Notizie
qr_code

Timisoara Pinto: “Lavorare con lentezza. Enzo Del Re, il corpofonista”

Scritto da
/ / Scrivi un commento

Lavorare con lentezzaTimisoara Pinto è una delle giornaliste musicali più apprezzate nel nostro paese. Conduttrice di varie riviste radiofoniche per la Rai, collaboratrice del magazine Musica Leggere, edito da Coniglio Editore, docente in corsi sulla musica e gli archivi sonori all’Università La Sapienza di Roma, scrittrice. Ha curato, per le edizioni Il Manifesto, “Avanti Pop, i diari del camioncino” ed ha appena pubblicato, per Squilibri Editore, “Lavorare con lentezza. Enzo Del Re, il corpofonista”. Il volume – al quale sono allegati due cd, uno dei quali si configura a come “un tributo alla sua memoria da parte di numerosi artisti che, da Vinicio Capossela a Teresa De Sio, da Antonio Infantino alle Faraualla, da Alessio Lega ai Radicanto, dai Têtes de Bois a Tonino Zurlo, hanno rivisitato alcuni dei suoi brani – è dedicato a Enzo del Re, musicista e cantautore estremamente innovativo e sperimentale, la cui opera e visione musicale sono caratterizzate – come si può evincere dal sottotitolo del libro – da una “competenza” musicale molto particolare. Del Re, infatti, suonava ogni cosa con disinvoltura, avvolgendo le sue stesse parole in un panorama sonoro del tutto inusuale. Non era solo la musica a caratterizzare la narrazione di Enzo Del Re. Anche la sua produzione in versi ha avuto un ruolo centrale nel definire il profilo di una forma di cantautorato sperimentale, ma anche politico e di forte impegno civile. Allora come ricostruire la storia di un’artista così complesso? Timisoara Pinto lascia parlare i tanti che lo hanno conosciuto e che hanno condiviso con lui battaglie e visioni: da Dario Fo a Giovanna Marini, da Antonio Infantino a Vinicio Capossela, da Paolo Ciarchi a Andrea Satta, da Vittorio Franceschi a Piero Nissim. Come si può leggere nelle note introduttive, il volume “ricostruisce la vicenda umana e artistica di un autore così iconograficamente arcaico, eppure straordinariamente contemporaneo, da rappresentare, con i ritmi della sua lingua e della sua sedia, un anticipatore e un archetipo per tanta cultura musicale giovanile di oggi, come il rap e la techno”.

 

Autore: Daniele Cestellini

Daniele Cestellini ha scritto 752 articoli.

Questo post è disponibile anche in: Inglese

Scrivi un commento

Devi essere connesso per inserire un commento.



Gli appuntamenti

  • Nessun evento imminente
AEC v1.0.4

News


In evidenza

Carmine Ioanna: musica senza barriere né etichette

Carmine Ioanna: musica senza barriere né etichette

Carmine Ioanna è uno fra i fisarmonicisti italiani più creativi ed eclettici sulla scena odierna. Vu[...]

Un riconoscimento a Massimiliano Pitocco tra le Cento Eccellenze Italiane

Un riconoscimento a Massimiliano Pitocco tra le Cento Eccellenze Italiane

Si è svolta Giovedì 29 Novembre presso la Sala della Lupa in Palazzo Montecitorio la consegna del Pr[...]

Felice Fugazza (1922 - 2007) - prima parte

Felice Fugazza (1922 - 2007) - prima parte

Nei precedenti articoli abbiamo messo in evidenza come negli anni Trenta e soprattutto Quaranta del [...]


Concorsi/Festival

JAF 2018 - Domenica l’ultimo appuntamento della terza edizione

JAF 2018 - Domenica l’ultimo appuntamento della terza edizione

AccorDuo e Beier al Jazz Accordion Festival   CASTELFIDARDO - Un matiné elegante e ritmat[...]

Al Jazz Accordion Festival di Castelfidardo il talento di Beier

Al Jazz Accordion Festival di Castelfidardo il talento di Beier

Sabato al circolo Boccascena, il francese suona con Luca Pecchia e Andrea Alessi   CASTEL[...]

Domenico Saccente apre il Jazz Accordion Festival 2018 di Castelfidardo

Domenico Saccente apre il Jazz Accordion Festival 2018 di Castelfidardo

Venerdì all’On Stage club, ingresso libero, serata di improvvisazioni e jam session Domenico Saccen[...]