sostenere questo progetto. Nella parte orientale dell’Europa questo strumento è sempre stato presente e nessuno deve chiedere che cos’è. Qui a volte le persone sono sorprese, ma penso che ora Youtube stia accrescendo la consapevolezza generale. Anche io non sapevo quanti fisarmonicisti ci fossero nel mondo! Penso che andrà solo meglio.

Milos Milivojevic è stato un vero piacere e ti ringrazio per il tempo che ci hai concesso, anche da parte di tutti i lettori di Strumenti&Musica.

Grazie Romano!

Autore: Daniele Cestellini

Daniele Cestellini ha scritto 752 articoli.

Questo post è disponibile anche in: Inglese



Gli appuntamenti

  • 24 settembre 201871° Coupe Mondiale (CIA)
  • 21 novembre 2018Strumenti&Musica Festival
AEC v1.0.4

News


In evidenza

Bianco e Sponta i

Bianco e Sponta i "portabandiera" dell'Italia alla Coupe Mondiale 2018

Altissimo il livello di preparazione di tutti i concorrenti e non facile il compito della giuria, se[...]

Le recensioni di S&M: MAGIP – GB Project

Le recensioni di S&M: MAGIP – GB Project

Magip deriva dalle iniziali dei nomi della formazione e non è solo un espediente, una trovata per al[...]

Athos Bassissi: il tango argentino come una droga

Athos Bassissi: il tango argentino come una droga

Perdutamente innamorato del tango argentino, in possesso di una tecnica solidissima, Athos Bassissi [...]


Concorsi/Festival

Bianco e Sponta i

Bianco e Sponta i "portabandiera" dell'Italia alla Coupe Mondiale 2018

Chiuso il sipario sulla brillante edizione della 70°Coupe Mondiale CIA, la città di Osimo ha ospitat[...]

La “Nuova Coppa Pianisti” torna ad Osimo, dal 31 agosto al 6 settembre

La “Nuova Coppa Pianisti” torna ad Osimo, dal 31 agosto al 6 settembre

Grazie all’associazione “Polo Music”, con il patrocinio del Comune di Osimo (Ancona, Italia) dal 31 [...]

4° Festival della Fisarmonica di Fiemme e di Fassa - Valli dell’Avisio

4° Festival della Fisarmonica di Fiemme e di Fassa - Valli dell’Avisio

Ai nastri di partenza la quarta edizione del Festival della Fisarmonica di Fiemme e di Fassa - Valli[...]

CHIUDI
CLOSE