Concorsi/Festival
qr_code

Amsterdam: “Il Fiore delle Mille e una Nota 3″ – 1° parte

Scritto da
/ / Scrivi un commento
IL FIORE DELLE MILLE E UNA NOTA 3
fisarmonica classica / danza contemporanea / poesia
Amsterdam/Urbino 2014

 

Il Fiore delle Mille e una Nota 3Si è svolta ad Amsterdam, lo scorso 3-4 Aprile, la prima parte del festival “Il Fiore delle Mille e una Nota 3″.

L’evento è stato organizzato e curato da Kathleen Delaney Dance Co e Accademia Fisarmonicistica – una piattaforma di ricerca nell’ambito della produzione e della pedagogia della musica e della danza contemporanea. L’iniziativa raccoglie i frutti del lavoro didattico svolto nell’ultimo anno con gli allievi dei corsi tenuti da Claudio Jacomucci (fisarmonica) e Kathleen Delaney (Tecnica Alexander), aprendosi ad altri artisti incontrati lungo il percorso e con cui si condividono visioni.

La rassegna mantiene ogni anno la stessa attenzione alla varietà di proposte, alternando i momenti solistici della pratica musicale e poetica, al quartetto di musica e danza fino a grandi momenti d’insieme.

Ospiti dell’Istituto Italiano di Cultura di Amsterdam, I Musicisti dell’Accademia Fisarmonicistica (Vincenzo De Nitto, Fabio Palma, Andrzej Grzybowski, Przemek Wojchiechowski, Marco Pasculli, Ezio Testa) hanno proposto un programma esclusivamente musicale con opere originali e trascritte per la fisarmonica classica, strumento di grande attualità nella musica classica contemporanea. Composizioni di Ligeti, Bizet, Kusyakov, Tiensuu, Krzanowski, Jacomucci, Roberto Beltrami, Takahashi, Ganzer, Pärt, Bach, Ginastera, Komitas, Vlasov e Taktakishvili.

Il 4 Aprile, presso la celeberrima sala della Bimhuis, luogo storico per la musica improvvisata e di confine, è andata in scena Suite Venetienne/Follow me, una nuova creazione della coreografa Kathleen Delaney ispirata dall’intrigante testo multimediale della fotografa Sophie Calle, che seguiva sconosciuti per fotografarli, e che in questo testo documenta con pensieri e fotografie un viaggio nella labirintica città di Venezia, compiuto in incognito alla ricerca di un uomo incontrato brevemente a Parigi. Interpretato dalla stessa Delaney, coreografa attiva sul panorama internazionale de diversi anni, e dal danzatore Roberto Lori (già interprete per Simona Bucci, Virgilio Sieni, Monica Casadei), il lavoro è impreziosito dalla presenza dei noti musicisti Claudio Jacomucci e Daniele Roccato, rispettivamente fisarmonicista e contrabbassista che vantano esperienze di spicco nel panorama della musica contemporanea.

A seguire, due composizioni per coro e fisarmoniche: Arcana, un brano per coro e ensemble di fisarmoniche di Claudio Jacomucci. Il Coro Polifonico Durantino di Urbania, sotto la direzione di Simone Spinaci (nel doppio ruolo di direttore cantante solista) hanno esplorato le modalità vocali e strumentali di alcune tradizioni musicali distanti fra loro (canto Inuit, Kecac, canto armonico, musica carnatica e shakuhachi).

Infine, Olson III (1967), che può essere considerata una delle più potenti composizioni dal compositore minimalista Terry Riley. Basata sulla ripetizione di brevi frammenti di testo e pattern musicali, si avvale della creatività degli interpreti e dell’ascolto reciproco per costruire tessiture molto suggestive, un processo performativo-compositivo molto simile alla famosa “In C” dello stesso Riley. Il brano è ispirato dalla filosofia Zen, ai Raga Indiani, e al Gamelan Balinese. Olson III è stato interpretato da coro, ensemble di fisarmoniche e dai danzatori Kathleen Delaney e Roberto Lori.

La seconda parte del festival si terrà invece a Urbino, al Teatro Raffaello Sanzio il 6-7 Giugno e riproporrà il programma olandese con un’ospite d’eccezione: la poetessa Mariangela Gualtieri, fondatrice del Teatro Valdoca insieme a Cesare Ronconi, che presenterà Fraternità Solare, una serie di poesie che convivono in partitura musicale creata da Claudio Jacomucci per 6 fisarmoniche, disposte secondo un criterio di spazializzazione acustica, che creano tessiture e risonanze a fare da eco alla parola e a sollecitare l’irrompere dall’immaginario. Un omaggio alla natura, all’umano che tocca le corde del cuore e della mente, sfiora la pelle e la memoria dell’ascoltatore con un gesto tanto delicato quanto indelebile.

 

CONSULTA IL PROGRAMMA DETTAGLIATO DELLA MANIFESTAZIONE

Autore: Gianluca Bibiani

Gianluca Bibiani ha scritto 1089 articoli.

Questo post è disponibile anche in: Inglese



Gli appuntamenti

  • 17 luglio 2018Selezione Nazionale COUPE MONDIALE (CIA)
  • 24 settembre 201871° Coupe Mondiale (CIA)
  • 21 novembre 2018Strumenti&Musica Festival
AEC v1.0.4

News


In evidenza

He comprends riens dans la musique (quarta parte)

He comprends riens dans la musique (quarta parte)

Dopo il successo di L’oiseau de feu, quello di Petrouschka (1911). Nel nuovo lavoro di Igor Stravins[...]

Marc Berthomieux: la melodia come colonna portante

Marc Berthomieux: la melodia come colonna portante

Fisarmonicista di punta della scena francese e non solo, Marc Berthomieux è un musicista estremament[...]

Adamo Volpi (1911 - 1980) - seconda parte

Adamo Volpi (1911 - 1980) - seconda parte

Nel precedente articolo abbiamo visto che il primo pezzo per fisarmonica pubblicato da Adamo Volpi f[...]

Concorsi/Festival

Il Conservatorio di Cagliari indice il 1°concorso di composizione per bandoneón

Il Conservatorio di Cagliari indice il 1°concorso di composizione per bandoneón

Al via il primo concorso al mondo in composizione per bandoneón L’iniziativa nasce per emancipare l[...]

Sax Arts Festival 2018 - anteprima di prestigio con Pablo Ziegler

Sax Arts Festival 2018 - anteprima di prestigio con Pablo Ziegler

Il SaxArts Festival apre l'edizione 2018 con una anteprima prestigiosa di livello internazionale. Sa[...]

Ultimi giorni per iscriversi alle selezioni del folkcontest Etnie Musicali

Ultimi giorni per iscriversi alle selezioni del folkcontest Etnie Musicali

Ultimi giorni per inviare il materiale audio/video ed accedere alle selezioni del folkcontest Etnie [...]

CHIUDI
CLOSE