Le recensioni di S&M: MEDITERRANEAMENTE – Gianluigi Trovesi

6

MEDITERRANEAMENTE

Gianluigi Trovesi

Etichetta discografica: Dodicilune Edizioni Discografiche e Musicali

Anno produzione: 2018

di Stefano Dentice

 

MediterraneamenteUn’impetuosità comunicativa, assai pervasiva, figlia di una sensibilità artistica che arricchisce la mente e l’anima. Mediterraneamente è la nuova creatura discografica partorita dalla feracità di Gianluigi Trovesi (clarinetto alto e sax alto), che in questa avventura è coadiuvato da quattro partner dall’irrefutabile spessore come Paolo Manzolini (chitarra), Marco Esposito (basso), Vittorio Marinoni (batteria) e Fulvio Maras (percussioni). La tracklist consta di dodici brani, di cui cinque scaturiti dalla fertile vena compositiva di Trovesi (Gargantella, Cadenze Orfiche, Siparietto, Rina e Vigilio e Materiali), mentre Yesterdays (J. Kern – O. Harbach), Carpinese (tradizionale), Tu Ca Nun Chiagne (E. De Curtis – L. Bovio), Tammurriata Nera (E. A. Mario – O. E. Nicolardi), La Suave Melodia (A. Falconieri), Le Mille Bolle Blu (C. A. Rossi – V. Pallavicini) e In Your Own Sweet Way (D. Brubeck) completano la playlist. Il fascinoso mood di Gargantella arriva immediatamente alla pancia dell’ascoltatore. L’eloquio di Trovesi è conciso, ma pregno di ammirevole senso narrativo e descrittivo. Cadenze Orfiche (nelle prime misure) è una composizione immersa nella suspense, dai tratti velatamente inquietanti, per poi svilupparsi verso un mood sgargiante. Gianluigi Trovesi si esprime attraverso un’elocuzione guizzante, spassosa. Materiali, brano criptico per lunghi tratti, si caratterizza per alcune sorprendenti incursioni rockeggianti di particolare effetto, sottolineate dal suono tagliente di Manzolini. Mediterraneamente è un album policromatico, dalle mille sfaccettature, soprattutto sotto l’aspetto stilistico, dal quale emerge una minuziosa ricerca timbrica e compositiva. Un disco assolutamente meritevole di grande considerazione per l’eccellente qualità espressa da Trovesi e dai suoi quattro fulgidi sodali.

 

GUARDA IL VIDEO