Notizie
qr_code

“Colori e suoni. L’Incanto di un incontro”. Riflessioni su Mantegna

Scritto da
/ / Scrivi un commento

Tondo CorsiniSegnaliamo un’interessante iniziativa che non interessa direttamente le musiche popolari ma riconduce ugualmente all’idea di musica come comportamento culturale. E soprattutto di musica come simbolo e strumento di espressione. Si tratta di “Colori e suoni. L’Incanto di un incontro: Andrea Mantegna, dalla Camera picta di Mantova a Il Parnaso per lo studiolo di Isabella D’Este”, l’iniziativa a cura della Fondazione Ranieri di Sorbello, che si svolgerà presso la sede della Fondazione in Piazza Piccinino a Perugia. L’evento è a ingresso libero e si svolgerà in due appuntamenti. Il primo è previsto venerdì 6 marzo e verterà sul tema “Passione per l’antico. Andrea Mantegna, dalla Camera picta di Mantova a Il Parnaso per lo studiolo di Isabella D’Este”. Il secondo si svolgerà venerdì 27 marzo sul tema “Inquietudine e bizzaria. Il Tondo Corsini La Madonna col Bambino, San Giovanni Battista e angeli di Filippino Lippi”. Entrambi gli appuntamenti saranno coordinati da Stefano ragni (Conservatorio e Università per Stranieri di Perugia e Membro del Consiglio della Fondazione Ranieri di Sorbello) e presenziati da Emidio De Albertis (Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia) e Stefano A. Graziano (musicologo). Come si può leggere nelle note informative, l’opera di Andrea Mantegna (1461-1506) è famosa per la sua capacità di “studiare e di riprodurre l’Antichità classica in modo evocativamente fedele e per la sua pittura in cui trionfa un illusionismo architettonico-spaziale teso alla dilatazione del reale mediante arditi scorci prospettici”. In particolare, Il Parnaso “è un perfetto esempio di evocazione del mito classico (Apollo e le Muse, anche se a lungo si pensò, per Apollo, a Orfeo, testimoni dell’amore proibito, ma benevolmente accettato, di Venere e Marte: un amore gradito al concilio degli dei tranne che a Vulcano, legittimo consorte di Venere)” e, in generale, “l’iconografia complessa e la squisita fattura dell’opera costituiscono di per sé un viatico per l’idea stessa connessa all’armonia (anche musicale) del Rinascimento”.

Autore: Daniele Cestellini

Daniele Cestellini ha scritto 752 articoli.

Questo post è disponibile anche in: Inglese



Gli appuntamenti

  • 17 luglio 2018Selezione Nazionale COUPE MONDIALE (CIA)
  • 24 settembre 201871° Coupe Mondiale (CIA)
  • 21 novembre 2018Strumenti&Musica Festival
AEC v1.0.4

News


In evidenza

He comprends riens dans la musique (quarta parte)

He comprends riens dans la musique (quarta parte)

Dopo il successo di L’oiseau de feu, quello di Petrouschka (1911). Nel nuovo lavoro di Igor Stravins[...]

Marc Berthomieux: la melodia come colonna portante

Marc Berthomieux: la melodia come colonna portante

Fisarmonicista di punta della scena francese e non solo, Marc Berthomieux è un musicista estremament[...]

Adamo Volpi (1911 - 1980) - seconda parte

Adamo Volpi (1911 - 1980) - seconda parte

Nel precedente articolo abbiamo visto che il primo pezzo per fisarmonica pubblicato da Adamo Volpi f[...]


Concorsi/Festival

Il Conservatorio di Cagliari indice il 1°concorso di composizione per bandoneón

Il Conservatorio di Cagliari indice il 1°concorso di composizione per bandoneón

Al via il primo concorso al mondo in composizione per bandoneón L’iniziativa nasce per emancipare l[...]

Sax Arts Festival 2018 - anteprima di prestigio con Pablo Ziegler

Sax Arts Festival 2018 - anteprima di prestigio con Pablo Ziegler

Il SaxArts Festival apre l'edizione 2018 con una anteprima prestigiosa di livello internazionale. Sa[...]

Ultimi giorni per iscriversi alle selezioni del folkcontest Etnie Musicali

Ultimi giorni per iscriversi alle selezioni del folkcontest Etnie Musicali

Ultimi giorni per inviare il materiale audio/video ed accedere alle selezioni del folkcontest Etnie [...]

CHIUDI
CLOSE