Musiche tradizionali di Aggius: Squilibri pubblica un volume e due CD

23

launeddas LaiÈ appena uscito per l’editore Squilibri “Musiche tradizionali di Aggius. Le registrazioni del CNSMP (1950-1962)”, a cura di Marco Lutzu. Il volume si inserisce nella collana ETM, che l’editore di Roma dedica – ormai da diversi anni a questa parte – agli studi etnomusicologici, spesso ripercorrendo, in una prospettiva storica aggiornata dentro una cornice analitica contemporanea, i repertori delle tante aree del nostro paese, documentati dagli anni Cinquanta a oggi. Repertori particolarmente significativi soprattutto per la storia della nostra etnomusicologia, che nei decenni successivi alla seconda guerra mondiale ha organizzato una ricognizione analitica delle musiche di tradizione orale italiane e non solo. Marco Lutzu – etnomusicologo sardo e curatore, insieme a Francesco Casu, dell’Enciclopedia della Musica Sarda – ripercorre un periodo di documentazione che dal gennaio 1950 arriva fino al marzo del 1962. Un progetto articolato e rivolto alla documentazione dei repertori e delle modalità esecutive a cui hanno preso parte molti studiosi, coordinati da Giorgio Nataletti e Diego Carpitella, e che grazie a questa pubblicazione sono ora trasposti nei due cd allegati al volume. Come si può leggere nelle note informative del volume, i cd contengono “una grande varietà di forme espressive”, ma soprattutto il canto “a tsinga”, “ancora oggi considerato dai cantori locali l’elemento cardine della propria identità culturale”. Il volume rappresenta anche l’avvio di un nuovo progetto di Squilibri, volto alla pubblicazione dei documenti relativi alla Sardegna conservati presso gli Archivi di Etnomusicologia, “con la costituzione di un comitato scientifico coordinato da Ignazio Macchiarella”.