Popolare
qr_code

La nuova world music nei progetti delle orchestre multietniche

Scritto da
/ / Scrivi un commento

OMA BouzukiGli anni Duemila potranno essere ricordati come gli anni delle orchestre multietniche. E meno male, perché quello che ci fanno ascoltare è trascinante e il progetto che le ispira ha sempre dei riflessi culturali positivi.

Qui la musica nasce dalla sperimentazione e, come accade nei progetti più riusciti, è ispirata dall’interazione tra i musicisti. Al centro di tutto ci sono i vari livelli di conoscenza. La conoscenza della propria musica e la tecnica esecutiva dei propri strumenti. Il processo di conoscenza della musica degli altri componenti – italiani, indiani, marocchini ecc. La conoscenza derivata dalla costruzione della sintesi tra strutture e metodologie differenti.

L’inizio dei Duemila è stato caratterizzato dalla nascita della POV, l’Orchestra di Piazza Vittorio, che grazie al coordinamento di Mario Tronco ha inaugurato il nuovo corso di una world music partecipata e libera dal peso delle rappresentazioni retoriche.

In questi anni sta emergendo l’esperienza dell’OMA, l’Orchestra Multietnica di Arezzo. A differenza della prima, si configura come un laboratorio aperto, con una struttura elastica e meno definita. Come precisano gli stessi musicisti dell’orchestra, l’OMA ha mantenuto “la caratteristica del laboratorio permanente, tuttora aperto a nuovi inserimenti, soprattutto per quanto riguarda i musicisti stranieri. Il laboratorio permanente, così come le tante altre attività rivolte anche al mondo della scuola, che i musicisti dell’OMA realizzano nel corso dell’anno nel proprio territorio, costituiscono un forte contributo alla creazione di una società locale multiculturale coesa, in cui la diversità culturale sia considerata come un valore ed un arricchimento reciproco”.

Autore: Daniele Cestellini

Daniele Cestellini ha scritto 752 articoli.

Questo post è disponibile anche in: Inglese



Gli appuntamenti

  • Nessun evento imminente
AEC v1.0.4

News


In evidenza

Le recensioni di S&M: LA BELLEZZA DELL’ESSENZIALE – Nello Mallardo

Le recensioni di S&M: LA BELLEZZA DELL’ESSENZIALE – Nello Mallardo

La sceltezza della cantabilità che si interseca in modo simbiotico con un senso melodico di pregevol[...]

Carmine Ioanna: musica senza barriere né etichette

Carmine Ioanna: musica senza barriere né etichette

Carmine Ioanna è uno fra i fisarmonicisti italiani più creativi ed eclettici sulla scena odierna. Vu[...]

Un riconoscimento a Massimiliano Pitocco tra le Cento Eccellenze Italiane

Un riconoscimento a Massimiliano Pitocco tra le Cento Eccellenze Italiane

Si è svolta Giovedì 29 Novembre presso la Sala della Lupa in Palazzo Montecitorio la consegna del Pr[...]


Concorsi/Festival

Samuele Telari vince il 26°

Samuele Telari vince il 26° "Arrasate Hiria" International Accordion Competition

Un altro successo per il musicista Spoletino che si conferma uno dei più attivi e poliedrici fisarmo[...]

JAF 2018 - Domenica l’ultimo appuntamento della terza edizione

JAF 2018 - Domenica l’ultimo appuntamento della terza edizione

AccorDuo e Beier al Jazz Accordion Festival   CASTELFIDARDO - Un matiné elegante e ritmat[...]

Al Jazz Accordion Festival di Castelfidardo il talento di Beier

Al Jazz Accordion Festival di Castelfidardo il talento di Beier

Sabato al circolo Boccascena, il francese suona con Luca Pecchia e Andrea Alessi   CASTEL[...]